Accueil
Envoyer à un ami
Version imprimable
Partager

14 di ghjennaghju di u 1732, a battaglia di l'ape di Calinzana

Almenu una volta in a storia, l'ape si sò mubilizate per purtà succorsu à i patriotti corsi in guerra contr'à Genuva. Simu in Balagna, in u 1732.



14 di ghjennaghju di u 1732, a battaglia di l'ape di Calinzana
In u 1729 principiava a rivolta di Corsica contr'à Genuva, chì sbuccerà nant'à l'indipendenza è u guvernu di Paoli, 26 anni più tardi.

Custì semu in u 1731. Dui anni dopu, l'ordine ùn hè ancu ristabilitu in l'isula. I Balanini dinù sò entrati in resistenza è danu a pena in capu à i Genuvesi. À tal puntu ch'elli chjamanu l'imperatore d'Alemagna, Carlu VI, per aiutalli.

D'agostu 1731, sò 3600 suldati tedeschi chì sbarcanu in Bastia, cumandanti da u generale Wachtendonck. Di settembre, sò 600 novi suldati in più chì venenu, cummandati da u generale De Vins.

Ma di ghjennaghju 1732, De Vins si sente appena troppu in cunfidenza. Decide di piglià u paese di Calinzana. Pochi armati, senza veramente sperienza militare, Calzaninchi ùn puderanu tene troppu tempu.

Tandu, un apicultore hà l'idea d'utilizà e so ape cum'è arma. Hà inventatu una sorte di guerra ecologica. Face a distribuzione di bugni à i paisani chì s'approntanu à riceve i suldati alemani. I bugni sò messi à e finestre di e case. À fianc'à i patriotti corsi, l'ape sò in postu è aspettanu.

Quandu i Tedeschi facenu per entre in u paese, in più di e fucilate è di l'oliu caldu, si ricevenu in faccia i bugni piene d'ape arrabiate chì zìnganu è pugnenu i poveri suldati. Hè un scumpientu. Innù a panicca, l'alemani cappianu e so arme, chì Calzaninchi ricupereghjanu. U generale De Vins hè addisperatu. S'era appruntatu à tuttu, ma micca à l'ape.

Ci vole à crede ch'ellu ùn hè veramente micca u ghjornu di u poveru genereale De Vins. U rinforzu di i patriotti vene prestu postu chì in Ziglia, ci hè u generale Giafferri chì tene a so cunsulta. Amparendu a nutizia, si rendenu in Calinzana per purtà u rinforzu à i so paisani. Duiecentu alemani sarianu stati tombi quellu ghjornu.

Allora di siguru, ùn si sà ciò chì hè a parte di legenda, è a parte di verità. U mitu s'hè impatrunitu di a storia, chì ùn hè siguramente micca cusì sèmplice. Ma sempre avà, nant'à u campanile di u paese di Calinzana, si pò leghje una lastra chì dice chì quì, ci hè statu una battaglia u 14 ghjennaghju 1732. A memoria pupulare hè tenutu u ricordu di a battaglia, è u locu si chjama Campu santu di i tedeschi.

Ùn hè forse micca tuttu veru, ma avà, truverete un altru gustu à u mele di Calinzana...

A lastra nant'à u campanile di Calinzana.
14 di ghjennaghju di u 1732, a battaglia di l'ape di Calinzana

A storia cuntata in Histoire de la Corse en bandes dessinées ; testi di Jacques Gregori, dissegni di Tony Casalonga, buscighe di Francescu Mattei (Éd. Cyrnos et Méditérranée, 1975).

St'articulu hè statu traduttu nant'à u situ Ampargu a lingua corsa.
14 di ghjennaghju di u 1732, a battaglia di l'ape di Calinzana

u 15 di Ghjenaghju 2015



1.mandatu da Calzanincu u 13/05/2014 07:19
D'altri tempi, Corsi eranu non solu curagiosi e arditi mà dino intelligenti !!! Mà ghjera nanzu ! Merci quantunque à a Piazzetta di ramintà sta stonda gloriusa di a nostra storia.

2.mandatu da stella capicursina u 13/05/2014 09:07
sô d'accunsentu cun calzanincu, ghjè un veru piacè di leghje a nostra storia cuntata da a piazzetta.
a prossima volta i casgi bunifazinchi?

3.mandatu da ù trapanadu u 13/05/2014 11:56
Chi piacé di leghje a storia cuntata da a piazzetta.eiu cuniscia sta storia..forse l'espressione "pinzuta" "pas folle la guépe" veneria di sta vittoria.......u mio cacaru mi dicia sempre: "i veri corsi so morti i ponte novu".ma cume dice Calazanincu ghjera nanzu...

4.mandatu da jo la déprime u 14/05/2014 19:28
Ci n'è ci vuleria torna qualchi une... Postu chi anc'oghje simu occupati . Più di 2200 abitanti è s'è vò truvate 700 corsi , vi dò una medaglia .

5.mandatu da CorsicaNatura u 16/05/2014 23:21
La forza della Corsica e' da sempre la natura.
La natura da vita, forza e futuro mica la bettonizzazione.
Sento ronzio "zzzzzzzzzzzz" di libertà!

6.mandatu da Ghjuvanluca u 17/01/2015 11:56
Bella storia.

7.mandatu da aCiaccera u 17/01/2015 15:05
U ringraziu per st'omaggiu à l'animali balanini eroichi !

8.mandatu da Giacomoni u 17/01/2015 15:40
Fù canonicu è arciprete Fr. Saravelli-Retali, curatu di Calenzana, m’avia mandatu in u 1993 per studiu, un documentu manuscrittu di l’epica, inseritu in un registru di a parochja chì rilateghja in talianu l’anni 1732/1735 da un fidele à Ghjenuva (Genova). In stu scrittu, ùn si parla micca di ape ma u racontu vistu da latu corso-ghjenuvese ci ghjova.

Traduciu:
A matina di u 14 ghjennaghju 1732, un distaccamentu di trè mila (3000) fanti di l’armata Imperiale cumposta dinù di Calvesi è Algaiulesi, u generale (o u guvernatore?) in testa, s’avanzò per sottumette (« soggiocare ») la Terra di « Calenza ». In i primi assalti, fù tombu in fondi di vigne, u nobile Anton Battista Guidoni di Carlo Francesco, omu veramente animosu è guerrieru. Arrivati versu la chjesa di San Biasgiu (Santo Biaggio), restornu morti di nostri : Simone quondam Nicolo, u Riverendu Prete Giacomo Francesco Laurentij, Orsogiacomo di Nunzio Tarquinij, Giovan Santo omu di casa di dettu Carlu Francescu, l’alfier Giacomo di Domenico Marini è Maria q. Andria Pandolfi è unu di Muru chì morse in seguitu di detta armata versu e vigne. Antonpadovano restò feritu è Martino q. Donato, Santo di Agostino, Giuseppemaria Tarquinij è Giovan Santo d’Ascu stante in Calenza.
A strage (Stragge) chì seguì di detta armata indicheghja chì in « una fossa » sottu a via di a chjesa di San Biasgiu sò stati sepelliti novanta dui (92) « dalla Crocetta del pian d’aregno a Calvi » in ogni locu si ritruvava cadaveri sin’à u fiume di Calvi è di là di u fiume è per tutta l’arena, ci fù gran strage ; i feriti si « aggiacciorno » e cascavanu morti è per quantu si hè intesu chì di i detti distaccati, vi ne riturnasse solu cinquecentu (500) di liberi è si suppone calvesi è algaiulesi più pratichi è chì si ne scapponu più prestu (presero più presto la fuga). Vintinove (29) ne restò in Calinzana, maiò parte feriti è murianu pocu à pocu. In l’altra Balagna 13 prigiuneri, un tenente prigiuneru in casa di u tenente generale Giovan Francesco Bonaccorsi. Questu si dice per memoria di e nostre rivoluzione è guerra cusì pestifera nè u regnu è specialmente u nostru poveru populu più incendiatu d’ogn’altru. In dettu fossu (talche in d.o fosso) cun quelli chì sò morti da prigiuneri, funu centu è trè (103).

23 aprile 1732 hè cumparsa un’armata di dodeci mila fanti (12 000) accumpagnata da Federico Luiggi, Duca di Virtenberg mediante l’assoluzione generale ci simu aresi è in pochi ghjorni si hè aresu u Regnu in pace cun la nostra Serenissima Republica di Ghjenuva. Chì Iddiu ci dia grazia gode cun ella una perpetua tranquillità…

Casticu di sicchia è sterilità di acqua fin’à u 18 ottobre 1734, e funtane ridutte guasi à nunda, vinu à 16 è 20 solli u fiascu ; sumente di 1732 à 1735 assai care, u granu solli 30 u bacinu, a segala 24, l’orzu 16. È u peghju ghjè chì a ghjente d’Orezza cù i Capi Giafferi (Ciafferi) Ceccaldi (Cieccaldi) è Ghjacintu (Giacinto) Paoli, dopu a reddizione è a pace di u Principe Virtenbergh, si missenu torna in guerra contr’à a nostra serenissima republica di Ghjenuva.

Lugliu 1735, vense Cummisariu Generale in Corsica, Felice Pinello per fà cumpagnie di sullati in Balagna è in tuttu u Regnu, vale à dì di fideli.

9.mandatu da Giacomoni u 17/01/2015 15:42
Mi sò scurdatu di signà:

Luigi G.

10.mandatu da sardu u 17/01/2015 15:59 (da un teleffuninu)
Genova é la superba, non la serenissima o luigi, comunque bellissimo resoconto:)

11.mandatu da Giacomoni u 17/01/2015 18:40
À Sardu :
Tanti ringrazii per a loda.
Per u restu, « serenissima » quant’è Venezia. Superba, orgugliosa ? Soca si cridia invincevule. Spietata. Ma hà avutu ancu clemenza. Ùn hè a sola di tante putenze sparite ! Ma a so stampa ne ferma sempre.

Luigi G.

12.mandatu da Giacomoni u 18/01/2015 09:14
In l’articulu quì sopra, si tratta di u generale (in abreviazione G.le) « avanti » (davanti) l’armata imperiale in Calvi chì ghjè ammintatu in ‘ssu scrittu cù un distaccamentu di trè mila fanti per sottumette a Terra di Calenzana (Calenza in u testu) poi « arrivati » in Calenza in fondu (di) vigne fù tombu u nobile Anton Battista Guidoni poi dopu « arrivati » versu a chjesa di San Biasgiu, sò morti di nostri …..(seguita quì sopra).
Per u Riverendu Prete (Giacomo Francesco Laurentij) puderebbe esse u Riverendu Padre per via di a fotocopia chì ùn hè micca cumpletta. P. designeghja un prete di parochja è P.re un padre di cunventu. U padre o patre dice a messa, u frate nò. U Padre superiore cummanda i frati.

Luigi G.

13.mandatu da sardu u 18/01/2015 10:10 (da un teleffuninu)
Bravo s.re Luigi per i dettagli.

14.mandatu da guerrini u 19/01/2015 10:31
Mitu o fattu reale a battaglia di 14 di ghjennaghju in Calinzana , per via di l'ape hè un resu contu magistrale .
L'articulu di Luiggi Giacomoni ùn ci conta micca a disfatta di i tedeschi per via di l'ape.
Ma issu sapientone hà sempre qualcosa à dì !

Novu cumentu :