Accueil
Envoyer à un ami
Version imprimable
Partager

17 di ghjugnu di u 1943 : Giusti è Mondoloni

Hè u 17 di ghjugnu di u 1943 chì dui resistenti corsi, André Giusti è Jules MondoIoni sò tombi da i facisti in una fucilata in Aiacciu.



17 di ghjugnu di u 1943 : Giusti è Mondoloni
Eramu in u 43.

Dapoi l’ondeci di nuvembre di u 1942, sò à pocu pressu 85.000 suldati italiani chi occupanu a Corsica. E truppe di Mussolini stallanu u so cummandu in Corti è un distaccamentu in ogni cantone.

A pulizza pulitica facista accumpagna i militarii : l’OVRA (Opera Volontaria di Repressione Antifascista), spezia di Gestapo taliana. Stu serviziu secretu arresta a ghjente è apre un campu di prigiuneri in Prunelli di Fiumorbu. Stu locu tene più da u Stalag 13 di u Kolonel Klink ch'è di u veru campu.

I Corsi sò presi trà i puteri publichi corsi chì cullaboreghjanu incù Vichy è l’occupazione militaria taliana. A resistenza si face subitu è s’organizeghja sott’à u nome di Fronte Naziunale (nunda à chì vede incu u FN di Marine Le Pen chì sarìa piuttostu statu indè l’altru campu).

Ind'a notte di u primu à u dui di feraghju di u 1943, in Saleccia, u sottumarinu « Casabianca » sbarca 13 tone d’arme pè i resistenti corsi.

U 17 di ghjugnu 1943, indè a « Brasserie nouvelle », 50 corsu Napoléon in Aiacciu, sò adduniti Jules Mondoloni, André Giusti è Pierre Stefanaggi. Aspettanu tutti à Jean Nicoli per una reunione secreta.

Versu 7 ore di sera, sbarcanu e truppe d’occupazione. Ottu militarii fascista di u contru-spiunagiu entrenu per truvalli. U caffè tandu ùn era micca un locu « lounge & sushi » ma un dipositu per u materiale di a resistenza.

Sapendusi presi, i Corsi facenu saltà u piombu.

Maurice Choury, cugnatu di Danielle Casanova è resistente corsu conta a fucilata: " Sur le point d’être fouillé, André Giusti sort son parabellum. Le brigadier Bisogna se jette sur lui mais est abattu par Jules Mondoloni. C’est le signal d’une fusillade générale au cours de laquelle Giusti et Mondoloni abattent l’adjudant-chef Sias et le carabinier Francesco Coppi et tombent à leur tour sous les coups de renforts italiens accourus au bruit. "

Giusti, face diversione è sorte da u caffè tirandu nant’à i nemichi. Mondoloni hè feritu, fattu prigiuneru si ne more quarant'ottu ore dopu à l'ospidale «Eugénie» d’Aiacciu induve Jean Nicoli riescerà à vedelu, di notte, à l’appiattu. L’omu ùn hà micca parlatu, i sicreti di a resistenza fermanu salvi.

I dui cumbattenti corsi sì sò sacrificati per permette à i so cumpagni di scappà è di cuntinvuà a lotta di liberazione.
Per vindicassi, l’armata taliana arresta a ghjente di u paese di Jules Mondoloni : 45 persone di u Pitretu è Bicchisgià sò arrestate, 33 seranu depurtate.

Dumenicu Lucchini dettu «Ribellu» (quellu di a canzona di Canta « E tù, Dumenicu »...) piglierà a seguita di Mondoloni cum'è capimachja di u Fronte Naziunale da Tallà sin’a Pitretu Bicchisgià è Portipoddu.

Giusti avia 37 anni. Mondoloni avia 29 anni.

A Corsica serà liberata d'ottobre di u 43.

Hélène Chaubin, scrive in u so libru « La Corse à l’épreuve de la guerre 1939-1945 »: « (En Corse) la population a répondu à un ordre d’insurrection contre les occupants sans attendre le secours d’un débarquement allié : ce choix n’a pu être répété nulle part ailleurs. Aussi, la mémoire de l’évènement s’inscrit-elle dans une vision héroïsante, constitutive d’une identité qui repose sur l’esprit de liberté et la tradition du courage. »

In Aiacciu, u locu di a fucilata


Canta u Populu Corsu, "Lettera à Nicoli"


Ghjuvanpaulu Poletti, "Tù, Dumenicu"



u 16 di Ghjugnu 2015
Pinnatu


Da u più recente à u più anzianu | Da u più anzianu à u più recente

68.mandatu da marcu u 17/07/2015 09:46
il solo fatto che si chiamasse PASQUALE DE PAOLI e voi ora lo chiamate PASCAL PAOLI' fa capire quanto voi corsi ora siete lontani dalla verità....

67.mandatu da avanti ragazzi di budapest u 10/07/2015 00:57
UN L'HAI ANCU CAPITU PERCHE SO MORTI PER A CORSICA FRANCESE IN QUANTU ERANU NAZIUNALISTI FRANCESI PER A MAIORE PARTE DU U PCF CUNISCIUTU PER U SO AMORE DI A REP FRANCESE E U SO ODIU DI L'ITALIA E DI I TALIANI U SECONDU ESSENDU A CUNSEQUENZA DI U PRIMU.PRIMA LEGHJI I POSTS SENO UN CI SBOCCHI!!!

66.mandatu da Pumataghju u 08/07/2015 11:31
Ghjustu una dumanda: perchè i Patriotti Corsi ùn anu prufittatu di a liberazione di a Corsica da i taliani pè pruclamà l'INDIPENDENZA (da a Francia è da l'Italia)?

65.mandatu da EVIVA SANPIERU C''''''''''''''''''''''''''''''''HA TOMBU NIMICU , EVIVA SANPIERU C''''''''''''''''''''''''''''''''HA TOMBU A SARRA u 05/07/2015 05:37
Eviva Sanpieru corsu

64.mandatu da EVIVA SANPIERU C''''''''HA TOMBU NIMICU , EVIVA SANPIERU C''''''''HA TOMBU A SARRA u 05/07/2015 05:36
Eviva Sanpieru

63.mandatu da sardu u 01/07/2015 22:18 (da un teleffuninu)
Vicinu e basta...ghjustu...e basta

62.mandatu da avanti ragazzi di budapest u 01/07/2015 20:36
QUESTU SI U SUGHJETTU CHI CI FACE VIAGHJA E PARLA:o sardu si piu vicinu da un talianu che noi da un francese puru se ci so assai cullaboratori inde noi!

61.mandatu da sardu u 01/07/2015 18:00 (da un teleffuninu)
Tu puoi essere solo fiero perche ERAun grande paese...ma basta...troppo facile cosi

60.mandatu da sardu u 01/07/2015 17:59 (da un teleffuninu)
WAGNER ERA UN CLASSICO EUROPEO DI QUEL TEMPO...RAZZISTA E CHE PENSAVA FOSSIMO FUORI DAL MONDO...INFATTI...DICEVA CHE LA SARDEGNA ERA UN ALTRA COSA!!!

59.mandatu da sardu u 01/07/2015 17:57 (da un teleffuninu)
PENSANO ALL ITALIA PENASANO ALLA SARDEGNA????

58.mandatu da sardu u 01/07/2015 17:57 (da un teleffuninu)
ALTRU SARDU...NON VUOL DIRE PERCHE L ITALIA E UN GRANDE PAESE CN MILLE DIALETTI...DI CUI IL SARDO NON LO E...E PERCHE SIAMO VICINI CHE SIAMO UN UNICO PAESE...IO NON NE FACCIO PARTE PERCHE NON SONO ITALICO...SIAMO SOLO STATI CONQUISTATI...MA QUANDO

57.mandatu da Altru sardu u 01/07/2015 17:52
Quello che fa di noi Italiani è esattamente quello che fa dei Siciliani o dei Trentini, tremila anni di storia comune, dagli etruschi in poi, passando per i Romani, già 2000 anni fa parlavamo tutti la stessa lingua ed eravamo un popolo unico di mille etnie diverse, tanti dialetti italiani hanno parole e modi simili al sardo, le due righe che ho allegato sono estratti dal Wagner, ma puoi leggere anche Toso (la Sardegna che non parla Sardo).
Non giudicare male chi non la pensa come te, l'italia è un grande paese che ha contribuito non poco nell'evoluzione dell'umanità, con una storia variegata e complessa; se non rititieni di esserne parte mi spiace per te, magari un giorno cambierai Idea.

56.mandatu da sardu u 01/07/2015 17:31 (da un teleffuninu)
Volesse*

55.mandatu da sardu u 01/07/2015 17:24 (da un teleffuninu)
A RICORDARE CERTI ARGOMENTI...MA ANCHE A CAPIRLI..SIGNOR PROFESSORE ITALIOTA

54.mandatu da sardu u 01/07/2015 17:23 (da un teleffuninu)
Ti RICORDO CHE IL SARDO E UNA LINGUA DI NEOLATINA...DICEVA ANCHE UN CERTO DANTE ALIGHIERI CHE LA SARDEGNA NON RIENTRAVA NELLE LINGUE ITALICHE...MA ITALICHE NEL SENSO LATINIZZATA...E SI...VISTO CHE IL SARDO E NATO ORIMA DEL LATINO...NON SERVE SOLO A

53.mandatu da sardu u 01/07/2015 17:21 (da un teleffuninu)
E QUINDI CI FA DEGLI ITALIANI!!! PERCHE ELEONORA SPOSO UN GENOVESE NON CREDO CHE VOLETTE CONCEDERE LA SARDEGNA A GENOVA2 LA SARDEGNA ERA OPRESSA DA QUALSIASI INVASORE CHE SIA SPAGNOLO O PISANO3 L ITALIANO HA INFLUENZATO TANTE LINGUE...E TI RICORDO

52.mandatu da Altru sardu u 01/07/2015 17:15
Malgrado ciò, durante il dominio spagnolo, le relazion
culturali col continente italiano non cessarono completamente:
studenti sardi frequentarono le università italiane non meno
che le spagnole; vi furono poeti che si servirono della lingua
italiana, come il ricordato Delitala, e monaci e commercianti
italiani visitarono l’isola anche durante quel periodo e vi fissarono
stabile dimora235.
Ma dopo la riunione della Sardegna col regno d’Italia l’influenza
culturale italiana, e quindi anche quella linguistica,
cominciò a rinsaldarsi

51.mandatu da Altru sardu u 01/07/2015 17:02
Eleonora D'arborea si era sposata un genovese, e son stati gli arborea che a causa delle loro lotte intestine hanno promosso l'arrivo degli aragonesi riportandoci indietro di 500 anni... Studia.

50.mandatu da Altru sardu u 01/07/2015 16:56
Per Sardu un po di storia medievale:
L’ELEMENTO ITALIANO
Se avessimo voluto procedere in un ordine strettamente
cronologico, avremmo dovuto parlare dell’elemento italiano
prima che di quello catalano-spagnolo, giacché l’influenza
italiana si fa già sentire negli antichi documenti e diviene preponderante
durante la dominazione pisana nel mezzogiorno
dell’isola; ma abbiamo preferito differirne la trattazione fin
qui, perché l’influenza italiana non è mai completamente cessata,
quantunque durante la dominazione spagnola sia stata
scarsa e repressa217, e tanta più importanza ha assunto nei
tempi moderni, dacché la Sardegna è tornata nel seno della
comunità italiana.
Nel primo capitolo, in cui abbiamo tracciato la storia dell’isola
a larghe pennellate, abbiamo esposto come la Sardegna,
abbandonata a se stessa dalla fine del dominio bizantino fino
al principio del sec. XI, cominci, dopo la vittoria delle repubbliche
di Pisa e Genova sopra i Saraceni (1016), a uscire dal
suo isolamento secolare e a riallacciarsi al continente italiano,
col quale durante il medioevo non era stata in relazione, se
non per la soggezione ecclesiastica verso la Santa Sede. Dopo
quella vittoria le due repubbliche cominciano a insinuarsi nelle
faccende dell’isola e si contendono il predominio commerciale
e l’influenza politica. Tutte e due ottennero numerosi privilegi
dai giudici, e molti cittadini pisani e genovesi si stabilirono nell’isola
e fondarono nelle città i loro fondaci, dove, insieme alla
mercanzia, esercitavano su larga scala l’usura. «Potenti per ricchezze,
pei legami dell’usura, e per l’appoggio che veniva loro
dal di fuori, portavano nei vecchi giudicati lo spirito dei tempi
nuovi, il soffio delle libertà comunali, esercitando una azione
disgregatrice nello stato che li ospitava»218. Essi godevano di
numerosi privilegi commerciali e di franchigie doganali per le
loro merci. Di un tale privilegio si tratta già nella carta del
1080-85, conservata nell’Archivio di Stato di Pisa219, in cui il
giudice dice: Ego iudice Mariano de Lacon fazo istam carta
ad onore de omnes homines de Pisas pro xu toloneu ci mi
pecterunt: e ego donolislu pro ca lis so ego amicu caru e itsos
a mimi. Molti operai, soprattutto minatori e scalpellini, vennero
dalla Toscana in Sardegna e costrussero in molti luoghi,
per ordine dei giudici o di famiglie nobiliari, le chiese di stile
pisano che ancora oggi, situate spesso in regioni ormai brulle
e incolte, testimoniano dell’attività e della crescente cultura di
quell’epoca felice.
I Genovesi esercitarono la loro influenza soprattutto nella
parte settentrionale, grazie anzitutto alla famiglia Doria; i Visconti
toscani si stabilirono nel giudicato di Gallura e si insinuarono
anche nel Logudoro e nel giudicato di Cagliari. Sono
anche pisani i marchesi di Massa e Capraia, i conti di Donoratico
e della Gherardesca, i Porcari e i Bolgheri, che estendono
i loro rapporti nei giudicati di Cagliari e di Arborea.
La prevalenza che avevano i Genovesi in Corsica permise
loro di guadagnare maggiore influenza nella parte settentrionale
della Sardegna. Sotto la protezione di Genova si dichiarò
indipendente nel 1276 la città di Sassari e fondò una repubblica
sul modello dei comuni continentali, la quale conservò la
sua indipendenza fino alla conquista da parte degli Aragonesi,
ma ebbe confermati anche da questi i suoi statuti.
Dopo la conquista del giudicato di Cagliari per opera di
Oberto di Massa (1256), la civiltà italiana penetrò largamente e
dominò nella capitale e nel bacino minerario di Iglesias. Il giudicato
di Cagliari fu diviso in tre parti di cui una toccò al conte
di Capraia, una al conte della Gherardesca ed una ai Visconti,
ma Pisa si riservò il diritto di sovranità su tutte e tre.
L’epoca pisana segna per la capitale e tutto il Mezzogiorno
un periodo di floridezza e di prosperità; allora sorsero le magnifiche
opere di fortificazione, la cattedrale ed altri edifici di
Cagliari, sicché si può dire con Dionigi Scano che «per vedere
le più belle torri di Pisa è necessario portarsi a Cagliari, munita
dalla prospera repubblica del Tirreno di poderosi baluardi
e tenuta non come conquista di guerra, ma come città amata,
Chara communi Pisano».
Non può quindi stupire che già in quell’epoca elementi
italiani fossero penetrati in sardo:

49.mandatu da sardu u 01/07/2015 16:55 (da un teleffuninu)
NOI CON L ITALIA NO CENTRIAMO NIENTE....PUNTO E BASTA

48.mandatu da sardu u 01/07/2015 16:54 (da un teleffuninu)
Eleonora d ARBOREA E LA VERA PALADINA DEI SARDI...DELEDDA...I SARDI VIVREBBERO BENISSIMO SE SI RENDESSERO CONTO IN QUALE PAESE VIVONO...E CREDIMI CHE SI SENTONO PIU INDIPENDENTISTI SE SOLO CI FOSSE LA.VERA OCCASIONE...QUIND00I TACI ITALIOTA

47.mandatu da sardu u 01/07/2015 16:51 (da un teleffuninu)
UNO....LUSSU ERA UN INDIPENDENTISTA....MAMELI ERA GENOVESE....I SARDI HANNO ORIGINE DA SPAGNA ITALIA AFRICA E NORD EUROPA...E NON DIRE ERESIE PERCHE TU VORRESTI ESSERE SOLO SCHIAVO DI UN ITALIETA DI CUI SAI BENISSIMO CHE CI SFRUTTA....ELEONORA D ARBO

46.mandatu da Altru sardu u 01/07/2015 16:40
Sardu, non sai neanche di cosa stai parlando, posso anche rispettare la tua idea, ma come gran parte dei sardi (molti dei quali hanno varie origini e provenienze da tutte le regioni di Italia e non solo, ed altrettanti abitano in massa nella penisola) SONO ITALIANO, così come lo erano Gramsci, Berlinguer, Lussu, Mameli (quello dell'inno) e tutti coloro che hanno lottato per avre un popolo unito e del quale avrebbe potuto far parte anche la Corsica.
Se sei complessato ed hai problemi di convivenza il problema è solo tuo, ma non parlare a nome dei Sardi e della Sardegna, bensì a nome tuo.

45.mandatu da antonio moccia di ferrazzano u 01/07/2015 14:26
Ma se fossimo tutti uniti contro ogni colonizzatore, non sarebbe meglio?

44.mandatu da sardu u 01/07/2015 14:05 (da un teleffuninu)
E DIMMI ALTRU SARDU COSA CAVOLO CENTRIAMO NOI CON L ITALIA...COLONIA...VI RIEMPONO MAGARI CON CAZZATTE DEL.TIPO...IL BEL PAESE...

43.mandatu da sardu u 01/07/2015 14:02 (da un teleffuninu)
Di ESSERE INDIPENDENTE...SOLO CHE NON HANNO I COGLIONI DI MOLTI CORSI PER CHIEDERLA...PERCHE TU MAGARI STAI BENE...SE FOSSIMO INDIPENDENTI MEGLIO...ITALIA FORA A VITA

42.mandatu da sardu u 01/07/2015 14:01 (da un teleffuninu)
ALTRU SARDU EVITA DI DIRE CAZZATTE...PERCHE SEI UN SARDO SERVO DI QUELLO STATO CHE NON TI APPARTIENE...UN ALTRO IMBECCILLE SARDO CHE SI ACCONTENTA DEL..."MA QUANTO E BELLA LA.SARDEGNA"....SVEGLIATI...LA MAGGIOR LARTE DEI SARDI SAREBBE CONTENTISSIMA

41.mandatu da avanti ragazzi di budapest u 01/07/2015 13:20
ACQUAVIVA E NIULINCU O JG PURU SE UN MI OFFENDE DI E TO APPROSSIMAZIONE:VOI CORSI FRANCUMUNISTI AVITE SEMPRE l'ABITUDINE DI FA A PULIZIA NANTA A PIAZZETTA E DI MANDA L'UNU A OCCUPASSI DI I SO AFFARI L'ATRU A CHJODESILA.VERAMENTE SI VEDI DA QUALE FECCIA DI PARTITU VENI.FA U CONTU TU SUSTENI U PAESE CHI HA BRUSGIATU IMPICCATU E DEPURTATI I NOSTRI E EIU SO PER A FRATELLANZA CU I NOSTRI VICINI FRATELLI: CIO CHE TU DICCI FASTIDIOSAMENTE E ARIA FRITTA CAMPATA IN CELU UN BEL NULLA.DUNQUE FAMI PIACE UN T'AGHJU ASPETTATU PER SAPE QUALE E U MIO PAESE E SEMAI OCCUPATI DI L'AFFARI TOI.A ONORE DI U VERU SAPIA CHE NABULIONE ERA D'ORIGINE TOSCANA E CH'ELLU HA FATTA A GLORIA DI U TO PAESE MICA DI U MEIU .SULIDARITA CU SARDU E ALTRU SARDI UN VI LITICATE !

40.mandatu da Altru sardu u 01/07/2015 13:00
L’italiano e il còrso hanno vissuto insieme per secoli, sull’isola. Pasquale De’ Paoli, “U Babbu di a Patria” scrisse “[noi còrsi] ci sentiamo italiani per lingua, costumi e PasqualeDePaoli-IsolaRossa-stradizioni”. E in italiano scrisse la Costituzione della Repubblica Corsa, proclamata nel 1755, di cui era anche lingua ufficiale. Ricordiamo che all’epoca non esisteva uno Stato italiano unitario, che arrivò più di cento anni dopo. La lingua di Dante ha continuato ad essere di casa in Corsica anche in tempi più recenti. Molti di voi avranno nonni o bisnonni che sulle botti e le damigiane scrivevano “vino” con la o, a non “vinu”, magari senza sapere esattamente il perché, ma semplicemente perché sapevano che così andava scritto.

http://corsicaoggi.altervista.org/sito/perche-in-italiano/

39.mandatu da Altru sardu u 01/07/2015 12:38
Sardu non si sente Italianu ma la maggior parte dei Sardi, grazie al cielo, non la pensa come lui. Viva la Sardegna, La Corsica e L'Italia tutta

38.mandatu da sardu u 01/07/2015 11:50 (da un teleffuninu)
Socu piuCORSU EIU DI TE...A FRANCIA FORA...ITALIA FORA...E CORSI IMBECILLI CUME TE FORA...vivaA SARDEGNA E CORSICA LIBBERE...DA GHJENTE CUME TE

37.mandatu da sardu u 01/07/2015 11:48 (da un teleffuninu)
O JG...MA TI SENTI DI E CUNNERIE CHI TU DICI....MAVAFFANCULO TU A FRANCIA E TO STUPIDITA...MORA CUSI UNA LINGUA...NAPULIO...PE.FASSI VALE...MA CHI STRUNZATA...GRAZIE A GHJENTE CUME TE CHI QUESS IISOLA VA A MORE...APPUNTU SI U FRANCESE...MIKA CORSU..

36.mandatu da J G u 01/07/2015 11:02
Poveru di tè o Aquaviva ch'intrateni l'odiu contru a i francese d'oghje chi un ci sô per nonda per via di Luigi piombu , Napulione era di famiglia genuese e a sceltu a Francia pe fassi valè e tu d'origine napulitanu voli volta cun l'italia pe via ch'ellu ti si ronzega l'odiu , Si Napoli t'attira c'aspetti per andaci
Attenti chi a to memoria selettiva un ti porti in prigio cume i poveri tonti zuccuti chi hanu tombatu un prefetu ghjustu pe passà u so puntu credendu di scambià a misa cun due pistolitate e assai imbecilità
E voi sardi corsi o corsi taliani occupatevi di i vostri affari micca di i nostri

35.mandatu da antonio moccia di ferrazzano u 01/07/2015 01:23
Bona notte a tutti

34.mandatu da avanti ragazzi di budapest u 01/07/2015 00:38
BONA NOTTE SCUSATE!!!!!

33.mandatu da avanti ragazzi di budapest u 01/07/2015 00:30
e a sardegna libera e indipendente di l'italia.E BONA NOTA A TUTTI ANCU A JG

32.mandatu da sardu u 30/06/2015 23:39 (da un teleffuninu)
Bravu acquaviva...VIVE LA CORSE LIBRE ET INDIPENDANTE

31.mandatu da avanti ragazzi di budapest u 30/06/2015 22:20
o jg un riesci mancu a apreti a u talianu e a l'italia perche si statu impuzzicatu da dui seculi di prupaganda culuniale allora pensa l'apertura a l'altre culture:u talianu un e mica statu imparatu a a scola postu chi un ci n'era. era a lingua a piu vicina di u corsu e percio chi per noi corsi e un piace di parla sta lingua e d'esse capitu da sessanta millioni di personne.DI A STESSA MANERA UN AVEMU BISOGNU DI DOCUMENTI D'IDENTITA PER ESSE ETNICAMENTE TALIANI. DIFFICIULE DA CAPI PER UN CERBELLU FRANCESE MA CUME U CUMUNISMU E SVANITU NE U RUMENZULAGHJU DI A STORIA A REPUBLICA FRANCESE PER A QUALE SO MORTI I TO AMICHI DI U PCF E VICINA A U TRAMONTU E SERA SUSTUITA DA UN'AUROPA DI I POPULI.PECCATU PER VOI SI CHJAMA U RITORNU DI A REALITA.ERI OGHJE SEMPRE FRANCIA E CUMUNISTI INFAMI.

30.mandatu da sardu u 30/06/2015 19:36 (da un teleffuninu)
E jg...tu amparavi e scrivi in francese cume oghjie ampari l inglese

29.mandatu da antonio moccia di ferrazzano u 30/06/2015 16:21
JG non è la stessa cosa. Il Corso era il linguaggio familiare come il napoletano, il toscano, il lombardo o il genovese, ma tutti, nel campo culturale, letterario, giuridico, si esprimevano in italiano.
La storia non si può cambiare. Il francese c'entra come la neve in agosto a Portovecchio. Ciao

28.mandatu da J G u 30/06/2015 16:07
Antonio , Pasquale Paoli scrivia in talianu per chi in scola s'amparava u talianu cume avà s'ampara u francese

27.mandatu da J G u 30/06/2015 15:55
Spariscenu ancu i corsi micca solu a lingua .......... ma i scritti saranu testimoni di a nostra storia e di a nostra esistenza malgradu l'invasioni , a radica piglia forza e ricaccia a à prima occasione , un populu cume a so lingua s'acconcia ma un more mai cumpletamente , per me cio chi puzza u più o Aqquaviva sô l'idée strette e a vista corta zenza apertura pussibile

26.mandatu da J G u 30/06/2015 15:35
A lingua Corsa vene da u latinu ma tant'anni di occupazione l'annu modificata cume tutte e lingue , ci vole a stacci , tuttu cambia e si mudificheghja cu u tempu chi passa , ancu noi

25.mandatu da sardu u 30/06/2015 14:02 (da un teleffuninu)
Un vrai keurse alors

24.mandatu da avanti ragazzi di budapest u 30/06/2015 13:38
hai mal lettu sardu ha scrittu simu francesi e a puzza ne colla in celu

23.mandatu da sardu u 30/06/2015 13:06 (da un teleffuninu)
Cu altre lingue italurumanze...comunque...he solu storia...evviva corsica libera

22.mandatu da sardu u 30/06/2015 13:05 (da un teleffuninu)
Jg semplicemente vulia di..chi un si sente micca e francese ne talianu...corsu e basta à a fine...ma.ghje veru ancu chi un po mica lamintarsi dopu si u corsu u sparisce...u sai quantu me chi u corsu he e una lingua italuromanza...identificata cusi

21.mandatu da antonio moccia di ferrazzano u 30/06/2015 12:53
Grazie J G per le tue parole sagge. Solo non devi confondere Mussolini con gli italiani. Amicizia sempre

20.mandatu da J G u 30/06/2015 12:44
Caru Antonio , simu vicini e i vicini sô cume cugini , hé vera chi c'hé qualchi sumiglia per via di i 600 anni d'occupazione e oghje c'hé una sumiglia cu i francesi , ognunu hé liberu di sceglie , cio chi conta per me un hé ne a vicinanza ne a lingua ma a mentalità , ci so i francesi chi mi dispiacenu e d'alri chi mi piacenu ; listessu pe i taliani e ancu pe i corsi , speru che tu capisci chi cio chi mi premura sô i valori umani e micca e nazionalità

19.mandatu da J G u 30/06/2015 12:17
Ha ! avà aghju capitu , tu si quellu Aquaviva nostalgicu di u duminiu genuese , niulincu e accanitu contru a i cumunisti , eu sô alisgianinca , e sto bè cum'o sô , un ti dispiachi , si a l'epica i cumunisti avianu rilazioni cu a Russia , aghju intesu di chi certi Niulinchi preferianu a Mussolini amicacciu di l'infamu Hitler , a vergogna di l'umanità sana ......... peghju un ci po esse

1 2
Novu cumentu :