Accueil
Envoyer à un ami
Version imprimable
Partager

35 anni fà surtia "Chjamu a puesia"

I fans di Canta u Populu Corsu anu tutti avutu sta discussione un ghjornu : qualessu serà u più bellu album di u gruppu ? Chjamu a puesia hà 35 anni, è hè forse questu quì.



Di maghju 1979 hè arregistratu u quintu discu di Canta u Populu Corsu. Dop'à Eri oghje dumane (1975), Libertà (1976), Canti di a terra è di l'omi (1977) è A strada di l'avvene (1978), eccu Chjamu a puesia.

Sott'à u ritrattu campagnolu di a cuprèndula, ci hè un discu pienu di finezza, un mischju di creazione è di tradizione, un discu pienu di puesia.

Ma un discu puliticu assai, chì esce in un'epica tòrbida, quella di l'anni settanta. Sò l'anni di a presa di cuscenza ch'ellu si ne more un populu. Sò l'anni di i sogni cullettivi, di a sperenza d'un miglior lindumane per a Corsica. L'anni di un grande rimusciu puliticu dinù, di e rivendicazioni è di e prime arrestazione.

I dece tìtuli di st'album facenu di Chjamu a puesia un capidopera. 35 anni dopu, hè l'occasione di turnà à scopre stu discu maiò.


Prima u so nome : perchè "Chjamu a puesia" ?

Cumu sì a puesia ùn era presente in i quattru primi dischi di u gruppu ! Serà perchè l'autori è musicanti di Canta ùn anu più avutu ispirazione ch'elli l'anu chjamatu cusì ? Forse a ragione hè in altrò.

Si pò leghje in u libru di Canta (Albiana, sott'à a direzzione di Francescu Diani, 1993) :

"Ne signifierait-elle pas plutôt, par allusion indirecte, le degré d'insupportable tension atteint par la société corse empêtrée dans une crise si grave qu'elle paraît irrémédiablement bloquée ? Un gouvernement qui refuse obstinément toute prise en compte des revendications politiques en stigmatisant avec vigueur ce qu'il considère comme "menées séparatistes" ; qui s'oppose par conséquent à toute tentative de modification institutionnelle comme ébauche de règlement possible (...) la jeunesse corse désemparée se laisse entraîner à des gestes de désespoir".

Dece tìtuli dunque in stu discu. Un cantu tradiziunale (L'Almanaccu), una pulifunia tradiziunale (Lettera à Mamma), una pulifunia nova (Corsica Nazione) è sette canzone cumposte da Ghjuvanpaulu Poletti (L'Ancura di a Misericordia, Mal'Cunsigliu, Arietta, L'odore di i nostri mesi, Amicu ci sì tù, Canzona vagabonda, Quandi a terra move) tutte e più belle l'una ch'è l'altra, nant'à puesie di Ghjacumu Fusina, Maistrale è GP Poletti. Per interpretalle ci si trova à Petru Guelfucci, Dumè Gallet, Michele Paoli, Patrizia Gattaceca è di siguru Ghjuvanpaulu Poletti.

Ecculi quì.

L'odore di i nostri mesi

A puesia di Ghjacumu Fusina, a musica di Ghjuvanpaulu Poletti, a voce di Dumè Gallet facenu di stu successu una di e più belle canzone di u ripertoriu di Canta u Populu Corsu.

A canzone pinghje i sfarenti mesi chì passanu è vidimu sfilà e stagione. Ma in l'ultima strufata spunta interrugazione è inchietutine, chì danu un caratteru più puliticu à a canzona :

Chì senteranu li mesi
Di la prussima stagione
Duve pianterà viaghjone
Cù le so speranze appese
È basteranu e canzone
Per guarì tutte l'offese ?



L'Ancura di a Misericordia

Parolle, musica è interpretazione di Ghjuvanpaulu Poletti. Un capidopera di a canzona corsa.

Una storia di marinari, nant'à un battellu persu in piena timpesta. A sola manera di salvassi hè di sbarazzassi di l'ancura di u battellu, ciò ch'elli facenu. L'ancura si ritrova in fondu di u golfu di Sagone è diventa guasi un ogettu di cultu in a regione.

Ma ghjunghje un "furesteru latrone" chì s'arruba l'ancura per purtassila in casa soia.

L'ultima strufata diventa una chjama à a reazzione di i Corsi :

Avà Corsu stami à sente
Sta canzone ùn hè finita
Fatti onore à ripiglià
Un pezzu di a to vita
È lampa fora stu latru
À la manu troppu ardita


35 anni dopu, hè più ch'è mai d'attualità.


Corsica nazione

Sta pulifunia indiata hè firmata da "U Niulincu". A creazione face ribombu à a situazione pulitica in l'isula, induve sò imprigiunati i primi militanti naziunalisti è chì u statu si tuppa l'orechje è ùn vole sente parlà di e rivendicazione corse.


Canzone vagabonda

Parolle è musica di Ghjuvanpaulu Poletti, cantata da Petru Guelfucci.

Poletti dinù arregistrerà stu successu nant'à u so album Stonde stonde.

Un "tubone" nustrale.


Arietta

Canta ripiglia una puesia di Dumenicantone Versini di Cristinacce.

A messa in musica è l'accunciamenti sò di Ghjuvanpaulu Poletti è Patrizia Gattaceca (infine una voce feminile nant'à un discu di Canta !). Tutti st'ingredienti facenu di sta canzona un altru "tube" di u discu.


Quandi a terra move

Parolle di Fusina, musica di Poletti, interpretazione di Gallet. Hè un'evucazione di l'angoscia di u Corsu alluntanatu da a so terra è chì ùn pò fà nunda per aiutalla, allora chì in l'isula ci hè u rimusciu :

Quandi a terra move
Sott'à la sciappitana
Di Corsica luntana
Mi vogliu avvicinà


Hè stunante di vede cum'è 35 anni dopu, certe strufate sò sempre d'attualità :

Issa terra hè a nostra
Nisun ci pò pretende
Ormai ùn n'hè à vende
Ùn vale à pattighjà


U bassu di i cori è a voce putente di Dumè Gallet danu un'intensità tremenda à sta canzona. È l'esiliatu d'interrugassi torna :

Simu l'eredi ghjusti
Di Corsica straziata
Corsica marturiata
Ti vulemu aiutà


Forse una di e canzone e più forte di u gruppu.


Amicu ci sì tù

Torna a puesia di Fusina è a musica di Poletti.

Dumè Gallet ùn essendu più quì, a so interpretazione piglia un altru sensu.

Custì dinù, l'ultima strufata dà à sta canzona un'andatura più pulitica :

Amicu ci sì tù chì ghjetti lu mandile
Quandi u tempu vene d'ùn esse più ghjentile
Quand'ella vene l'ora d'ùn esse più civile


Lettera à Mamma

Sta pulifunia tradiziunale à duie voce (una segonda è un bassu) si chjama "versu piuvisgianu". Forse serà una forma più antica di a paghjella ?

Hè stata scritta da Stefanu Luciani (mortu in u 1963). Prigiuneru di l'alemani in 1914-18, scrive à a so mamma per cuntà a so cundizione miserabile :

Mamma risponde nun possu
À e vostre dulente chjame
Troppu miseria aghju à dossu
È mi si rode la fame
Sò prigiuneru languente
In quella Prussia à punente


Si ritrova a voce di Petru Guelfucci in segonda.


Mal'cunsigliu

Parolle è musica di Ghjuvanpaulu Poletti. Ispirata da u rumanzu di Jean-Claude Rogliano di u listessu nome, induve l'autore conta a storia d'un vechju arburu chì vede passà sdreie, mazzeri è maghi.

Cù a so canzona, Poletti hà sappiutu discrive l'ambianza di stu rumanzu, maravigliosa è piena di magia cum'ella pò esse a Castagniccia prufonda.

Per L'Almanaccu ùn avemu trovu a video nant'à internet. Hè un cantu tradiziunale di Zicavu racoltu da Michele Paoli. L'autore vede passà u tempu è ammenta l'assenza d'una persona chì li manca.

È cum'elli ci mancanu a voce è u versu cusì particulare di Michele Paoli...

u 29 di Maghju 2014



1.mandatu da J G u 30/05/2014 08:47
A ringrazià a piazzetta per stu bellu rigalu
E mi aghju state a sente tutte e mi so campata
Scritti e voci magnifichi , una stonda d'emozione forte !

A me quella chi mi piace u più hé a culomba messagera

2.mandatu da catinu u 30/05/2014 09:57
HE TROPPU DIFFIUCIULE DI SCEGLIE, MORTU PIU CHI OGNI CANZONA SI RAPORTA A QUALCOSA O A QUALCHI SIA...."simu cusì noi, chì u novu femu l'anticu è cù l'anticu ùn femu nunda" G.Thiers.

3.mandatu da turchinu u 30/05/2014 10:04
tutti i dischi di CANTA so magnifichi

ma questu he vera chi in tutte e canzone ci he assai emuzione

bellissimu album !

4.mandatu da grossu panzutu u 31/05/2014 17:19
A richezza di stu discu mi culpisce à ogni colpu chi u stò à sente! Mi dumandu cume emu pussutu crea cose cusì tamante s'ultimi ani è avè una cultura cusì vicina à a morte... Duve ci seremu sbagliati??

5.mandatu da l''''azeza u 02/06/2014 21:58
di sicuru hè magnificu ma perchè serebbe "u più" perchè sempre classificà è ghjudicà?
ognunu nanzu una più chè l'altra ma in ogni 33 giri c'hè un o parechji capi d'opera

per mè a prima serebbe "ditemmi" è a segonda "a strage di Bustanicu" quandu e sentu mi vene sempre u pientu



un'idea : lampà un sundagiu per sapè quelle chî piacenu u più à i piazzettacci, nô?

6.mandatu da Passendu u 08/06/2014 19:51
Arietta ûn hé di Maistrale, hé di Dumenicantone Zerafinu Versini di Cristinacce (1863-1949).

7.mandatu da u webmaestru u 08/06/2014 21:22
À ringraziavvi per sta precisione ! U sbagliu hè statu currettu.

Hè vera ch'ellu ci hè Dumenicantone Versini, dettu "Maistrale" (1872-1950), di u paese di Marignana :
http://isula.forumactif.com/t55-versini-dumenicantone-maistrale

è Dumenicantone Seraffinu Versini, di Cristinacce (1863-1949)
http://isula.forumactif.com/t33-versini-dumenicu-antone-sarafinu

Ancu di grazia chì i lettori curanu, è ch'ellu si trova tuttu nant'à u foru Isula

Novu cumentu :


Seguitateci nant'à Facebook


L'articuli

Abbunatevi à a newsletter

Circà nant'à A Piazzetta