Accueil
Envoyer à un ami
Version imprimable
Partager

À a ricerca di i maestri bislingui...

L'insignamentu bislinguu hè u mudellu chì averebbe da sustituisce si à l'insignamentu monolinguu francese, trapassatu à u sguardu di a custruzzione eurupea è di l'arradichera lucale di e ghjente. Hè in stu filu custì chì l'anzianu ministru di l'educazione Jack Lang, avia creatu un cuncorsu specificu di ricrutamentu di i maestri...



lingua corsa, insignamentu, enseignement bilingue, langue corse, école, primaire, coucours spécifique,
lingua corsa, insignamentu, enseignement bilingue, langue corse, école, primaire, coucours spécifique,






















I prufessori laziosi...
Fattu si stà chì malgradu a decisione di i cunsiglieri territuriali di ricrutà ogni annu 40% di i prufessori di e scole via u cuncorsu specificu (bislinguu), ogni annu, cala u numeru di i maestri chì si dicenu capaci à insignà u corsu.

Mancu a creazione di u cuncorsu specificu a face à accresce u numeru di i maestri cursofoni! U prublema hè chì anu creatu u cuncorsu senza adattà abbastanza a furmazione nun solu di l'IUFM ma l'insignamentu datu da a scola materna à l'Università. A generazione spuntanea, in fatti di microbi o di maestri, hè impussibile... Nimu nasce amparatu, chè?

Invece di mutivà i giovani à passà u cuncorsu, li stumaca da u corsu è si chjodenu in una pustura defensiva capiscitoghja : "u corsu ùn m'hè mai statu insignatu, cumu vulite ch'o l'insegni". Pensate appena, in ste cundizione custì, à l'avvene di a cursufunia nun solu à a scola, ma di modu generale, in a sucetà...

Per esempiu quist'annu, nant'à 13 posti previsti à i novi maestri bislingui, l'amministrazione hà ricrutatu solu 8 candidati, l'altri posti essendu dati à u cuncorsu "standard"... Più chè u cuncorsu, via via, hè a ghjuventù chì diventa "standard"...

Malgradu tuttu, ci vole à signalà chì ind'è i maestri bislingui, ci n'hè chì si danu propiu di rimenu per a prumuzione di u bislinguisimu è di u plurilinguisimu à a scola. Troppu pochi, u risicu hè ch'elli si sfiatinu o chì e so scole diventessinu elitiste.

I pulitichi?

È i pulitichi, mi dicerete, cosa facenu? Ùn li sintite ? Facenu a siesta per avà... Campanu d'annunzii, di discorsi, d'interviste è di cummunicati ma di fatti è di travagliu, pocu è micca. Quale hè chì s'impenserisce, dopu u votu di u pianu di sviluppu di a lingua corsa di a so realisazione fattiva? Ùn ci hè nisuna valutazione annuale di a pulitica linguistica è di modu generale, di e pulitiche publiche...

S'è e lingue regiunale sò entrute in a custituzione, sarebbe ora di mette e mani in pasta, chì d'aspettà a cuccagna, à a lingua, ùn basta...

u 4 d'Utrovi 2008
Sbanditu



1.mandatu da Tito u 04/10/2008 12:06
Un antru prublema, chì ùn si ne parla pocu, hè chì sò poche in fattu e scole bislingue! Ci hè di più prufessore bislinguii chè di scole bislingue!
di sicuru ai a rasgiò : hè a u nivellu puliticu ch'ellu si face tuttu, è stu ghjocu quì và à l'incontru di ciò chì si deve fà è infine certa ghjente ùn vole micca chì e scole diventissinu bislingue...Ghjente = parenti + certi maestri + altri... cqfd

2.mandatu da u balaccinu u 04/10/2008 14:22
so d'accunsentu cun tè dicendu ch' un si face micca abbastanza affare pà aiudà u sviluppu di u bislinguismu mà vogliu ghjustu dà una precisione anantu à l'esempiu ch'ai sceltu, sbanditu. In fattu mi pare chi sè un so stati pigliati ch'è 8 pruffissori bislinguii invece chi ci avia 13 posti, un hè micca una vulintà di u rettore, di u statu o ancu di l'educazione naziunale hè ghjustu chi issi candidati anu avutu note troppu gattive i certe matere. E senza vulè esse scurretu cu isse persone , un vogliu chè i mo zitelli anu un sumere pà prufessore ancu s'ellu hè un sumeru chi parla a lingua nustrale.

3.mandatu da estrimei u 04/10/2008 14:30
o balacci', dici:chi issi candidati anu avutu note troppu gattive i certe matere.
un capiscu micca. sti candidati un so stitutori?

4.mandatu da Sbanditu u 04/10/2008 14:52
À Balaccinu,
Sò propiu d'accunsentu cun tè, credi la puru. Ancu puru s'ellu ci hè u cuncorsu, ci vole dinù chì i maestri ricrutati avessinu un livellu minimu, in corsu è in l'altre discipline.
Detta quessa, cumu serà chì i rispunsevuli ùn pigliessinu nisuna dispusizione da permette à l'educazione naziunale d'accimà u scopu di a CTC, vole si dì ricrutà 40% di maestri bislingui. Hè bona di vutà lege, piani è prugrammi ma hè ancu megliu di verificà e cundizione di a messa in ballu di isse decisione, invece di discità si 3, 4, 5 anni dopu sperendu una reazzione torna 4 o 5 anni più tardi. U prublema di l'eletti hè ch'elli contanu u tempu in unità di mandati. Ma a lingua hà un antra vita, chì ùn si misura ne in elezzione ne in i dui anni di presenza di u rettore.
Infine, postu chì ci simu, tengu à salutà u rettore, Michel Barat chì mi pare esse di più indiatu per a lingua chè unepochi chì sò passati st'ultimi anni, dipoi Jacques Pantaloni. Ma per avà, ancu puru s'elle sò belle è bone e so dichjarazione, per mèghjè wait and see...

À estremei,
ùn ci hè penseru cù i maestri chì sò stati ricrutati. Ma sò l'altri candidati chì anu avutu note di sicuru troppu basse, eliminatorie per esse chjappi. In ste cundizione custì, perchè ùn micca accresce l'insignamentu di u corsu à l'Università è via, à l'IUFM chì ci deve esse integratu?

5.mandatu da Tito u 04/10/2008 15:32
O Sbanditu ai a rasgiò : u rettore pare assai indiatu per a lingua, hè chjaru.
In principiu d'annata, ci hà fattu passà una lettera (à ogni scola) dicendu chì s'è a lingua viva face à so entrata in i prugrammi di u ciculu 2 (CP-CE1) cun 2 ore d'amparera per settimana, s'ellu hè sempre interessente d'amparà l'inglese, u talianu o u spagnolu, ind'è noi è per i ciculi 2, a lingua viva hè u corsu.

Mi pare esse bè nò da a parte di qualchissia chì vene di ghjunghje...

6.mandatu da Ghjuvan' Filici u 04/10/2008 22:06
Ci n'hè ottu ch'ani avutu u cuncursu... Bona.
Ma l'altri, avarani fiascatu in l'altri materii certamenti, ma mancu u niveddu in corsu era straurdinariu... A so parchì un amicu chì facia i currizzioni a m'hà ditta. Piccatu ch'ùn pudissi parlà quì, ma t'hà un duveru di riserva.

7.mandatu da estrimei u 04/10/2008 23:49
un aghju micca avutu a mo risposta .
si candidati - quelli chi anu fiascatu - so o un so insignenti diplumati ?

8.mandatu da Maria u 05/10/2008 08:53
A estrimei : issu cuncursu hè pà duvintà insignanti diplumati ! Monda sceddini u cuncursu spicialità bislingua parchì dicini chi u niveddu dumandatu in l'altri materii hè più faciuli chi in u cuncursu standard . una volta ch'iddi hani avutu u cduncursu ùn insegnani micca u corsu , monda ùn ni so micca capaci !
Di più comu i parenti ùn hani ancu capitu ciò ch'idd hè una scola bislingua so ghjà cuntenti quandu i ziteddi imparani una ricitazioni.
In certi culleghji hè ancu peghju i ùn ci so chi i prufissori di corsu chi parlani Corsu ( è ancu !..) . nurmalmenti altri prufissori duvariani insignà in corsu( matematichi, storia , scienzi...) . Dicini chi i prufissori ùn so micca furmati ma pudariani almenu addattà u so prugramma à rialta di a Corsica ]b ci voli di sapè chi l'adattazioni di i prugrammi hè in u "bulletin officiel" è si faci in monda rigioni di francia!!!
In fatti hani criatu scoli bislingui innanzi di furmà i prufissori . cussì accuntentani quiddi chi volini i scoli bislingui è chi credini ch'iddi funzionani bè è accuntentani dnò quiddi chi sani chi finalmenti i issi scoli ùn si parla tantu u Corsu è chi i ziteddi ùn risicani d'imparallu !
ùn inventu nudda t'aghju un fiddolu in 6 eme bislingua è travaddu in u culleghju "ufficialmenti bislingu"
Senza cuntà i prufissori chi ùn piddani mancu i ziteddi in i scoli...
L'ispittori di Corsi è i rittori cunoscini a situazioni ma ùn ci hè vulintà di fà veramenti qualcosa, s'accuntentani di i statistichi.
vidaremu incu u nuvellu rittori ....

9.mandatu da Culomba u 06/10/2008 15:56

L'eletti ùn hanu nunda in manu. Hè digià bè ch'elli appiinu fissatu l'ubbiettivi, permette almenu di misurà i prugressi o e mancanze chì sò mintuvate quì! Hanu vutatu u pianu di sviluppu è hanu incalcatu nantu à a necessità di un "pianu eccezziunale di furmazione di l'insignanti à u bislingu" : eranu ancu pronti à participà à stu sforzu eccezziunale s'è u Statu u mettessi in piazza ; ma micca risposta nantu à stu puntu, solu una "prumessa" di Sarkozy in u so discorsu di u 30 d'ottobre 2007, quandu hè stata firmata a cunvenzione.
Hè falsa di pensà chì l'eletti ùn riagiscenu mai, facenu regulare usservazione à l'Assemblea di Corsica, quandu votanu e strutture pedagogiche, o à u "COSE", u cumitatu di seguitu di u Pianu di e furmazione, induve u Rettore hè presente: ma ponu sempre cantà, u Statu hà tuttu in manu, a furmazione di l'insignanti, i ricrutamenti, l'affettazione, a creazione di i posti è hà l'abitudine di risponde sempre listessa "tout va très bien madame la Marquise"...
U prublemu u più grave hè u "vivier" di i maestri bislingui : hè troppu magru, pochi giovani sò capaci attempu in corsu (esse veri bislingui) è in l'altre materie (nimu accetteria maestri bislingui chì sianu zucche in matematiche o in francese...) Ci vole à travaglià à l'Università à priparà stu "vivier"...: intrenà studienti di l'altri cursus chè " Etudes corses" à passà u cuncorsu bislingu, è dinù priparà i studienti di "etudes corses" à passallu in matematiche è francese, è diceraghju ancu...à esse bislingui! lol

10.mandatu da telemac u 07/10/2008 00:46
Si po fiascà u cuncorsu spécialità bislingua ?!
Bon... Piantu qui, era una macagna ! LOL

11.mandatu da curtinese u 08/10/2008 18:14
picculu cunsigliu per riesce u cuncorsu quist'annu chi vene : secondu a cuncordenza di i tempi (chi à mumenti piu nimu un rispetta piu )un si dice micca "aspettemu un maestru da ch'ellu ci fessi e lezzio" ma aspettemu un maestru da ch'ellu ci facci (o faccia) e lezzio" . s'impieca u sughiuntiva passatu per una frasa à u passatu e u sughiuntivu prisente à u prisente . tandu ci vulia à dì "aspettavamu un maestru da ch'ellu ci fessi ..." . mi pare .un rilevu micca tuttu ma quessa era scritta in grossu nant'à u dissegnu allora un so pussutu stà ,

12.mandatu da Sbanditu u 10/10/2008 17:28
Bella rimarca. Ùn hè vera chì "mudernisti currompenu a lingua" tutti i ghjorni? Ma in stu casu custì, u linguistu Jean Chiorboli hà per contu soiu usservatu chì si pudia impiegà u sughjuntivu passatu ancu dopu à un verbiu à u prisente. Cf "La langue des Corses".

13.mandatu da ghisonesi u 11/10/2008 15:35
Mi scusarete ma sbagliu ùn ci n'hè nantu à u dissegnu.
Si ponu dì e duie manere: "da ch'ellu ci facci" o "da ch'ellu ci fessi" quandu u verbu hè à u prisente.
Hè quandu u verbu hè à l'imparfettu ch'è ni simu ublicati d'impiecà dopu un sughjuntivu passatu, vogliu dì "aspittavamu un maestru da ch'ellu ci facci", quì ci seria un sbagliu.
Hè a pulinumia di a lingua.
A si dipende di i rughjoni, in Corsica suttana per esempiu, a ghjente si ghjova sempre di u sughjuntivu passatu for'di qualchì locu postu chì u sughjuntivu prisente ùn esiste micca.
Hè a richezza di a lingua corsa, ùn ci vole micca à perdila.
Hè dinù a nostra cuncipitura di a lingua ch'ùn hè micca quella francese.
Mi spiecu, i francesi (l'Academia francese) ùn ricunoscenu ch'una sola manera di parlà, noi altri corsi, avemu parechje manere di parlà chì sò liate à l'evoluzione di a nostra lingua ind'è u spaziu è ind'è u tempu, si chjama a pulinumia.
Un altru esempiu:
s'e l'avessi sappiuta, l'averia cumprata
s'e l'avia sappiuta, l'averia cumprata
Quì, certi vi diceranu chì ùn ci hè ch'una sola manera di dì, a prima.
Ma ùn hè micca vera, a lingua corsa pò impiecà e duie stutture grammaticale.
D'altronde, si trovanu e duie forme ind'è certi testi scritti in corsu chì sò più chè vechji.
Hè ciò chì mi permette à mè, d'assicurà chì a lingua corsa hè più ricca chè quella francese.
Ma o ghjente, ùn rimpruverate nunda à u nostru amicu "curtinese" postu chì in Corti, s'impieca u sughjuntivu prisente quandu u verbu hè à u prisente.
À prestu.

14.mandatu da curtinese u 11/10/2008 16:31
un so micca qui per dà una lezzio di corsu(e sopra tuttu micca à te o sbandì chi mi pari di quelli chi u maneghjanu) era solu una piccula rimarca in lea cu u suggettu ma mantengu chi stu mischju di i tempi cum'o sentu avà ,unu essendu regularmente impiecatu à a piazza di l'altru he qualcosa ch'un aghju mai intesu da i vecchji di i mio paesi chi cunniscianu a so grammatica senz'avèla mai studiata e mantengu dino chi "fessi" un po sprime che un'azzione passata o puru à u cundiziunale (tutt'à fattu d'accordu cun l'esempiu datu da ghisonesi:""se l'avissi sappiuta, l'averia comprata"). he vera dino e l'aghju rimarcata centu volti chi pumontinchi hanu generalisatu l'impiecu di u sughjuntivu passatu , resta à vede se sta forma currisponde culà à un usu veradimente anticu o s'ellu he cum'o a credu d'un usu piu novu .vogliu dì dino chi eo di l'accademie e ch'elle sianu corse ,francese o taliane mi n'infuttu pocu male ma deve esse intesu chi tutta lingua ha e so regule (chi si ponu dino mudificà s'ellu ci vole) , e quessa almenu chi tutte e mane chi no siamu capaci d'inventàne un antra lingua nova .ma sappiamu dino chi à troppu lascià scogliesi a lingua nu un spezie di "sabir " creolisatu un rendimu serviziu che à quelli chi a disprezzanu e esse rigurosi nant'à a struttura mi pare piu impurtante che d'attaccàcci à une poche di ste parollaccie cume no e podimu impiecà disgraziosamente nu u parlà di tutti i ghjorni. era solu per fà avanzà u "schmilblick" , amicizia .

15.mandatu da Culomba u 11/10/2008 22:10
Attenti à stu gustu di dà e "lezziò" in quantu à a lingua. Sì andatu nantu à i Bloghi francesi? A ghjente ùn passa u so tempu à currege a lingua, eppuru, ohimè !!

Digià sò pochi quelli chì s'ardiscenu à scrive, sò assai à vene quì per leghje, ma si vergognanu à lampà a soia è perchè?
Perchè ci sò sempre l'astuti à falli rimarcà i so sbagli! Cum'è tanti anziani hanu scuragitu i ghjovani di parlà saltenduli addossu o ridendusi d'elli quand'elli a si pruvavanu! Hè cusì chì oghje 90 % di i Corsi si sentenu incumpetenti è ùn la si provanu à sprimassi in corsu, nè à l'urale nè à u scrittu.
SCRIVITE O GHJENTE E SBAGLIATEVI SENZA VERGOGNA! I cunsiglli ci vole à dalli à quelli chì i dumandanu. Sè vo vulete amparà à praticà è avè i cunsigli di prufessori, andate nantu à u FORU CORSU. Culà site curretti sè vo vulete esse curretti per prugressà ma nimu vi dà "lezziò", site solu incuragiti à scrive, à sprimavvi...
STRAPPEMU U CORSU PER SALVALLU! eccu a mo divisa...un pocu pruvucatrce, a ricunnoscu!
O curtinese, per esempiu ti possu dì chì faci assai sbagli di scrittura, ma POCU IMPREME, scrivi puru! pè e currezzione, piglia corsi di corsu.

16.mandatu da curtinese u 12/10/2008 11:45
Cara culomba un aghju mai avutu a pretensione (credu d'avella scritta ) di dà corsi à nisunu e sopra tuttu à u livellu di a scrittura n'averebbi ancu assai à piglià eo. solu aghju vugliutu pisà un puntu nant'un sbagliu (o ch'o pigliu cume tale) ch'o sentu riproduttu à pessu (per un dì guasi sempre). in quant'à u restu , u corsu un l'aghju micca inventatu eo e un aghju fattu che intervene ripetendu cio ch'aghju sempre intesu . pensu chi u parlà vene prima che tuttu , dimmi quant'elli eranu i nostr'antichi à scrive a so lingua ? d'accordu cun te per u foru corsu (e l'altru restu), v'invitu à ghjunghjeci tutti , v'avite da campà !! à prestu

17.mandatu da Lucia Abbate u 18/10/2008 17:23
Gent.li Signori, sono una professoressa siciliana e insegno Linguistica all'Università di Messina. Da anni mi interesso del problema del plurilinguismo, e dell'importanza delle lingue regionali e ho fatto studi e pubblicazoni sulla lingua corsa. Prossimamente terrò a Napoli una conferenza sul còrso. Sono avvantaggiata, pur non parlando la vostra lingua, dalle infinite somiglianze fra il còrso e il dialetto siciliano. Vorrei farvi una domanda: usate anche voi quella che noi linguisti chiamiamo "locuzione inversa"? Mi spiego meglio: una madre che si rivolge al bambino in questo modo: Veni ccà, a mamma, oppure: (il fratello che parla alla sorella): veni ccà, u frati. Cioè il soggetto userebbe una specie di vocativo inverso, nominando se stesso, in modo affettivo. Potreste farmi qualche esempio se esiste anche da voi? e se usate questa specie di vocativo, è preceduto dall'articolo (es. a mamma) o senza ( es. veni ccà, papà , detto dal padre al figlio). In attesa di una vostra cortese risposta, invio cordiali saluti. Lucia Abbate

18.mandatu da JoeKing u 07/11/2008 15:42
ghisonesi, curtinesu, culomba : eu vogliu ampara u corsu chi si parla in Niolu ma campu in Parigi. Cume facciu ? Ci sara qualchi "site internet" o corsi di sera ? Pourriez-vous me donner quelques bonnes infos à ce sujet ? A ringrazia vi :-)

19.mandatu da ghisonesi u 07/11/2008 18:57
S'è tù voli amparà à parlà corsu, comprati una grammatica (ci n'hè parechje, Chiorboli, Franchi...) è unepochi di dizziunari cum'è u Muntese.
Ti poi ghjuvà dinù di a banca di dati di l'ADECEC nantu à u Net.
Dopu, comprati un libbru nantu à i pruverbii o i detti.
Infine ci vole ch'è tù leghji assai.
Per amparà u Niulincu, colla in Niolu è parla cù i vechji, ghjè a sola manera d'amparà una varietà precisa.
Eccu à bona sera.

20.mandatu da Piratella u 07/11/2008 19:31

Veni nantu à u foru corsu, averai tutti i cunsigli è l'aiutu chè tù voli è ti puderai intrenà à scrive in corsu

http://foru-corsu.forumactif.com/

è ti camperai

21.mandatu da estrimei u 07/11/2008 19:50
a Culomba ,
"STRAPPEMU U CORSU PER SALVALLU! eccu a mo divisa...un pocu pruvucatrce, a ricunnoscu! "
vuleria dinuncia sta cacciata , a lingua he a nostra so li purtemu rispettu, se no ' a strappemmu a LAZIU, participemmu a a so scunfitta .
a mea , a chjamma serà ; pratichemmu a nostra lingua , ancu se no' ci sbagliemmu e accettemu e rimarche chi so fatte per pruttege a lingua e micca per suttumette.
he vera, ci sbagliemu tutti! ma crede di currege un sbagliu he un attu militente.

22.mandatu da heliofobu u 08/11/2008 01:06
O amicu Estrimei, socu di più d'acunsentu incu Culomba annanta stu puntu...
Pà una ragiò simplice : Quale hè chi hà una legitimità vera per pudè currege à qualchissia ? Vogliu parlà di legitimità "populare"... (E simu d'acunsentu chi parechji di li nostri antichi so maestri in gramatica è sintassa apucalitica, senza parlà di ste sfrancisate aduprate naturalmente da elli di poi... u ghjurassicu -trà u triassu è u citaciariu-)

23.mandatu da Culomba u 08/11/2008 09:32

O Estrimei, avia bè dettu ch'era na formula "pruvucatrice". un vogliu micca dì chì ci vole à cumpiacesi in u sbagliu, ma chì U PIU IMPURTANTE OGHJE hè di DISACRALIZÀ a lingua, di cacciassi i cumplessi perchè hè l'impettu maiò chì impedisce i giovani (è l'altri dinù) di sprimassi.
Quì ùn hè u spaziu per currege i sbagli nè per dà lezziò, hè un spaziu per parlà IN lingua corsa, micca DI a lingua : o emu da finisce cum'è l'emissione "Dite a vostra" (ancu sè salutu l'iniziativa di Marsily è u so talentu, è chì mi campu di stà a sente st'emissione) quelli chì chjamanu ùn parlanu chè di a lingua (ùn era micca u scopu di Marsily à l'urigine) .
In più a currezzione di Curtinesu era sbagliata, perchè ùn face riferenza chè à ia sioa a varietà]i, paria d'ignurà ch'ini[ u meziornu si adopra di più u sugghjuntivu : dunque prima di "currege" hè megliu di girà sette volte a so lingua in bocca!

24.mandatu da Culomba u 08/11/2008 09:35

Vulia dì, s'adopra di più u sughjuntivu passatu in u meziornu.

25.mandatu da u filanciu u 08/11/2008 15:26
d'accordu cun Culomba. ci vole à incuragisce quelli chi provanu à parlà corsu piuttostu ch'è di insiste nant'à i so sbaglii.

trippa s'elli ne facenu ! feranu i prugressi più tardi.

avà di siguru ùn vole micca dì ch'ellu ùn ci vole micca à rispettà a lingua, l'usi è a grammatica o estrimei, ma solu chi se no ùn accettemu micca i sbaglii, ùn avanzeremu micca !

ùn si diventa micca Ghjacumu Fusina in 1 ghjornu, hè normale di fà i sbaglii !!!

ùn hè cusi ?

26.mandatu da Joeking u 08/11/2008 16:04
Quand'ero zitellucciu, babbò stava zittu chi si vergognava d'un parlà francese.
Ava so eu chi mi vergognu quandu parlu corsu.

Perche che vogliu di, cù a punta di a lingua, 'rrrrrr',
perche che vogliu parlà cù l'accentu, u veru, quelli di e nostri antenati,
perche che mi scappanu di mente parole simplicce di tutti i ghjorni,
e perche che pensu in francese e a struttura di e frase che scrivu e francese.

Je pense qu'il faut normer et imposer un corse accadémique, pas laisser une version sud, une version nord. Mais la norme établie laisser toutes ses composantes locales vivre leur vie.

Les forums que j'ai pu parcourir sont pleins de bonnes volontés de part et d'autre, mais ça ne suffit pas si on veut maintenir la langue.
Il nous faut d'autres supports que l'internet : télévision, films, séries doublées en corse, dessins animés pour les enfants, théatre, etc. et le tout, dans le corse accadémique défini, sans aucune faute, des exemples, d'autres façons d'apprendre que par nos parents.. quand on a cette chance.

Quelles sont les actions menées dans ce sens en Corse, par les corses ?

Je sais que tout le monde n'est pas d'accord avec cette vue.

Mais si on ne fait rien, on sera les derniers a parler, sur un forum ou sur un banc. La corse de nos pères mourra avec nous. E cusì sia.

27.mandatu da Piratella u 16/02/2009 23:56

A prima cosa à fà o Joeking, hè di ùn vergugnatti più!! Parla cum'è tù poi è sopratuttu u più chè tù poi, cù e ghjente chì u parlanu da chjuchi, fatti aiutà, ma ùn sunnieghja più di un corsu "perfettu", "academicu" ch'ùn esiste micca. Nimu pò "impone" un corsu chì seria "u veru corsu" : à quale metterii in un'ACademia? Tandu sì chì nasceria u tazzu! Hè u mudellu francese què, l'Academia, ùn hè micca un'ubligazione. Parlemu, scrivimu, cantemu senza vergogna, senza a paura di "sbagliacci" (è mandemu à spassu l'astutoni sempre pronti à dì : "què ùn si dice micca in corsu"), fendu e nostre scelte persunale, è l'usu maiuritariu farà a "lege"....

28.mandatu da micckey tupinucciu u 17/02/2009 00:50
aio cosa dici o piratella mdrrrrr so schersozu...
sicura chi u corsu academicu esiste
tutti prufessori sapienti di l'anni di "u riaquistu" parlavanu tandu di un certu scrittore trojani mi pare per parla di scrittura academica eiu ch'e so una clocha finita e ch'un parlu mancu corsu un aghju mancu capitu una cria di tuttu cio ch'elli diciani tutti sapienti universitarii di 'ssa lingua
sicura m'arricordu ch'eo durmia sempre ind'è i corsi di ghjacumu thiers tutte e matine a u palazzu naziunale sbrimbatu da e serate culturale di tandu
ancu puru un ghjornu l'ha detta cusi passendu accant'a a me
ma mi piattava per dorme sott' à i libbri hé hé e ava 20 anni dopu m'arricordu di e parole di ghjacumu thiers chi dicia passendu accantu a me
he megliu per certi a pianta studii e dorme in casa
dipoi aghju piantatu i studii e un aghju manca ' pena piu vulsutu ampara u corsu chi tandu mi virgugnammi cum 'e a dici tu mdrrrr
allora ch'ella mi piacia u so libbru "papier d'identité" porca miseria mdrrr
ma infine mi piacia dinu ghacumu fusina chi era piu cume di ? euhhh pedagogicu in a so manera dolce di fa passa a lingua e po so di una generazione chi ha ingrandata cu e so belle canzone cume citadella da fa e cetera e cetera
ma tandu a st' epuca cuminciava a spunta una nova generazione di scrittore cum e ghjaseppu ugolini cu u gruppu isula chi era un gruppu abbastanza "mudernu" per a scrittura e piu tardi marcu biancarelli chi sprima be mi pare u stintu e u spiritu di a nostra eta
c era dinu u magnificu chiorboli mi face piace di vedelu a a televisio ogni tantu chi mi pare sempre in forma e sempre schersozu o piuttostu amicaule (si dice ?)
eccu per di ch un ci vole micca a fa sforzi
chi c he ghjente chi anu piu faculta per ampara lingue ch elle sianu corse francese inglese e cetera
bah sicura dicu que per me ch eo so un sumero 20 anni dopu e ch'un parlu mancu corsu ne inglese hé hé ma mi piace a leghje l idee pulitiche e risponde ogni tante a l invivia
cum'è a spiega que ? o piratella dolta mdrrrr

29.mandatu da micckey tupinucciu u 17/02/2009 01:13
he vera cio ch'ella detta estrimei ma allora tandu u ghjornu chi a corsica sara diventata una riserva d'indiani parleremu sempre u corsu di tandu tra persunnasgi fusilisati ?
aioo estrimei a lingua un he micca una pignata lagata da i vecchji
a lingua he cume a mane per di salute un strumentu di cumunicazione
viaghja accantu e a l internu di l'evoluzione di l essi umani
omu corsu d eri un he quellu u zitellu d ava e quellu chi nascera in l anni 3000
tandu a lingua ballera cume i cristiani
t aghju a di dinu chi forsa i corsi di 4000 anni saranu tutti neri e parleranu inglese
perch ella he cusi l'evuluzione umane o forse micca quale chi a sa
a lingua di corsi di cauria o filitosa un era manca a pena quelli di oghje inno ?
mi pare a me ch eo so un sumero ch ella he piu impurtente di salva a terra chi riprisenta u nostru imaginariu e e nostre limite spatiale geografiche chi fa nasce u nostru spiritu ch ella sia be o male (que he una altra affare sucietale) che una lingua chi porta u spiritu
tandu mi pare ch'un c he micca antinomia sopra que
aiooooooo chjamatemi ghjacumu thiers chi ha da di ch eo so un sumero chi passa u mo tempu a dorme durante i so corsi di linguistica hé hé hé

30.mandatu da estrimei u 17/02/2009 09:01
o micckey tupinucciu ,
a lingua hè u mezzu chi permette a cumunicazione.
a lingua dice dinnu so ch'omu hè.
a lingua corsa, cumme tutte e lingue , a bisognu di parulle nove, ma ste parulla, un si ponu inventà a laziu ,devenu esse aradicate .
allora , mi dicerete, i taliani vanu a circà e parulle 'nde i francesi, i francesi si tratechjannu di parulle americane , he forse quessa l'evoluzione.
l'evoluzione un he micca u cambià ! l'evoluzione , so capiscu bè , hè u fattu d'andà versu u megliu e per mè, u megliu ,un he micca rinnigà so ch'omu hè.
ie , a cunfessu, aprezzeghju di più , di manghjà un bellu tianu fattu 'ncu tutti i so duveri che una "blanquette" !

31.mandatu da micckey tupinucciu u 17/02/2009 11:31
una "blanquette" ??? !!! ah ah ah scusa ma mi fate ride mi piace u scherzu dinu
mi dumanda sempre perche i naziunalisti so sempri tristi ah ah ah
e chi ne pense di "niquettu" sarkozy ??? mdrrr
cume ? un he micca come blanquette niquettu ? un he micca lingua nustrale ?
mi pare che si chi ci mette in culu tutti ghjorni cume i legumi di a pignata di mammo

ma hai rasgio o amicu un c he piu un palmu di nettu cum' ella dicia u poveru natale
quandu si vede chi ancu a bella patriziaaaa gatacecca ha da maritassi cu u vecchjone halliday po po po
ci vole a dumandala voi altri di a piazzetta he vera o micca sta brutta nutizia ??? mdrrr

32.mandatu da franz u 26/05/2009 17:13
Un sò Corsu, sò piemontese, ma sò d'accordu cù chi dice ché megliu sbaglià che un scrive in corsu (Pardonnez mes fautes SVP!)

33.mandatu da niccolo' u 07/02/2010 17:48
eu socu gadduresu ,palchi' no femu palti di lu corsu?

Novu cumentu :