Accueil
Envoyer à un ami
Version imprimable
Partager

Carlu Rocchi si n'hè andatu

Carlu Rocchi s'hè spentu. Perchè ch'ellu era un munumentu è siguramente a più bella voce di Corsica, era a minima di e cose di rendeli omagiu.




u 6 di Farraghju 2010
u webmaestru



1.mandatu da Antò u 06/02/2010 12:14
U PIU GRANDE !! ch'ellu riposi in pace,e so canzone elle un si spenghjeranu mai è canteremu sempre perchè tuttu u mondu hà già intesu e so canzone,di sucuru un sarà micca a so voce mà un ci scurderemu mai di stu cantaore !

2.mandatu da estrimei u 06/02/2010 12:39
nepochi di ghjorni fà , si ne andatu Francescu Maria Perfettini , oghje tocca a Carlu Rocchi, a Cultura nustrale - a vera , mica quella di l '"agenda "di FR3 - si piglia una tambada di quelle !
a i so paisani , a i so famigliati un salutu rispettuosu.

3.mandatu da GILIU u 06/02/2010 12:49
A CORSICA hè trista....a CORSICA hè in dolu
Riposi in Pace

4.mandatu da duttore mabbulu u 06/02/2010 14:07
iè, un salutu rispettosu à tutti i Rocchi è à u paese di Rusiu ch'hà permessu u mantenimentu di e nostre tradizione cantate. E' s'ellu ùn era u più grande, hà fattu parte di a squatra di sta permanenza, puru passatista, in l'annate nere di a decursisazione. Un salutu dinù à quelli partuti sti pochi anni, cum'è Natale Luciani o Alanu Nicoli ch'avianu pigliatu u seguitu, è perfine à Francescu Perfettini, smaritu a settimana scorsa.

5.mandatu da Rocchi Carlinu u 06/02/2010 15:39
U mio ziu caru ti ne si andatu senza rimore cume tu hai sempre vissutu.
Tu tenie di a to mamone "Cinarchese", elle ch'a cantatu tanti voceri, u senzu sputicu di a puesia in lingua corsa. Tu tenie di u to babbu "Filippone", ellu chi ghjucava di viulinu a l'età de 12 anni senza avè mai imparatu e chi era cunniscitu pe e so ricucate, a to voce chiara e linda e u senzu musicale.
Ere tu, o Cà, cu u to fratallu Ghjuvan Santu, quellu ch'a fattu u piu per mantene e fà cunnosce e vere tradizioni di u cantu corsu. Aghju sempre in mente una passata di terzetti, tu in seconda cun Filippone in bassu e Ghjuvan Santu in terza. Peccatu ch'ella un sia stata registrata!!!
Iè, o Cà, ti ne si andatu ma a to voce muntagnola, quella di e foci rusinche, un si spenghjerà mai.
Serai per sempre nu i nostri cori.
Carlinu, u to nipote, chi ti deve a so passione pe à Corsica e u cantu corsu.

6.mandatu da fan di carlu rocchi u 06/02/2010 15:51

7.mandatu da UBoziu u 06/02/2010 17:20
Sta trista nutizia mi cummove. Tanti ricordi piacenti ! Ma u versu caldu, lindu è putente di Carlu Rocchi cuntinua. Si leva di a so' salma pè vulà pè sempre di sopra à i nostri paisoli, e nostre fureste è i nostri fiumi. Perchè se u corpu hè murtale, a voce, ella, hè eterna.

8.mandatu da miccaèbastiacciuinnizza u 06/02/2010 17:23
riposa in pace O'Carlu

9.mandatu da in cauda venenum u 06/02/2010 18:05
IN MENTE E IN CORE DI TUTTI PER L'ETERNITA REQUIESCANT IN PACE I ROCCHI SO IN DOLU RUSIU HE IN DOLU A CORSICA HE IN DOLU A TO VOCE RIBONBA PER SEMPRE IN PETTU DI TUTT'OGNUNU CAPI BASSU E CORE STRINTU

10.mandatu da Tarzan di a vechja cità u 06/02/2010 22:35
I bastimenti si ni falani pà fondu è i stronzi coddani à gallu

11.mandatu da circinelludiguagnenativupeliguagnesusosanguaversatu u 07/02/2010 08:54
"... Amore, Vinu è Libertà !"

12.mandatu da fiumorbu u 08/02/2010 07:47
Trista nutizia...

13.mandatu da Marcucciu u 08/02/2010 11:49
Ié, veramente trista nutizia ...
Una voce magnifica, linda, ghjusta chi cantava è articulava una lingua chjara, senza fisiche, capiscevule da tutti i corsi ... cìo chi ci manca assaì oghji.

Ié, perdita tamanta per u cantu corsu; chi si more via via ...

E ogni corsu senza rimorsu
Franca lu mare è si ne và.
Tristu destinu u mio mulinu,
Un ghjornu in terra cascherà.

14.mandatu da DIRUSIU u 08/02/2010 13:07
A CARLU

A to voce s’alsava
è ci paria un sole
Un innu veranile
chi a terra discitava

Nu i to ochji in fondu
sintimenti è passione
Di quellu chi porta in core
un destinu prufondu

Mà ancu si di noi
ti teni più luntanu
U seculu un si scorda
di a to voce Carlu

Fora l’antichi venti
L’amichi in cumunione
Si portanu cuntenti
strumenti è partizione

dà è pieve a u mare
un estru d’aria pura
tanti ghjuvelli rari
messi in’ssa natura

Mà ancu si di noi
ti teni più luntanu
U seculu un si scorda
di a to voce Carlu

Oghje nimu un si scorda
Timpesta d’emuzione
In ogni petra l’orma
Di tutte è to canzone

Avà tù si vicinu
di u to paradisu
E ci lasci orfani
senza u to surrisu

Mà ancu si di noi
ti teni più luntanu
U seculu un si scorda
di a to voce Carlu

GHJ. Achard 05/02/2010

15.mandatu da Pe' u 10/02/2010 21:17
So d'accordu cun te Anto, u più grande di tutti ....
Tu lasci a nostru populu tante belle canzone, patrimoniu di i corsi per l'eternità ...Un ti cunisciva micca, ma mi hai dadu tantu piace, ti ringraziu carissimu Carlu ... e to canzone continueranu a incanta e nostre vite... per sempre...e quella di i nostri figlioli ..

16.mandatu da Mariuccia u 15/02/2010 23:57
Carlu rocchi u tesoru di a canzona corsa fermerà sempre in core di tutti cusí bella lascita ch'ellu ci hà fattu è tamantu talentu! riposa in pace .

Novu cumentu :


Seguitateci nant'à Facebook


L'articuli

Abbunatevi à a newsletter

Circà nant'à A Piazzetta