Accueil
Envoyer à un ami
Version imprimable
Partager

Cliccate, è state à sente...

E crònache di Petru Mari si ponu stà à sente nant'à u net. Falanu spessu cutrate... allora ùn passate micca à cantu !



Cliccate, è state à sente...
Ùn si presenta più à Petru Mari chì a so voce a cunniscite bè. Face una bella stonda ch'è no u sentimu nant'à RCFM -scusate, ci vole à dì "France Bleu Corse Frequenza Mora"... ma noi cuntinueremu à dì "RCFM"- in tantu ch'è animatore (v'arricurdate di a "Ghjustra Paisana" è u so jingle di i Pogues ?) è giurnalistu.

Dunque per quelli chì ùn a saperianu micca, Petru Mari tene ogni ghjornu una crònaca, chjamata Masai. È ci hè propiu da sbilicassi... Porta u so sguardu acutu è scherzosu nant'à a nostra sucetà, è falanu spessu cutrate ! Cambia francamente da ciò chì si pò sente d'abitutine, cusì cunsensuale è cunfurmistu.

Allora prufittatene, si ponu stà à sente nant'à u situ d'RCFM :

cliccate nant'à stu ligame quì !

Ci vole à dì chì u cutitianu di a Corsica presta pocu à ride è chì in generale seriamu piuttostu un populu di musuti, d'azezi è di murtulaghji. Allora raggione supplementaria pè ascultà à Petru Mari, bisognu ci n'hè di ride appena di noi è di i nostri propii difetti...

Eppò un tippu chì mette in 2008 listesse camisgie ch'è Magnum ùn pò esse antipaticu...

DA METTE SUBITU IN I VOSTRI SITI PREFERTI !

u 22 di Ghjenaghju 2008
u scrianzatu



1.mandatu da estrimei u 23/01/2008 09:05
eccuci un suggettu ,induv'ellu si po cuntrastà,postu ch'ell' he robba nostra.
vuleria ammentà chi nant'a rcfm , c'he dinnu l'emmissione di Ghjuvan Carlu MARSILY ,chi cume u so nome a dice,DITE A VOSTRA , permette a tutti di piglià a parulla e di di so chi li pare.
u difettu di Dite a Vostra he chi ,ancu s'ella he stata a sente da parechja ghjente , simmu sempre i listessi a piglià a parulla ; allora militanti passiunati di a nostra lingua ,valurisate stu strumentu di prumuzione di a nostra lingua in chjamendu.
a cronaca di Petru Mari,cume tutte e cronache , a un difettu quellu di fà fallà e sentenze,senza cuntrastu.
e colp'a colpu,accunsentennu o dispiacennu.
u so meritu , di sta cronaca , he ch'ella sia in lingua nustrale -e ancu so facciu a critica di l'impieggu di certe parulle,c'ole a ricunosce ch'ellu 'un ha nunda a sparte 'ncu u parlatu di certi "ghjurnalisti di rcfm"-

2.mandatu da u tippu u 23/01/2008 12:37
ai raggio o estrimei, a cronaca di Petru Mari, segondu i sugetti ch'ellu tratta, po piace, è certe volte dispiace...
ma ùn hè quessu u so rollu ? certe volte fallanu scutrate è face prò di sente cose, chi in stu paese ùn ci hè chè "langue de bois".
d'altre volte po piace menu, ma ghjustamente, pensu chi u rollu di i cronachisti hè dinù di fà nasce a pulemica, a riflessione.
s'ellu ùn chi hè più dibattitu è pulemica, allora hè chi tuttu u mondu pensa listessu, è hè chi tuttu u mondu ùn pensa più nunda.. è hè què u periculu in Corsica oghje.

eppo à mè mi piace cum'ellu parla, parla paisanu, si capisce, è per dì e cose muderne ùn inventa micca parolle ch'ellu hè u solu à capisce.

3.mandatu da Sbanditu u 23/01/2008 15:50
Nant'à Petru Mari, s'ellu ci stuzzica di tantu in tantu, mi si pare ch'ella fussi una bona...
In quantu à tutti quelli passiunati da Dite a vostra, mi dispiace à divvila postu chì site, cum'è mè, appassiunati da a nostra lingua, ma pensu chì st'emissione incatena a lingua à u passatu.

Hè bella hè bona di caccià parolle antiche di l'arcibabboni. Hè bella è bona per u piacè è a suddisfazzione persunale di fà vale e so cunniscenze lessicale nant'à i scarpari capicursini di u 19u seculu.

Ma a nostra a lingua, più chè di parolle anziane, hà bisognu d'arrichisce si nun solu di parolle nove chì ponu dì a realità oghjinca ma dinù temi novi, temi oghjinchi. Hè quessu u piccatu di st'emissione. Mi si pare di sente "Tempi fà", à l'usu Luccioni. Hè bellu u so travagliu, ma ci face crede ch'ella hè morta a Corsica.

Femu la finita cù u passatisimu è a negazione di a nostra identità !!! Hè di creazione ch'avemu bisognu! Cum'è elli dicianu durante l'epica di u Riacquistu, avemu bisognu d'inghjennà, di creà qualcosa di novu ma sempre in u filu di u nostru esse... A puderemu fà?

4.mandatu da estrimei u 23/01/2008 16:43
a sbanditu,
c'he un sbagliu majo, dite a vostra e fatta per ch'ognunu dica a soia,e per abbizza a ghjente a ripiglia a pratica di a nostra lingua.
oghje st'emissione e praticata a u piu da omi fatti,si a giuventu pigliava a so piazza ,di sicuru,si parleria d'altri affari.

a negazione di a nostra identita?
'un ci capimmu manc'apenna ,u solu mezzu di impone a nostra identità he a pratica di a nostra lingua , e una di e gran 'debullezze di a nostra lotta e stu bisognu d'andà a circà a lingua francese quand'omu vole impone un'edea,o a so personna .
aghjusteraghju chi a Lingua Corsa 'un po esse che quella di u passatu,ingiuvanita in rispetandu a manera di pensà corsu--ingiuvani un vole micca di tradisce -e per ingiuvani 'un c'he ne bisognu d'anda a circà u francese o u talianu, o di praticà a lingua di 'nepochi di rcfm(he capita chi custi 'un parlu micca di P.MARI).

5.mandatu da Sbanditu u 24/01/2008 09:44
U prublema maiò hè chì sola soluccia o quasi nant'à i prugrammi di RCFM, dà una maghjina anticogna à a nostra lingua. Ma hè bella sicura ch'ella hà u meritu d'esiste.
Ci hè un antru affare dinù. Mi si pare chì cun st'emissione pudemu valutà abbastanza bè a suciulugia di a cursufunia. Per u più, i giovani è sopratuttu i giovani bastiacci è aiaccini ùn parlanu micca corsu. Hè per quessa chì certi urganizeghjanu stonde corse o caffè in corsu in Bastia per esempiu...
à prestu!

6.mandatu da estrimei u 24/01/2008 18:37
o sbandi,
un c'he bisognu di st'emissione per fà u puntu nant'a u parlà di a nostra lingua.
in certi loghi,in certi paesi, in certe famiglie c'he ghjente arradicata a u so Paese chi a praticheghjannu d'una manera naturale .
fora di sti loghi ,a reggula he u francese.
a i principii di l'universita 'nu a corte-o 'nu u campus per cugnumà stu locu di recreazione a usu intelettuale- e nant'a u corsu Paoli, i giovani studianti parlavanu corsu,oghje si parla in francese.
e squadre canterine cantannu in corsu ,ma for di scena praticheghjannu u .....francese.
nu i cummerci,nu i caffè, 'nu e 'mprese si parla pocu corsu.
e a sentellu pocu,ci so chi praticheghjannu u corsu a usu francese.
eu so cunvintu chi " persa a lingua,persu u Populu ",allora per salvacci simu in l'obligazione di salvà a nostra lingua.
per salvalla ci'ole a praticalla, e per praticalla bè, ci'ole a pensà in corsu e per quessa ci 'ole a avella 'n l'arecchje.
Dite a Vostra he unu di sti lochi; capiscu chi certe chjachjere vi diannu fastidiu- certe funne so longhe,longhe-
ma pudete piglià a parulla e di so chi vi garba.
un valle a sturzunna, a CORSICA di dumane ,nu a pudemmu fà che tutti insemme:i giovanni,i vechji,i ricchi ,i poveri,i belli,i goffi,i struidonni,i summeronni.a solla reggulla ;avè a passione di u nostru PAESE
o sbandi, ancu di scrive in corsu he un attu puliticu ,ancu di grazia ,internet ci dà un colpu di mannu
allora a prestu

7.mandatu da panzarottu u 24/01/2008 22:07
discussione interessante ! hè bè d'avè cù noi un participante di "dite a vostra", à mè mi campa st'emissione è si n'ampara tutti i ghjorni.
pensu chi à cantu à què ci vole à truvà i mezi d'interessà è di fà parlà i giovani d'oghje, chi so a maio parte citatini. cumu pruvà à fà parlà corsu un giovanu di lupinu, chi ùn colla mai in paese, o chi forse ùn ne hà mancu più ?
hè tutta a difficultà... ma eiu ci credu !

à prestu o estrimei

Novu cumentu :