Accueil
Envoyer à un ami
Version imprimable
Partager

Corsofobia

2000 anni di cacciate anti corse. Eccu u best of.



Corsofobia
"Se venger est la première loi des corses, la seconde, vivre de rapines, la troisième, mentir, la quatrième, nier les dieux" (Sèneca)

"Pour parvenir à éteindre tout à fait une race aussi exécrable, le premier moyen étant de leur ôter la facilité des retraites que leur offre les maquis, nous avons pris la résolution de les faire brûler dans toute l'étendue de l'île" (Marbeuf)

"Il faut battre la Corse avec une verge de fer" (u generale Berthier dopu à a cunquista francese)

"Nous tuons au moins un Corse par jour" (Morand)

"La Corse nuit à l'image du football français" (u mustacciutu)

"La vérité qu'il faut dire, c'est que la Corse n'a jamais été et ne sera jamais française. Voilà cent ans que la France traîne à son pied ce boulet. Nous l'en voyons estropiée, meurtrie. Le Corse est naturellement mouchard et assassin..." (Victor Hugo)

"La solution au problème Corse, cinq minutes d'immersion totale" (Clémenceau)

"Moi vivant, il n'y aura plus jamais de clubs corses en L1" (torna u mustacciutu)

"Eiu parlu corsu, ma ùn l'aghju micca amparatu à i mo figlioli, ùn ghjova à nunda !" (parechji Corsi)

"Le corse ça sert à rien, ùn vogliu micca chì u mo figliolu seguiti i corsi di lingua è cultura corsa" (serà megliu à un cuntalli)

Chì i fresteri ùn ci teninu micca caru, avà n'avemu l'abitutine. Ma perchè tantu odiu di i Corsi per a so propia cultura, a so propia lingua ? Perchè tantu disprezzu per sè stessu ?

u 21 di Nuvembre 2011
U Webmaestru



1.mandatu da U Palatinu u 21/11/2011 09:56
Iè. Di sicuru, ùn sì pò negà, sti detti sò vergugnosi.
Per quelli venendu di u stranieru, si pò ignuràlli è lasciàlli in a so puzza, o allora splusà per fà vede chì i Corsi ùn sò pecure. E duie scelte si ponu seguità, è ùn ci ne hè micca una peghja ch'e l'altra.
U più chì mi stumaca hè di vede i Corsi chì parlanu cusì. A sò ch'ella hè u "sindromu di u culunisatu", cum'ellu si dice, ma dispiace assai assai, è invece di sindromu di u culunisatu, eiu parleria piuttostu di u sindromu di u scervellamentu, è di a perdita di l'Anima. Ùn aghju ch'e pietà per elli perchè sò elli chì sò à pienghje d'avè persu tuttu cio chì face u so essare.

Ùn vogliu cunchjude stu missaghju ramentendu l'adirizza di u bloggu di raccolta di e citazione razziste anticorse fatte da u Culunellu di Vinciguerra, à a mio iniziativa.

2.mandatu da Urelianu u 21/11/2011 11:48
Pocu addisperu leghjendu A Piazzetta... "Mi è venuto il magone" dice u talianu...

3.mandatu da MediLibera u 21/11/2011 21:20
Altru dettu, altr'idea ... :)

« Une colonie est un pays dont les fonctionnaires appartiennent à un autre pays. Exemple : l’Indochine est une colonie française, la France une colonie corse. »
Daniel Pennac - La Fée Carabine.

4.mandatu da guidu u 21/11/2011 22:50
Emile Zuccarelli, François Tatti, JJ Panunzi : "il est hors de question de rendre la langue corse obligatoire"

ùn hè CORSOFOBIA què ?

5.mandatu da giovanna u 22/11/2011 01:18
I francesi non conoscono cosa sia la diversità...non tollerano che esistano culture non francesi in Francia.
Ma allora perchè conquistarvi?
Non lo sapevano che venivate da un'altro tipo di cultura ?
Cosa si aspettano che i corsi e la loro cultura muoiano senza combattere?
Poveri illusi...

6.mandatu da Anghju u 22/11/2011 09:04
Chi vergogna per i corsi !!!

7.mandatu da giramondu u 22/11/2011 09:35
vi ricumendu u librettu di Ghjuvan Petru Santini "petite anthologie du racisme anti-corse" ed.LACOUR/I quaderni di a memoria

8.mandatu da Pumata u 22/11/2011 10:52
L'idee di lingua cultura e nazione corsa annu be avanzatu. Si po quasi di chi u populu s'hé discitatu indu sittanta. Ma a storia ritenera da qui a 50 anni chi u muvimentu un hà mai pussutu franca u passu maio di piglia u pudere ind'una sucieta inchjustrata da u clanisimu e l'emigrazione massiccia di funziunari e altru. E cusi e sole idee chi ci pudianu salva cume s'hé fattu in catalogna o astro so state assuffucate da a logica republicana francese sustenuta a morte da parechji clani nustrali...

9.mandatu da mijagavignanica u 22/11/2011 23:56
Un'e mica nova e leia di i Corsi a d'altri populi che u soiu di tutti i tempi andati si so battutu chi per genova chi per venezzia chi per l'ingliterra, chi per a spagna etcetera... etcetera . Mancu u povaru grand Pasquale un'a pussutu fa l'unione di u so populu e fu traditu da i soi stessu

10.mandatu da Sam Buccuciu- Dalandeaux u 23/11/2011 11:26
Ùn si pò finì di tuccassi sempre a so macagna è di tuccà sempre listessa piaga per vede s'ella ci face male? Ùn si pò esse altru chè vittime? I Corsi mintuati da Seneca ùn esistenu più. Ùn sò micca noi.Noi campemu oghe in un mondu chì hà cunnisciutu u seculu di i Lumi, quellu di Pasquale Paoli, quellu liberatu da u fascisimu da jean Nicoli. femu vede chì ùn vulemu ne u clanismu anziani ne quellu novu, chì e nostre idee sò à pena di più avanzate chè quelle di una ghjuventù chì si pritende paolina è ùn permette micca una espressione artistica. Ghjovani chì sò cusì pocu liberti anu a pretenzione di liberà a Corsica? diceva seneca:"l'omu ùn more micca, si tomba ellu stessu." Vitete, ùn hà micca dettu chè cunnerie.

11.mandatu da ANTO u 23/11/2011 13:58
E s'ellu c'éra un fondu di verita in questi pruposti ,chi un so micca d'oghje solamente , ma chi so stati tenuti per esempiu pè Senèque autore latinu (primu séculu ).Abbiamu u curaggiu di guardacci in u specchiu sensa occhiali .

12.mandatu da Grossu panzutu u 23/11/2011 15:51
Chi spressione artistica? Un minchju incu un crucifissu? Aio aio ci vole arresta appena di pienghjula nanta stu limellete. Si cummencia cusi a lascia passa certe forme d'"Arte" poi dopu si tullereghja astru astru e astru e si finisce cume in Francia incun una ghjuventu arruvinata da u tizzone e a cucaina e una banalizazione tremenda di u stupru e a rapina! A liberta artistica ùn deve micca cunduce a certe cose! So cunvintu che a un munmentu ùn ci vole micca a lascia passa tuttu o diventeremu cumu tutti sti populi mundializati: Lazzi e inbigliachiti! In aspettendu impecià cazzi anantu a tutti i muri d'una citta scusate ma liberta artistica o no: Micca di que inde noi! Lasciemu u pseudo arte pruvucante a i Bobo parigini!

13.mandatu da CristòdiSartè u 24/11/2011 22:57
Pà risponda à a toia dumanda, avemu una terra magnifica, un populu unitu attacatu à a storia, tanti valori è onori, pensu ch'un c'hè chì a ghjalusia chi pò fà dì issi affari !
Quandu si trata di "corsofobia", pà rippidà a toia sprissiona, mi fà sempru pinsà à u nomu dì u liceu di Sartè : Georges Clémenceau ! Certi ani cercati dà fà cambià issu nomu, mà ùn ani miccà riisciuti. (Vergogna à quelli chì ùn ani vulsutu !)

14.mandatu da Ciucciarella2A u 06/12/2011 05:17
Scusate se parlo italiano, spero possiate capirmi tutti.

Purtroppo non parlo corsu, lo riesco solo a capire, nonostante sia di origini corse.
Ho 20 anni e ho sempre vissuto in Italia, sono di origine corsa da parte materna.

Ho sempre amato le mie origini, e ho sempre cercato di tenere vivo il mio orgoglio corso che ci caratterizza. Spesso ho avuto a che fare con persone ignoranti che manco hanno un'idea di dove sia situata geograficamente la nostra amata isula, ma sempre io ho specificato dicendo di essere "corsa, grazie a Dio" e non francese.

Una volta ho persino discusso con un'insegnante della mia università, dopo aver sogghignato alla vista di una foto di Napoleone giustificandomi dicendo che non fosse stato altro che solo un piccolo traditore, avendo voltato le spalle al popolo corso, teoricamente suo stesso popolo.

Sono talmente fiera delle mie radici che talvolta arrivo a commuovermi pensando di non essere lì, nella mia Portivechju. Ma, per fare un regalo a me stessa e per provare al mondo l'amore che sento per quella che considero la mia vera terra, quasi due anni fa ho fatto un tatuaggio sulla mia spalla sinistra (lato del cuore) e quel tatuaggio è la sagoma della mia amata isola, abbellita da un bellissimo ibisco colorato. Ne vado fierissima e lo mostro con tanto orgoglio.

Un caro saluto a tutti voi corsi fieri delle vostre radici come me, vi lascio con una frase che disse u Babbu che ho letto in un libro e che mi ha colpito molto.... "Corsica: l'odore del mare riusciva a farmi ricordare quella terra, la mia terra, ad occhi chiusi..."

15.mandatu da Catinu u 20/12/2011 15:34
Un'hé mica Victor Hugo chi ha scrittu : ""La vérité qu'il faut dire, c'est que la Corse n'a jamais été et ne sera jamais française. Voilà cent ans que la France traîne à son pied ce boulet. Nous l'en voyons estropiée, meurtrie. Le Corse est naturellement mouchard et assassin...", mà Jules Vallès, direttore du u "Cri du Peuple" e unu di i capi di a "Commune de Paris" in' u 1871... . L'antibonapartismu di certi republicani e rivoluzionari francesi l'avia purtati a un veru razzismu anticorsu.

16.mandatu da E. Bartrand u 10/01/2012 14:05
•Bisogna che gli adolescenti ed i giovani còrsi, nella loro ricerca della dignità, non scoprano più la storia della loro regione come quella di un'oppressione[...]
Il diritto di resistenza all'oppressione è proprio uno dei diritti fondamentali dell'uomo e del cittadino. Il fatto è che c'è stata oppressione, e ne restano forti tracce. [...]
C'è una rivolta còrsa. Non si può sperare di affrontarla senza comprenderla. Bisognerebbe prima di tutto ricordarsi:
* Che quando Luigi XV acquistò i diritti di sovranità sulla Corsica dalla Repubblica di Genova, occorse una guerra per prender possesso del nostro nuovo dominio. La Francia vi perse più uomini che durante la guerra d'Algeria.
* Che la Corsica è rimasta (sotto) governo militare sino al XIX secolo inoltrato, con tutto quel che ciò implica in termini di legalità repubblicana.
* Che, durante la guerra 1914-1918, sono stati mobilitati in Corsica i padri di sino a sei figli, ciò che non si è mai osato fare sul continente. [...]
* Che il massacro di Aleria, il 21 e 22 agosto del 1975, è stato sentito come la fine di ogni speranza di miglioramenti prodotti da trattative con il governo della Repubblica, e si è dato il segnale del ricorso alla violenza, poiché tutti i còrsi [...] hanno capito benissimo che giammai una risposta simile a quella di un'occupazione avrebbe potuto aver luogo nell'Esagono. [...]
* Che alla fine degli anni cinquanta, il governo creò la [...]Somivac. Essa aveva l'incarico di riacquistare le terre disponibili [...] di tracciarvi strade e sentieri, di portarvi l'irrigazione [...] e quindi di rivenderle a contadini còrsi. I primi quattrocento lotti erano pronti alla vendita all'inizio del 1962. Da Parigi venne l'ordine di riservarne il 90% per i pieds-noirs reduci dall'Algeria. 90%, non il 15% o anche il 50%! Questa percentuale è un incitamento alla guerra civile.
* Che si fece, nel 1984, una strana scoperta. Il presidente Giscard d'Estaing, verso il 1976 o 1977, aveva preso la saggia decisione d'assicurare alla Corsica la "continuità territoriale", [...] Sette o otto anni dopo [...], l'amministrazione aveva assicurato la continuità per il trasporto di persone e di merci dall'Esagono verso la Corsica, ma non nel senso inverso! Le arance corse continuavano ad arrivare a Marsiglia con spese di trasporto più elevate di quelle che venivano da Israele. Per i vini e per la salumeria fu la morte economica.
* E che infine la Corsica, come la Martinica e Guadalupe, ha subito per molti decenni un monopolio di bandiera marittimo imposto dallo Stato, con le conseguenze asfissianti che si possono indovinare. (Michel Rocard)

Novu cumentu :