Accueil
Envoyer à un ami
Version imprimable
Partager

Scandula hè in perìculu

A Riserva naturale di Scandula hè minacciata da a frequentazione troppu forte di i lochi. È l'alpana (u "balbuzard pêcheur"), animale sìmbulu di a prutezzione di u Parc, hè in perìculu.



Scandula hè in perìculu
Hè u raportu annuale d'attività di a Riserva naturale di Scandula chì a dice (ripigliatu da Ambiante, u giurnale di l'associu U Levante) :

«À l’heure où le Parc naturel régional de Corse a servi d’exemple pour la reproduction du balbuzard (aigle pêcheur), il s’avère que cette espèce ne se reproduit quasiment plus. La réserve souffre de la surfréquentation. La gestion de la fréquentation devient à présent une priorité… Des activités humaines se développent de manière importante… Nous devons faire face à un véritable signal d’alarme. »

Ste frase sò di Jean-Marie Dominici di u PNRC.

Di siguru, a Corsica hè bella è ognunu ne vole prufittà. A so ricchezza hè a preservazione di a so natura sempre appena salvatica... per avà.

Quandu si punerà a quistione di a frequentazione è di a saturazione di certi lochi ? Quandu si pianterà di pensà l'estate cum'è una stagione induve "ci vole à empiesi e stacche" fendu n'importa chè, n'importa cumu ?

Cun 500.000 visitori à l'annu, centinaie di jet ski, di zodiacs, è dinù di battelli di spassighjate, u locu di Scandula hè troppu frequentatu è oghje hè l'alpana chì hè minacciata. In muntagna hè a listessa cosa : u lagu di Melu riceve 2000 persone à ghjornu à u più forte di l'estate (vede Martial Lacroix in Corse-Matin).

À quandu una vera riflessione nant'à u turisimu in Corsica ? Per avà hè : "tutti à botte è speremu chì i turisti cappieranu i soldi". Ma à lampacci troppu u mondu, l'ambiu hè arruvinatu è soldi di tutte e manere, i turisti ùn ne cappianu più.

"Quandu l'omu averà tagliatu l'ultimu arburu è tombu l'ultimu animale, allora capiscerà chì i soldi ùn si manghjanu micca", dice un pruverbiu indianu.

Ma in Corsica, basta ch'elle s'aprinu e piste pè fà u quad è ch'ellu ci sia l'essenza da mette in u jet-ski.

u 24 di Lugliu 2011
U Webmaestru



1.mandatu da estrimei u 25/07/2011 09:42
Scandula hè in perìculu

ma c'he peghju ! he a Corsica chi he a caternu .
e un serà a citadinità chi parerà qualcosa!

2.mandatu da Michè u 25/07/2011 10:01
ùn face tantu ride, st'articulu. Induv'hè l'estru scurrettu è gattivu di u blog?

3.mandatu da Grossu panzutu u 25/07/2011 11:38
Da qui a 20 o 30 anni essenza ùn ci ne sera piu! Vale a di chi ci sera nanzu una crisa energetica tremenda! Tandu si calmeranu incu u turisimu i pumadaghji i camping car i jet ski e i quad! "Teni lu to castagnetu un ghjornu ti ghjuvera" dicia Carlu Rocchi!

4.mandatu da merdusò u 25/07/2011 13:53
O corsu, sarebbe ora di piantà di fà un turisimu cum'è ind'è l'anni 70 è di cambià sta mentalità fragica di u "travagliemu 2 mesi è pò ci n'andemu in Bali !"...

5.mandatu da ANTO u 25/07/2011 21:34
So Corsi (?) chi hannu messu u paese a caternu ,quelli chi vendenu u figatellu e u prisuttu chinèse ,quelli qui stampanu u mondu vendendu puzzicheghji a prezzu di sangue e quelli chi pruvitanu di u "sistèmu" culuniale tuttu dicendusi corsi .A sola cosa chi conta oghje in stu paese hè u sulacciu e qui un'avemu nunda a imbiglia a i pinzuti !

6.mandatu da pillotto u 05/08/2011 14:19
La prima volta che ho visto Girolata, dopo aver percorso a piedi la strada da Porto e aver disceso una mulattiera di un paio d'ore, eravamo nel 1971 o nel 1972.
Le famiglie dei pescatori e dei contadini che abitavano il piccolissimo insediamento erano in agitazione perché i loro figli non potevano frequentare tutti i giorni la scuola a causa dell'incertezza del collegamento marittimo con Porto o Galeria.
Con gli anni Girolata (e la Scandola, ma anche le calanche di Piana.....) mi si e' degradata sotto gli occhi.
Una volta a Porto il fiume era ancora un fiume e non un porto/canale per i gommoni delle scuole di scuba-diving; gli eucalipti erano una foresta buona per i maiali e per il camping sauvage (ci furono anche dei morti, negli anni successivi, per i rami caduti)e non il parcheggio dei "ristoranti della rive gauche" e nelle capanne sulla spiaggia si poteva bere un casanis in compagnia di qualche pescatore e non, come oggi, mangiare improbabili cucine franco/corso/maghrebine.
Ma, da quel che vedo, si e' risolto il problema della scuola: non ci sono più bambini a Girolata, né contadini.
Ma ci sono, se non ho visto male, alcuni corsi diventati assai piu' ricchi a furia di trasportare frotte di turisti su battelli sempre più grandi "alla scoperta della natura selvaggia" della Scandola e, se non vado errato, molti altri corsi - persino da Aiaccio e dalla Balagna - che tutti i giorni fanno i soldi con il turismo "mordi e fuggi" di Girolata e della Scandola.
Forse, e lo dice un italiano (quindi, per definizione un "furesteru"; anzi, peggio: uno "strangeru"....), l'orgogliosa rivendicazione della diversità corsa, che tante volte leggo sul sito, più che sul solo diritto di nascita o di sangue dovrebbe basarsi anche sul dovere dell'amore e del rispetto per la propria isola....

Novu cumentu :