Accueil
Envoyer à un ami
Version imprimable
Partager

U Turisimu in Corsica : da i Pumataghji à i Spacconi ?

L'anu decisa tutti tutti l'eletti di a CTC, u prezzu d'un bigliettu Parigi-Bastia hà da cullà d'80 €. Attempu à sta misura, u prezzu di u bigliettu per l'isulani firmerà u listessu.



CCM,
CCM,
Hè quessa a decisione chì inzerga l'usteriaghji. Mentre si sviluppanu i voli low-cost in Europa, capiscenu male u perchè di sta misura chì à contu soiu, averà un impattu negativu nant'à i so rivenuti.

U turisimu : da a quantità à a qualità?

Fattu si stà chì a crescita di u volu Parigi-Bastia averà di sicuru una cunsequenza nant'à i cunsumatori. S'ella vene cara assai a destinazione "Corsica", averebbe da calà, di modu mecanicu, a quantità di i turisti. Per mantene o accresce i so rivenuti, ci volerà à accoglie turisti più carchi à soldi chè quelli oghjinchi è avè per scopu di sviluppà a qualità nant' à a quantità. Prima perchè ci lascianu di più soldi è secondu perchè u costu cullettivu di u turisimu rivene più bassu. Si capisce faciule. Ancu puru s'ellu ci vole à mudernizà le, l'infrastrutture acquale, stradale o purtuarie ùn averanu à esse cusì pisive chè in l'andatu d'un turisimu quantitativu di pumataghji è di ranciconi...

A mundialisazione di u turisimu

Ma oghje chì hè oghje, sta logica pare ch'ella venissi appena simpliciotta. Accresce a qualità contru à a quantità ùn vene cusì faciule. Da u dì à u fà, ci hè quant'è da u tesse à u filà, dice u pruverbiu...
Prima perchè l'ottelli nustrali di trè o quattru stelle sò scarsi. Averemu dunque un ufferta di trasportu carissima per un pruduttu turisticu mezanu. Secondu, vistu a cuncurrenza in u settore di u turisimu, di e mode, di e brame di e ghjente è sopratuttu di u so putere cumpraticciu, st'evuluzione, ancu s'ella pò pare bona, si palesa difficiule da mette in ballu senza un aiutu forte à prò di a mudernisazione nun solu di l'ottelli ma dinù di a qualità di l'ufferta turistica à u pianu di l'attività è di i servizii resi à i cunsumatori.

Campà di u patrimoniu

Infine, st'evuluzione à prò di u qualitativu vene appuntu da ramintà à u puliticanti quantu u pruduttu turisticu "Corsica" abbisogna cure è prutezzioni di tutte e mamme. A valurisazione di i nostri circondi ùn si deve più fà solu per ideulugia à prò di a difesa di a "terra", ma di dinù di modu utilitarista, interessatu, prammaticu, à prò di u sviluppu ecunomicu. In stu filu custì, e nostre machje è a nostra identità, sò a nostra più grande ricchezza...

u 22 di Ghjugnu 2008
Ahmed Zumar



1.mandatu da castagnu u 22/06/2008 09:17
hep sivouplait les toilettes c'est ou ?
venenu cacanu e si ne vanu.

a manera di sviluppu turisticu un'he ancu decisa un sì sa ancu induv'ellu si va, a vi
dicu eiu induve andemu , andemu a a catastrofa

2.mandatu da estrimei u 22/06/2008 09:56
so d'accunsentu 'ncu castagnu ,basta a vede induve vannu i benefizii di stu turisimu d'oghje.
e in listessu tempu un si po cumprà un casgiu,una salticcia,una frutta ,una pumata chi appie u gustu di u casgiu,di a saticcia, di a frutta ,e di a pumata e ....un parlemu di i prezzi chi si calculati per esse vindutti a Clavier e Renno e a i pari soi.
femmu u parraggone : quantu soldi di a cullettività vannu a e cità turistiche , e quantu ne tocca a i paesi di muntagna?

3.mandatu da Tony Montana u 22/06/2008 11:27
Iè, sò à fiancu à tè, car'amicu Estrimei, mà di li so cacati ci aiutanu à suminà pumate "Core di boie", ghjè una certa cuntribuzione interessante per l'orti di l'agricultori cuncernati...

4.mandatu da machja u 22/06/2008 12:34
Invecce d'aspetta sempre i soldi di a CTC o d'altro, o di criticà a roba fattu a lu bastone, ripigliemu a nostra piazza in casa nostra.
I Corsi un volenu fa i servi per i turisti, so troppu fieri, ma per andà a piengje due soldi
a l'eletti, tandu fierrezza un ci n'he piu.
Simu di pettu a dui invazione, quella di i francesi e quella di a machja chi si manghja u nostru terra.
Ripigliemu zappe e zappone, sè no vulemu ammaistrà a nostra produzzione, tocc'a noi di fà pruduti a l'usu corsu e di qualita.
L'altri si servanu di u nostru paese, di a nostra cultura, di e nostre ricchèzze per riempiessi e stacce, e noi simu sempre a pienghje dui patacconi a l'eletti.
A vi dicu eiu, a Corsica sarra INDIPENDENTE un gjornu, quessu ne so sicuru, ma senza i Corsi.
Quelli chi c'invadenu dipoi anni e anni, hannu scupertu e ricchèzze di u nostru paese, e hannu da sfruttale a contu soiu, mentre che noi saremu sempre a litticassi per una piazza di meria, o di pumpieru.

Novu cumentu :


Seguitateci nant'à Facebook


L'articuli

Abbunatevi à a newsletter

Circà nant'à A Piazzetta