Accueil
Envoyer à un ami
Version imprimable
Partager

U giru di Corsica hè salvatu, a lingua nò

L'Assamblea di Corsica hà vutatu eri : u Giru di Corsica hè salvatu (suvvenzione di... 900.000 euri). Invece, hà vutatu contr'à l'offizialità di a lingua.



U giru di Corsica hè salvatu, a lingua nò
Seranu cuntenti l'amatori di u giru di Corsica, o piuttostu di u Tour d'Ajaccio. A CTC s'hè ingagiata hà dà una suvvenzione di 900.000 euri per ch'ellu possa esse organizatu in u 2010. Risponde cusì à e minacce di a Fédération française du Sport Automobile (FFSA).

Invece, a muzione di Corsica Libera dumandendu un statutu d'offizialità pè a lingua corsa ùn hè statu accettatu : 28 voti contru, 19 per.

Quelli chì anu vutatu contru si sò ghjustificati cusì : '"il ne fallait pas brûler les étapes mais commencer par un réel apprentissage du Corse". Serebbi ora, dapoi u tempu...

Infine, Madeleine Mozziconacci (manca) rispundia chì : "Il n'y a pas eu de sursaut dans la population, le nombre des locuteurs n'augmente pas, le bilinguisme instauré à l'école maternelle n'est pas une réalité, pas plus que les 3 heures d'enseignement hebdomadaire prévues dans le primaire, et 12% seulement des collégiens de l'île suivent un enseignement bilingue".

È cusì sia. Chì femu allora ? Chjudimu a porta è piantemu quì cù a lingua corsa ? Forse Mado hà ragiò, hè forse ora di tirassi l'usciu è di mandà u faire-part de décès di a lingua corsa à Corse-Matin.

u 21 di Lugliu 2009
u webmaestru



1.mandatu da U cantadori pumuntincu u 21/07/2009 14:35
Quandu vecu tuttu què , m'addispera veramenti.Issi manghji-merda di l'UMP è tutti l'altri manghjoni lecchi-culi di a Francia , ci vularia à sbatta li, chì sò elli chì arruvineghjani u nostru paesi .Hè vera chì , zitelli chì sceglini a via bislingua ùn ci n'hè tantu, ma ùn hè micca una raghjoni di sottumetta si cusì.Povera à noi...

2.mandatu da filidatu u 21/07/2009 14:44
omu hà l'eletti ch'ellu merita è ci vole à crede chì a Corsica un mereta tanta bella robba vistu u nivellu è a qualità di a maggiurità di i s'eletti

3.mandatu da estrimei u 21/07/2009 16:10
aghju sviluppatu u mio parè nant ' a u foru di u Rinnovu , un ricuminceraghju micca custi.
a dilla franca un ci he ne ump , ne prg, ne sucialisti ... ci so naziunali frencesi chi imponenu a so lingua - quella di a culunisazione - dopu tanti astri affari per ch'in stu PAESE un ci fermi un palmu di corsu.
dicenu ch'elli so corsi, spessu piu che l'astri - ghjustifichendu u so razzinu o a so nascita - per me so traitori di u so PAESE d'origine , e eroi di u PAESE ch'elli hanu sceltu.
ci'ole a ricunosce dinu, chi l'elletti naziunalisti un so micca u piu bellu esempiu per a pratica e u rispettu di a lingua ; s'impompanu troppu spessu di a lingua di u culunisatore per fassi belli e struiti davanti a l'ellettori, un hanu che un laziu : esse elletti.
e i militenti naziunalisti ! so belli numerosi a un cunosce un'acca di u corsu , e a un vulellu amparà .

4.mandatu da filidatu u 21/07/2009 16:17
O estrimei sò peghju chè traditori sò cullaburatori cù u nemicu

5.mandatu da Elvira u 21/07/2009 18:04
Nè traditori nè " cullabò"! ùn sò cà francesi..... è u peghju hè chì ci semu mischjatu no.....tantu chì ci saremu ci n'infuttimu di a "non ufficcialità"! parlemu corsu, ch'iddi capischini o nò.....

6.mandatu da Analivia u 21/07/2009 18:04

Hè un peccatu chì l'unanimità di i voti precedenti nantu à a lingua sia rottu nantu à u cuncettu di l'ufficialità .
Era da aspittà : u PRG hè sempre statu contru 'ssa nuzione, è l'UMP averà ricivutu ordini da l'"insù" . Sarkozy avia privinutu quand'ellu hè vinutu à l'Assemblea d'ottobre 2007 : ci hè una sola lingua ufficiale in Francia, hè u francese... Averà dumandatu à e so truppe d'esse disciplinate!
Unu chì hà avutu u so da fà à difende a pusizione di u so gruppu hè JM Mondoloni, chì ellu, seria statu piuttostu à favore di a muzione, o almenu era per circà un accordu generale!
Da nutà chì Dumenicu Bucchini è u gruppu di Chaubon cù Mimi Allegrini (chì s'hè sempre battuta per fà avanzà a causa di a lingua) anu prupostu un amendamentu interessante, parlendu di co-ufficialità : andava in listessu sensu chè a muzione Talamoni, ma sguassendu certi termini contru à u Statu, pruvendu à truvà un accunsentu : ùn hè mancu statu messu à i voti...

Ancu s'è l'Assemblea s'era messa d'accordu, ùn ci era nisuna scianza chè l'ufficialità o a co-ufficcialità di u corsu possa esse stabiliita ghjuridicamente : u guvernu ci averia messu un Veto. Ma almenu l'Assemblea averia presu una pusizione forte, di un puntu di vista simbolicu, chì pudia influenzà i citadini.
Madama Mozziconacci dice chì l'amparera di u corsu ùn viaghja bè : hè certa, ma dà infatti un argumentu supplementariu à a muzione di GGTalamoni ; hè in parte perchè u corsu ùn hà nè statutu, nè prestigiu, nè utilità suciale chì a ghjente ùn si precipiteghja micca per fallu amparà à i so figlioli in scola, nemmancu per trasmetteli in casa (per quelli chì sò sempre corsofoni)... Cumu dumandà l'"attaccamentu" à a lingua à ghjente venuti da fora, di più in più numerosi, o à i Corsi chì anu ineritatu di l'idee vechje chì "ùn hè una lingua" , s'elli ùn vedenu un minimu d'utilità suciale à esse cumpetente in corsu ...?
Per avà tuttu riposa nantu à a vulintà di i più mubilizati, chì per definizione sò una minurità è chì si sfiatanu...
Sò quantunque 20 % i sculari in u bislingu è Più d'un terzu di e scole materne sò passate siti bislingui. Un hè micca nunda, postu chì cuntinueghja a mossa. Madò Mozziconacci si duveria addirizzà in priurità à i so amichi PRG di Bastia per dumandalli perchè ci hè vulsutu una vera battaglia per fà passà e scole di Bastia da siti bislingui (è a "battaglia" ùn hè ancu compia...) è perchè ùn adottanu a Cartula di a lingua corsa à a Merria di Bastia, malgratu u votu di u PRG à l'Assemblea di Corsica (u pianu di sviluppu l'avianu puru vutatu...)




.

7.mandatu da Elvira u 21/07/2009 19:26
ma chì tanti PRG, UMP....è altri partiti sfrancisati in tuttu......a salvezza di a lingua ùn puderà mai passà pà quissi quì......soca ùn ci saremu più (chì a vita và cussì!)....aiò chì un adopru à tutt'oghji hè u più ghjuvativu chì no t'avimu da fà....

8.mandatu da filidatu u 21/07/2009 19:43
o Elvira hè vera chì a salvezza di a nostra lingua deve vene sopr'à tuttu da noi parlendula u più ch'ellu si pò
Ma quandu dicu ch'elli sò cullaburatori a dicu perchè chì ùn sò francese cum'è tù dici sò corsi chì anu sceltu u partitu francese contr'à u so paese

9.mandatu da Elvira u 21/07/2009 20:15
t'ha a raghjò Filidatu, ma contr'à sti musginati chì tù dici tù ùn ci hè nudda da fà, chì quì, sò in casa cum'è no.....`Sò i peghju di i manghjamarda, quissa po hè sicura....

10.mandatu da piratella u 21/07/2009 20:20

E in più, sè no mandemu un "murtoriu" à CM, ci vole à FALLU IN FRANCESE... Amè.

11.mandatu da Elvira u 21/07/2009 21:56
è tandu, si farà senta a ciccona....Amè!

12.mandatu da muammar u 21/07/2009 23:14
Pà contu meiu, u peccatu hè ch'elli piglianu u prubiema à l'arrimbersciu. Hé a "co-ufficialità" di e duie lingue chi farà chi i zitelli ampararanu u Corsu... (cf. catalunya).

Quand'ellu sarà prupostu in ogni servizii publichi chi accoglienu u publicu un accogliu pussivule in lingua Corsa... Saremu salvi.
Mà hé longu u caminu, postu chi pà u mumentu, un si po mancu passà un dumanda ANPE cu a menzione "corsophone"...

13.mandatu da Primpéran u 21/07/2009 23:27 (da un teleffuninu)
À cosa ghjova Antoine giorgi ?

14.mandatu da sumenta u 21/07/2009 23:50
« Cumu dumandà l'"attaccamentu" à a lingua à ghjente venuti da fora, di più in più numerosi, o à i Corsi chì anu ineritatu di l'idee vechje chì "ùn hè una lingua" , s'elli ùn vedenu un minimu d'utilità suciale à esse cumpetente in corsu ...? » O Analivia hai veramente ragiò. Ritrovu quì l’argumenti di certi parenti di scole bislingue per fà marchj’aretu è rivene à l’insignamentu in lingua francese. « ùn ghjova à nunda ava è ùn ghjovera micca più tarde » (per certi corsi), « ùn vogliu micca chè a mio zitella amparghi u corsu postu chì riturnemu in francia frà pocu » (fussila puru…). Al di là di l’utilità suciale, ci hè sopratuttu un interessu umanu è culturale chì ùn hè micca capitu dà ghente ch’un spartenu micca e nostre valore. Mà per me u peghju si leghje ind’è e parolle di madama mozziconacci chì so propiu un’aberrazione. ùn tenenu micca contu di a realità ind’e scole. Hè veru chì ci so torna sforzi à fà, mà quantunque l’insignamenta di a lingua corsa prugressa! ci hè veramente un paradossu à di ch’ùn ci hè micca statu un « trasaltu » ind’a pupulazione è ùn fà nunda per pruvucallu ! avemu quì un esempiu perfettu di « désinformation » (scusatemmi ùn cunoscu micca a parolla corsa) è un argumentu sbagliarecciu per appughjà l’andatura culunizzatrice di u statu Francese….

15.mandatu da circinelluciguagnenativupeliguagnesusosanguaversatu u 22/07/2009 09:42
Sumenta, finisci u to missaghju dicendu esattamenti ciò ch'è vulìu dì eiu...! L'argumenti di madama Madò sò falsi: l'amparera di u corsu in scola hè in crescita. Solu 12% di ziteddi in bislingu ? Ma erani 10%, 2 anni fà... è po ùn hà ca dumandà à l'educazione naziunale di apre più siti bislingui !
12% in u sicondu gradu, parchì, in u prima, sò 20% in CM...
è pò a maiò parti t'ani 3 ori di corsu à a simana (50% prima gradu è à u culleghju, 70% in classa di sesta !) micca mali, no ? pà un' "ozzioni" !!!
di tutt'e manere dumandà di ùn fà nunda pà u mumentu, pà salvà una lingua chì ha bisognu di a misura micca presa, hè un cuncettu pulìticu ch'ùn capiscu micca eiu...

16.mandatu da filidatu u 22/07/2009 10:30
A u mo parè mancu mozziconacci capisce ciò ch'ella dice vistu u so nivellu intellettuale

17.mandatu da Ghjuvan' Filici u 22/07/2009 11:08
Pà una volta socu eu chì t'aghju a vodda di stuppà u vilenu è i ghjastimi in tutti i siti web...

Ma ciò chì mi stumaca u più ùn hè mancu u risultatu finali di 'ssu votu, chì a sapiamu ch'iddu saria rifusatu, è po dopu ci hè chì u cunsigliu custituziunali avaria paratu daretu di tutta manera...

Nò ciò chì mi stumaca sò l'argumenti baulli missi in avanti da ghjenti di pocu, clientellisti à più pudè è narpii di u so statu. Mi dumandu bè comu una parsona chì hè stata cunsigliera pedagogica di lingua corsa tant'annati possi svacà tanta ignuranza è gattiva fedi in un discorsu cussì curtu...

T'avemu l'eletti d'un niveddu supiriori, ùn ci hè nienti à dì ! Adurtoni di a storia è vigliacchi pulitichi com'iddu si ni vidi pocu...

18.mandatu da spilonca2 u 22/07/2009 13:47
Passemu à nant'à ciò chè no dumandemu, vale à dì l'ufficialità. Trèi punti chì mi parenu interessanti:
- cumu pò fà una cunsigliera pedagogica di lingua corsa per parlà cum'ella hà parlatu ? Era è ferma un scumpientu sta donna. Un ci hè altru nunda à dì.
- "a classa pulitica" chì vota un pianu cusidettu efficace, guasi un pianu di prugressione ver di l'ufficialità è chì ricusa l'ultimu passu "logicu" di ciò ch'ellu avia vutatu. Ma stu GIORGI, chì ci face à l'assemblea ?
- Mi pare quantunque disgrazievule per contu nostru u fattu d'ùn avà sti pochi mesi messu in ballu una campagnata forte à nant'à stu tema, di manera à fà pusiziunà tutti i pulitichi nanzu à stu votu, dopu dibattitiè altre cunferenze. A vigilia di stu votu, i corsi ùn sapianu micca ch'ellu ci era sta pruposta di cuuficialità. Peccatu !

Eccu. Per u restu, ne simu sempre à sicutera ma ùn ci vole micca à piantà . Curagiu è forza à noi !

19.mandatu da Chi tèchja !!!! u 22/07/2009 18:10
Che li stèrpinu !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

20.mandatu da Guagnese u 22/07/2009 21:51
o ghjente, chi ne pinsate di un referendum?
E po par l'eleti pinsataci a e prossime elezione.
Ci vuleria chi noi corsi , cambiassimu e nostre manere di pensa. Parlemu corsu a i nostri, figlili, pufiglioli, infinie i nostri parenti e bicini, cusi cio ch'elli ci hannu lasciatu i nostri antenati un sara micca persu. Diteli a issi zitelli cum'ella era a vita prima,a chi un l'ha mica campata, l'avara intesa da i vecchji. S'ella si perde a mimoria di a lingua e di e tradizione si perde ancu u populu e a nazione.

21.mandatu da cardone u 22/07/2009 23:14
Trasmetta

Trasmetta à tè da ùn mora
Tù chì ùn sai nudda ancora
Tù chì pensi chì a vita
Hè una cosa infinita
Duva si compra è si vendi
Duva si sà ùn si cumprendi

Trasmetta a firtà ch'eiu t'aghju
D'essa di issu locu santu
Chì ti darà lu curaghju
Di guadagnà u to stantu
ùn prumetti cà st'affari
Issu scogliu à mez'u mari

Trasmetta à tè un parlatu
È una manera d'essa
Di tena a famiglia à latu
D'ùn fà mai falsa prumessa
Ch'ogni parola datta
ùn devi essa ripigliata

Trasmetta à tè s'è tù voli
I chjavi d'un paradisu
Fattu di monti è di soli
D'un basgiu è d'un surrisu
Chì à l'ora di un traditori
Diventa infernu è dulori

Paroli : Ghjuvan Micheli Weber / musica : Micheli Solinas

22.mandatu da GHJUVENTÙ GHJUVENTÙ u 23/07/2009 00:21

Pruvemu una nota d'uttimisimu cum'è Bucchini ; quantunque u dibattitu hè appaciatu, ùn hè più accanitu è un di sti ghjorni cum'ella hè accaduta ùn hè tantu, un accunsentu generale si farà! Ma ùn ci vole à tricà troppu. È ci vuleria una presa di cuscenza, una vera mossa di i Corsi cum'ellu prova di crealla u cullettivu "Parlemu corsu" : l'eletti seguitarianu...

Prima di tuttu : 'ùn guardà più a lingua sottu à l'anguli di l'affettu è di e radiche ma sottu à quelli di a raziunalità : hè intelligente di favurizà u bislinguisimu, a lingua serve da cimente trà tutti l'abitanti di a Corsica, u sviluppu ecunomicu si deve appughjà à nantu à e specificità culturale è a lingua hè a specificità maiò : senza ella a cultura hè zeru! (leghjite à Hagège).

23.mandatu da libertà per i patriotti u 24/07/2009 00:56
VUTEMU NAZIUNALISTU. CONTRU A L'AMICHI DI U PADDUC CHI VOLENU VENDE A NOSTRA TERRA A U STRANIERU, CONTRU A I CLANISTI MANGHJAMERDA CHI VOLENU STIRPA A NOSTRA RAZZA PER U SO PRUFITTU SEMPITERNU.
TUTTU U RESTU GHJE LITERATURA.

24.mandatu da estrimei u 24/07/2009 08:09
o libertà per i patriotti ,
per contu meiu vuteraghju naziunalistu , si nanzu di fà a lista si và versu u Populu, s'ellu si mette canditati degni chi accetteranu l'ellezzione cume un duvere, chi prumettenu di fà u contu resu cuntrastatu tutti l'ani , chi elletti, saperanu piglià a parulla in lingua naziunale e mantene sta manera difà tutta a mandatura.
esse ellettu un he micca una prumuzione suciale!
andà a vutà per appughjà un partitu cume d'astri vannu a appughjà una squadra di ballò un mi garba

25.mandatu da sumenta u 24/07/2009 12:00
o estrimei, candidati chì cunsidereranu l'ellezione cume un duvere, chì anderanu versu u populu nanzu di fà a lista, chi pigliaranu a parulla in lingua naziunale, tuttu que hè u minimu à aspettà di l'omi pulitichi naziunalisti! so belle pruposte chì applicate farebbenu di st'elletti veri ripresententi di u populu corsu. mà aghju bè a paura ch'elle sianu piuttostu utopie. spergu sbagliammi.

26.mandatu da estrimei u 24/07/2009 12:10
o sumen' ,
basteria chi u Populu a voglie ! he ellu u veru rispunsevulle.

27.mandatu da Guagnese u 24/07/2009 12:21
Tiratevi avanti o patrioti sinceri e onesti, fate nascie un altru spiritu di nazionalita. Pensate a a corsica senza macagne e senza bulinta di mettesi in avanti , pensate a a cummunita e allora vidarette chi u populu corsu bi suitara. Un omu una apparizione charismatica, qualch'omu capace di porta incu ellu tutti issi corsi affamati di un'identita corsa, ma chi un accetanu piu certe cose. L#imbusche so fatte, videmu cio ch'ellu surtara da u cappellu.

28.mandatu da francesco u 29/07/2009 12:36
Ancu eiu tentu di scrive in Corsu. So fieru d'esse Piemuntese in prima e solu poi Italianu (Menu). A lingua meia è u Piemuntese, assai sfarente da u Tuscanu ma ancu da u Corsu.
Aghjiu amparatu a amà a Corsica è ùn pussu pate i lamenti di u populu Corsu che un ponnu restà inascultati da chi ama una terra chi anela a vede cunsiderati i so diritti e a so cultura.
Nemu in tutta Italia pensa di rivindicà a Corsica, pero' pensu chi sia ghijustu rivindicà l'adopru di a lingua Italiana in Corsica, solu essa lingua po' rinvivisce u Corsu chi si ne more, ghjè unu peccatu assai grave si si perde essa lingua, le so puesie e i mutti tradiziunali.
Questu un significheggija micca esse contra a Francia, patria anch'ella di cultura e scienza per tutta l'Europa. Ma un è certu incù u Francesu chi u Corsu po' cuntinuà a supravvive.
Amichi Corsi, aduprate u bilinguismu, parleti e scriveti in Corsu è in talianu!
Amicizia

29.mandatu da quellu u 29/07/2009 23:01
Francesco, ai a ragiò, sì i Corsi si fussinu spiccati menu da u talianu, a lingua corsa staria assai megliu

30.mandatu da Francesco u 30/07/2009 12:28
U cuntrariu hé ch'hé u talianu chi face more u piemuntese... (sic...)

31.mandatu da 'Umè u 02/08/2009 09:38


Sicura, 'ssa donna hè bellu bè di a scola francese è, com'è "l'Education Nationale", 'ssa
vechja donna, frusta è intrampalata, ùn ha mai capitu chi l'alchimia di l'amparera di una
lingua "vivente" ùn si fà solu lighjendu scritti in libri è nemancu "papaghjallendu" calchi
filastrocca ò canzona, ma chi u so insignamentu duve principià pà a parolla, a parolla
"vivente", a parolla intesa, a parolla chi si pò appruprià è apprudà pà parlà è cummunicà
cù l'altri.

Una lingua amparassi via a parolla "viva", in casa soia, di cuntinuu in a vita d'ogni ghjornu, in carrughju, in a scola è duve ancuràssi in u quotidianu di a vita di a famiglia è di a sucietà.

Allora, com'è si po dì chi à prim'accatu, chi capunanzi, prima di ricunnosci à u corsu, à a lingua corsa, u statutu
di lingua ufficiali, si vuleria chi i locutori siani più numerosi, chi i sculari è i studienti fussini più numerosi à sceglie
bilingui ozzioni è, attempu, rifiutà di permette a diffusioni di 'ssa lingua in a sucietà via u so adopru siassi pà l'atti
di u solitu o pà queddi chi reghjini a marchja di a stessa sucietà ?

Stu preliminariu, postu quant'è postulatu, cunsidera a lingua corsa com'è inesistente "a priori". Ma, dapertuttu in
Corsica, i nosci missiavi esprimianissi, raghjunaiani è cumunicaiani in corsu è micca in talianu o francese. Era
a lingua di i Corsi è micca un dialettu, un bastardu di i lingui vicini aghjà invadenti. Quantunque certi "corsi" a
cunsideraiani com'è un "patois" di a paisanami o a pasturia, indegnu di aghjenti inciviliti, "aghjenti bè".

Oghji, in paesi, sò sempri numerosi i vechji è ancu spessu i ghjovani chi parlani u corsu in famiglia è cù
queddi di i so generazioni. Ùn hè micca parchi a ghjuventù citadina, 'ssi corsi spessu sradicati, com'è essilati in
un antra Corsica à mezà "cuntinentalisata" è infrancisata, ùn parlani più corsu ma una lingua impurtata è
duminenti chi t'ha pigliatu a suprana in carrughju, chi u Corsu ùn essisti micca...!

Innò, a lingua corsa, u 'Corsu", a lingua di i "Corsi" essiste si puru vuliti azzittàla pà megliu tace a so esistenza.

U comudu, u lasciacorri, l'incusequenza è u "vulè parè" di i genitori ma supratuttu l'interdettu fattu in i tempi à
i nosci missiavi è genitori di parlà corsu in a scola o cù i parsonnaghji, a ghjenti "évolués", francisata, ani fattu chi,
oghji, u corsu ùn si sente quasi più in carrughju...hè gran peccatu ! Ma, com'è puru duvi fà tantu spessu in a so
storia, u "Corsu" ùn s'hè cà rifughjatu in casa soia, arrimbatu à i so muntagni.

Nondimenu, u "Corsu", a lingua di i "Corsi" esiste ma ùn hè micca a scola (pricipalmenti a scola francese) chi
ravivivarà i brusti sempri caldi, innò. I corsi duveni parlà u "Corsu" è affirmà a so esistenza impunendussi "Corsi"
parlendu u "Corsu". È, in suprapiù, si vulimu, pudemu essa bilingui è amparà un antra lingua, u francese per un
dettu...!

Stu votu di l'Assemblea ùn hè micca solu una "non-reconnaissance" di u corsu à titulu di "lingua esistente" ma moltu più una "interdiction" di parlà corsu ufficialmenti com'è di i tempi quandu u maestru minaia i sculari cù a
riga o a mazetta s'eddi aviani avutu l'ardi (o a debilezza naturali) di parlà in corsu.

Allora, 'nduva si trova a lògica di a furmazioni di prufessori di corsu in l'Università...? Forse, bisogna avè parechji guardiani di calchi museu etnògraficu o linguisticu...!

32.mandatu da Matteo u 13/08/2009 15:41
Ho postato questo commento sotto ad un altro post, ma lo rimetto anche qui di seguito perche' la discussione sull'argomento e' gia' avviata...

Salve a tutti!!

Io non sono corso, sono italiano, ma come voi vivo in un'isola (Inghilterra). Sono molto incuriosito dalla storia e dalla cultura corsa e quello che mi colpisce e' che il corso, al contrario di alcuni dialetti italiani, e' per me, che sono toscano, perfettamente comprensibile. Mi pare pero' di capire che in generale parlate piu' francese che corso. E' cosi'? E vi capita mai di leggere in italiano o ascoltare media italiani, vista la vicinanza con la Sardegna?
Un saluto a tutti!!

33.mandatu da Guagnese u 13/08/2009 16:05
Par Matteo d'ingliterra:
Sara pussibile chi tu a mancatu un pocu a a scola?
A corsica e francese dipoi uni pochi d'anni, allora d'apressu a te chi avariamu da parla?
U chinese?

34.mandatu da Matteo u 13/08/2009 17:43
Per Guagnese: una cosa e' quello che insegnano a scuola e un'altra cosa e' la pratica. Per esempio in Italia in alcuni paesi si parla quasi sempre e solo dialetto (es. gran parte della Sicilia), piuttosto che italiano. Io non so in Corsica cosa parlate di piu', ne' se avete l'abitudine di leggere giornali in italiano o cose simili... chiedevo per sapere un po' come funziona nel quotidiano. Comunque ho capito che intendi: parlate sempre e solo francese, pochi parlano dialetto

35.mandatu da francesco u 13/08/2009 17:52
Mah, anch'io non sono corso ma credo che l'italiano sia perfettamente comprensibile così come lo è il corso da parte mia quando visito la splendida vostra isola. Credo che il violentissimo nazionalismo francese non permetterà mai l'affermarsi di una identità corsa, meno che mai linguistica. In fondo lo Stato Francese nasce dal Terrore - che era appunto Terrore di Stato- e non è disposto a riconoscere niente che gli faccia concorrenza.

36.mandatu da Matteo u 13/08/2009 18:20
Ma, secondo me ci sono anche motivi pratici. Il corso e' diverso da nord a sud, cosi' come i dialetti italiani cambiano da citta' a citta' e da paese a paese. In fondo le lingue nazionali servono da lingua comune. Per esempio, in questo video (minuto 1:15)
http://www.youtube.com/watch?v=6boHMXlBOjw&feature=related
il prete dice che e' stato uno sforzo mettere insieme un libretto in un "corso" comprensibile a tutti Corsi! Dice che non si puo' fare l'unita' (della Corsica) dal punto di vista linguistico. Allo stesso modo, in Italia le regioni a statuto speciale non hanno fatto molto per i dialetti, e credo che i motivi siano pratici. Allo stesso modo, qualcuno potrebbe stampare un giornale in corso o fare un notiziario in corso, ma poi i giornalisti si troverebbero a dover tradurre tutto dal francese, quando tutti parlano francese, no?

37.mandatu da Guagnese u 13/08/2009 18:55
In corsica a lingua officiale e u francese, a tortu o a raggio, quessa un la boliu mica discuta, ma par boi amichi taliani chi un bivete mica in corsica, pinsate ch'ella e a lingua di u pane. L'affari so cumplicati e, si avva ci mettemu a parla , scrive e legghje ancu u talianu, tandu un ne surtemu piu.
In corsica si e persu di vista u fattu chi u corsu e sempre stattu imparatu da viva voce da u babbu e a mamma a i figlioli, eiu beggu che inde me ( a u me paese) issa manera di fa, ricumencia a piglia fiatu. Speru chi un gjornu o l'altru, sicuramente mica dumane, che un sintaraghju piu cha parla corsu a u me paese in prima e in la piu maio parte di a corsica.
Par cio chi e di u statu francese, o France fami un piacce e, teni e to polimiche par te, un ci bole mica a lampa l'oliu in lu focu. I corsi so abbastanza maio par diffendesi da par elli. Senza rancore.

38.mandatu da carughjiu u 14/08/2009 21:48
Pa cio chi tratta di u "Tour de Corse", mi par una vargogna mai vista ma quantunque emblematica di l'epica: nimu un n'ha nulla a futta e facci c... tutti l'aiaccini !
Pa a lingua mi pare chi l'emancipazione du un populu corsu un s'hè mai fatta o sino ci ne sariamu avisti, no?

39.mandatu da Francesco u 28/08/2009 09:24
Bonghijornu, saria assai interessante, statisticamente, sapé quanti so i zitelli (8-10 anni ma dinù 15-16) chi, oghije 2009, sannu parlà corsu (comu u piemuntese nant'é nostre valli muntane...) U futuro d'i nostre lingue hé in isse mani.
A ringraziavvi.
Un salut a tuc i amis d'la Corsica.

Novu cumentu :