Accueil
Envoyer à un ami
Version imprimable
Partager

U populu senza statu di a settimana vol. 1 : Åland

Ogni settimana – o guasi – A Piazzetta tratta d'un populu aurupeu in lotta. Menu in vista ch'è i Catalani o i Scuzzesi, ma chì sunnieghja di piglià u so destinu in manu.



Opportunisimu puliticu o cunvinzione vera, Paul Giacobbi si vanta dapoi un pezzu d'esse autonomistu. A cunversione di u patrone di u PRG à l'idea di puderi più forti pè a Corsica saria accaduta di settembre di u 1998, durante un cullochiu à l'isule Aland nant'à l'autonomia di l'isule, induve c'eranu dinù Jean-Guy Talamoni è l'anzianu ministru sucialistu Pierre Joxe.

U populu senza statu di a settimana vol. 1 : Åland

À u core di u mare bàlticu, Åland hè fattu di 6500 isule incugnate trà a Svezia è a Finlanda. In u 2011 ci campavanu 29 000 abitanti. Un annu dop'à u so viaghju iniziaticu, Giacobbi – ma dinù u so amicu è cullegu, u ben di Claude Olivesi – participeghjanu à a redazzione d'un libru intitulatu Autonomies insulaires. Vers une politique de la différence pour la Corse ? U libru hè capitanatu da u Centre Européen des Questions de Minorités (ECMI), cù a cullaburazione di l’Institut de la Paix des îles Åland. Rapresentanti di l'ECMI in a redazzione di a prova, John Loughlin è Farimah Daftary cunnoscenu bè u sugettu per avè publicatu un annu nanzu, un'imprubabile ma reale studiu cumparativu trà a Corsica è l'isula nordica.

Guerre è statutu di residente

Ci si pò leghje chì, cum'è i Corsi, u populu « alandese » rapresenta « une minorité culturelle et linguistique au sein d’un état unitaire ». Differenza : l'arcipelagu ùn hà micca a so propia lingua è adopra u svedese à 95%. L'appartenanza d'Åland à a patria di u novu laterale di manca di u Sporting si stende da l'XIu seculu à dui seculi dop'à a morte di Pasquale Paoli. Duminatore in a regione dapoi a fine di a Grande Guerra di u Nordu in u 1721, u Regnu Russiu si piglia a metà di u territoriu svedese. Åland ne face parte è hè integratu à u grande ducatu di Finlanda. Puntu u più à punente di l'imperu russiu, l'arcipelagu hè furtificatu. Hè cusì chì in u 1854, durante a guerra di Crimea, a furtezza di Bomarsund tenerà ottu longhi ghjorni à i bumbardamenti di e truppe... francese. Parigi è Londra ordineghjanu dopu a demilitarizazione d’Åland, chì cunnosce un mumentu di pace sin'à u 1917. Per via di a rivuluzione bolscevica, a Finlanda diventa un statu indipendante ma casca in a guerra civile, tenendu quantunque e so 6 500 isule. L'Alandesi temenu pè a so cultura, pè u so avvene è dumandanu à esse riattaccati à a so mamma patria svedese, cù u sustegnu di Stockholm. Indipendente ma digià culunialista, Helsinki si oppone è in cambiu prupone un'autonomia larga, ratificata da u so parlamentu. I dui capimachja separatisti lucali ricusanu è sò mandati in prigiò. In u 1921, a Sucetà di e Nazione dà a cunferma qu'Åland deve stà finlandese.

Bumbardamentu di Bomarsund, 1854
Bumbardamentu di Bomarsund, 1854

Cunsulazione : l'arcipelagu diventa neutru dop'à a signatura d'un accordu internaziunale. Riceve dinù e guaranzie nant'à a preservazione di a so lingua, di a so cultura è di l'usi lucali. Hè toccu 1920 ch'Åland si chjappa ciò chì piacerà 70 anni dopu à Giacobbi : a citatinanza regiunale, chjamata « dirittu di domiciliu ». Stu statutu di residente versione hard hè ottenutu di fatti da u dirittu di sangue – un genitore deve digià avellu – o pè dirittu di a terra (« droit du sol »), dop'à cinque anni di residenza, cum'ella a prupone l'Assemblea di Corsica. Ma Åland và più luntanu : per ottene stu dirittu di domiciliu, un sugettu deve digià esse citatinu finlandese è sapè sprimesi di manera curretta in lingua svedese. In più, u statutu pò esse persu sì un citatinu passa più di cinque anni fora di l'isule. Micca assai cool pè i diaspò. In fine di contu, a citatinanza alandese hè ancu dumandata per ottene u dirittu di vutà è di presentassi à l'elezzione. À partesi da u 1975, diventa necessaria per acquistà un terrenu, una misura messa in piazza per luttà contr'à e bande di turisti svedesi è finlandesi chì scalanu in l'isule per un week-end o pè e vacanze. Què po allora. Altre maraviglie di u casu alandese, l'amparera di a lingua svedese hè obligatoria, cum'è l'inglese mentre chì a lingua finlandese hè solu ozzionale.


A Finlanda : un male necessariu ?

Avanzata assai, a suvranità d’Åland ùn hè purtroppu cumpletta. Territoriu demitilitarizatu, da u statutu di « statu assuciatu », l'arcipelagu ùn hà più cunnisciutu d'avanzate istituziunale maiò dapoi l'anni 90. U guvernu lucale s'occupa di e quistione d'educazione, di cultura, di pulizza, di salute, d'affari suciali, di a posta, di l'industria è di e cummunicazione interne. Helsinki gestisce sempre e fruntiere, a muneta è a ghjustizia. A presidenza finlandese hà dinù un « dirittu di veto » s'ella pensa chì e deliberazione di u parlamentu trapassanu i so puderi. Sì Åland vole sempre di più autonomia, i partigiani di l'indipendenza sò minuritarii. À u parlamentu, solu dui rapresentanti nant'à trenta sò à prò un'emancipazione tutale. Ancu di più stunante, u riattaccamentu à a Svezia ùn hè più veramente bramatu. Chjamatu à telefunu, Niklas Lampi, capiredattore di u giurnale Ålandstidningen spiega : « U statu svedese hè centralizatu assai, cum'è a Francia. Ùn averiamu micca di più autonomia s'è no eramu riattaccati à a Svezia. Tutta a logica in daretu à a nostra autonomia hè di preservà a nostra lingua, di pettu à a Finlanda. In Svezia, tuttu u mondu parla svedese è a logica casca ». U paradossu hè chì hè dumandendu d'esse riattacati à Stockholm chì Åland hà riesciutu à priservà i so diritti, a so cultura è a so particularità di pettu à Helsinki.

Pè Axel Jonsson, unu di i dui parlementarii pro-indipendenza, ùn basta. Argumenteghja : « À u livellu di a lingua, ùn hè fattu tuttu. A Finlanda hà duie lingue officiale, ma in i fatti ùn hè vera. Ùn amparanu micca u svedese. Dunque quand'è no andemu à parlalli, pè ragione amministrative, ùn ci capimu. Ùn anu tenutu e so prumesse. » È ùn duveranu essele nanz'à una stonda. Quand'ellu si dumanda à Niklas Lampi sì l'attitudine d'Helsinki hè più cumprensiva o cundescendente, ride : «  Appena di i dui. Sanu ch'è no custituimu una sucetà speziale, ma in listessu tempu anu difficultà à dacci di più autonomia. » Jonsson ci vede una mancanza d'interessu : « Diceraghju ch'elli ùn sò micca verament interessati. I puliticanti, a ghjente à Helsinki ùn sò micca passiunati da u nostru avvene o u nostru sviluppu. Ùn anu micca sintimi negativi, ma ùn ci aiutanu micca non più. » Cusì, sì a pupulazione alandese hè crisciuta assai, a parte di u bugettu finlandese datu à l'archipelagu ferma u listessu. Per Jonsson, hè ghjelosa a Finlanda : « A nostra ecunumia và piuttostu bè, invece chì a soia micca veramente. Avemu l'impressione d'esse puniti per quessa. U nostru settore privatu và bè, ma ci sò troppu tagliature bugetarie per chì u nostru settore publicu seguiti. » Un'inghjustizia chì puderia diventà più dolce, u guvernu vene d'accettà stu 2 settembre di studià un'evuluzione di i raporti ecunomichi trà i dui territorii.

U populu senza statu di a settimana vol. 1 : Åland
À a dumanda « pensate chì u vostru territoriu serà indipendente allocch'è a fine di u seculu ? » Niklas Lampi risponde di nò. Crede in un'autonomia bella più larga, ma sempre sott'à l'autorità finlandese. Axel Jonsson ellu, ci crede : « Oghje hè un discussione internaziunale. In Scozia, in Corsica, i dibattiti ùn sò più cusì dramatichi ch'è cent'anni fà. Ci hè sempre emuzione, ma hè più calma. Dunque iè, pensu ch'è no ci la feremu ».

Ch'elli si spiccinu quantunque. Paul Giacobbi saria interessatu da una ritirata in u fretu, in tantu ch'è imbasciadore di a Corsica in Åland.

u 19 di Sittembre 2016
Tumasgiu Andrei


Novu cumentu :


Seguitateci nant'à Facebook


L'articuli

Abbunatevi à a newsletter

Circà nant'à A Piazzetta