Accueil
Envoyer à un ami
Version imprimable
Partager

U turisimu pà salvà l'agricultura!

S'è u risicu di vede sparisce aghje liturale hè maiò pà via d'issu PADDUC, ancu l'agricultura pruduttiva pare essa in periculu.



U turisimu pà salvà l'agricultura!
In Corsica, ci sò quiddi chì pensani chì l'agricultura ghjoca un rolu suciale è culturale maiò, ch'edda custituisce unu di i vettori maiò di a nostra identità. Pensanu dinù chì l'agricultura pò parmetta di sviluppà l'internu di l'isula è sparte a so pupulazione nant'à u territoriu. Ani u penseru di l'avvena di l'agricultura pruduttiva è di a so piazza in l'ecunumia corsa. Pà tutte isse ragiò, dumandani un veru prughjettu di sviluppu chì abbracci attempu u turisimu è l'agricultura.

Ci hè dinù quiddi chì t'ani un antru parè nant'à l'agricultura. À contu soiu, a so vucazione ùn serebbe più di nutrisce l'omi ma di parmetta à i turisti di scialà si la ! Sì questi quì chì ani scrittu stu PADDUC.

S'eddu vene vutatu stu pianu, tante terre agricule puderiani trasfurmà si in aghje abbandunate à l'ecunumia residenziale o à attività di serviziu.

Hè detta chì a perdita di e terre agricule calerebbe ancu più u numeru d'agricultori è di candidati à a stallazione. Pudemu ancu teme chì à longu andà, puderebbe calà a quantità di i prudutti casani. Di fatti, s'eddu venerebbe à calà u numeru d'agricultori è chì una pulitica di sviluppu ùn sarebbe micca messa in ballu, calerebbe di sicuru u livellu di pruduzione. Ognunu sà chì una pruduzione poca inghjenna impurtazione è robbe cuntrafatte di tutte e mamme. Sopr'à tuttu s'ella cresce a dumanda incù u numeru di turisti è d'abitanti (320.000 previsti in u 2020)

Eppuru, ancu di grazia chì nanzi d'arrubbà a terra à l'agricultori, i cuncettori di u PADDUC ani previstu tuttu ! S'ella ferma sempre una manata d'agricultori, puderiani accresce i so rivenuti, micca grazia à a so pruduzione ma grazia à u turisimu. U PADDUC li permetterà di creà strutture d'accolta è d'alloghju nant'à e so splutazione è di ghjuvà cusì d'appanime pà i turisti ! Hè ciò ch'omu chjama una ricunversione! L'agricultura di i sciali è "des activités récréatives"1 si sustuiscerà à l'agricultura pruduttiva. Cusì sia, pà u piacè di i turisti è di i pulitichi!

1. Ricacciatu da u PADDUC.

u 27 di Nuvembre 2008
A strega



1.mandatu da machja u 27/11/2008 14:32
A Corsica hè sempre statta una terra "agro-silvo-pastorale", cio chi permetiva a i corsi di campa di e so produzzione.
A francia a colpi di penzioni e altri sicorsi, ha tombu a nostra agricultura e a nostra ecunumia.
L'agricultura corsa, hè un puntu maio di l'ecunumia, e di a nostra indipindenza,ma per quessu avemu bisognu di tarre, abastanza impurtante, per ch'ella sia fruttifera, un pudemu piu travaglia cume l'anziani,oghje ci so i mezzi muderni, e noi semi sempre a u XIX seculu.
In primu l'agricultura deve serve a nuttrisce i corsi, e a rinvivisce l'internu di u nostru paese, in sicondu ci si vole a fà unita di trasformazione di i nostri prudotti.
Su sviluppu u pudemu fà per a carne, per u vinu, per u legnu e tutta a robba che no cumpremu in altro.
Principiemu per vérificà u nostru patrimoniu, e doppu circheremu a favurisce l'instalazione di i nostri agricultori.
Deve esse questu u scopu di i muvimenti naziunali, se no vulemu svilluppa a nostra ecunumia, e micca di vince l'elezione territuriale.
Se i corsi un piglianu micca in manu issu svilluppu, i frusteri u feranu per noi, e tandu seremu lècci.
Certi mi parleranu di i soldi, ma quessu l'aghju dighja dettu, avemu 10 milliardi di risparmiu e tocca a noi a impone a isse bance francese da inghjettalli ind ' e l'ecunumia corsa.

2.mandatu da orsufrancè u 27/11/2008 18:02
Eiu ne so bè cusciete chi a notra agricultura ghè a priorita di u svilopu economicu di a Corsica.Ma mi pare chi i nosti agricultori so ancu edi cume quelli di u turismu,basta à vedè cumelli campanu ,a colpi di 4/4 vovi bramanti,di casali chi parenu palazzi ,e solli di subvensioni a buzzufè ,è so quasi tutti atziunarii di u turismu. So per a maio parte alitori di a dirita francese,quelli francesi chi ci vacenu a ripressione a noi altri corsi.;.

3.mandatu da vaccastropia u 27/11/2008 18:32
u primu affare a caccia he a prima a a vacca quessa he una scruccuneria tamanta, agricultura in corsica un ci n'he guasi micca ci he tuttu a rifa e a mette in piazza ma sera difficiule di dumanda a certi di travaglia ava chi eranu abituati a un fa piu nunda un seria che un be pe quelli chi so sempre stati in caminu dirittu so diventati belli pochi ,a corsica he in mani di ladri e di (voyous)
cu l'accunsentu di u statu e di l'eletti corsi da i meri a i deputati passendu pe i cunsigli generali e i cunsigli reghjunali simu un paese in sottu sviluppu apertu a tutti l'apititti pienghjeranu e generazioni a vene

4.mandatu da pocuémicca u 27/11/2008 20:13
...cu l'accunsentu dinù di i raprisantanti di u mondu agriculu a u putere, bonaccorsi, suzzoni, colombani, orsucci.... e tant'altri

5.mandatu da Jean-Pierre Triangolini u 27/11/2008 22:17
ghjustu una dumanda :

cosa rapresenta stu bellissimu triangulu grisgiu ????

à ringraziavvi di a vostra risposta

6.mandatu da William Wirt u 27/11/2008 22:28
A Piazzetta si serà fatta ancu ellu introduce da i franmac, sò dapertuttu, a vi dicu eu...

7.mandatu da u stregu u 28/11/2008 00:17
magnifica sta fiura ! aghju fattu una impressione è messu in poster in u mo salottu.

8.mandatu da Blaccu Bloccu u 28/11/2008 08:39
Parchi usà di u modu futuru par scrive 'ss'articulu ?
Hè vera chi l'affari s'ani da impeghjurì parvia di u Padduc, ma a scelta di st'andatura hè messa in ballu da parechj'anni dighjà.
Sta situazioni hè stata d'avali palisata da unipochi d'agricultori : à quandu femu neci di ùn sentali, à quandu l'informazioni so ritinuti da i media, à quandu Orsufrancè dici ch'iddi so privileghjati.....à quandu d'altri praferisciani l'ingannu di u totaliturisimu.

9.mandatu da orsufrancè u 28/11/2008 11:42
Podesse chi Orsufrancè un sia tantu faureulè a sti agricultori capizzoni,ma cio che possu di ghiè chi so contru cuantuchuè a u PADUC. Eiu so un omu arritu a matina di bon'ora per andà a ghuadagnà u so pane.Per causa di sta crisa finanzziaria u me patronu ma fattu capiscè chellu un ci seria piu travaliu per mè.Un so nè agricultore ne patrone in du turismu.Aghiu intesu un discorsu tra agricultori,induè unu dicià ,parlendu di u PADUC,"ci lampanu i solli a buzzeffè in Corsica ,è sti imbecilli un nè volunu mica". In cio chi cuncerna e terre da cultiva affacatevi in pese di Borgu,Antisani è Prunedi di Fiumorbu è guardate a pieghia ,per rendevi contu s'ellu un ci è terra da cultiva. Tuti prati in macchia.Allora sè suvezzione chi nè femu?? ?

10.mandatu da machja u 28/11/2008 14:36
E suvenzione e si tenanu l'eletti che i corsi hanu messu in piazza, e quantu a isse tarre manghjate per a macchja, a quale appartenenu ?
Per via di l'indivizione un si po ne cumpra ne mene piglià a pigione un pezzu di terra, per fà una cultura agricula.
Ghjè sempre a listessa cosa, e critice so per l'agricultori, i pastori, i cummercianti, tutti quelli chi provanu a fà qualcosa, ma mai nimu un si vultera contr'a u putere francese rispunvavule di e nostre disgrazzie.

11.mandatu da pocuémicca u 28/11/2008 21:57
...a terra ghjé di tutti !
calatevi per cultivàla !
ingrunchjatevi per suminàla !
addirrizzatevi per zappàla !
é ne farete un paradisu......
mà per carità ùn parlate micca quande vo ùn sapete micca, o quande'lla vi pare di sapè tuttu...s'ell'era cusì faciule é piacente di fà l'agricultore ci ne saria 5000 é micca 2000, più di centu giovanni si batterebbinu per stallàssi invece ùn so mancu 20 à l'annu.

Novu cumentu :


Seguitateci nant'à Facebook


L'articuli

Abbunatevi à a newsletter

Circà nant'à A Piazzetta