Accueil
Envoyer à un ami
Version imprimable
Partager

San Marcellu in Aleria : "fà cresce u sintimu d'unità cumunitaria"

Hè rinvivita a festa di San Marcellu, l'anticu patrone di u viscuvatu d'Aleria. Ma più ch'è una festa religiosa, hè l'occasione di circà di tesse un ligame suciale chì sparisce in a Corsica d'oghje. Avemu intervistatu à Ghjuvancarlu Adami, membru di a cunfraterna di A Serra è di l'associu "San Marcellu in Oriente".



Cum'è tutta a piaghja, u territoriu d'Aleria hè cambiatu assai in furia in pochi tempi. Hè qualcosa chì vi preocupeghja ?
Ci hè statu bella sicura un cambiamentu fondu cù u crescimentu di pupulazione. Ghjente ghjunta da qualsiasi parte, corsi di ceppu o nò, ma oramai tutta ghjente di quì. U caratteru fundiu di quelli lochi novi d'abitazione longu a piaghja, hè appuntu quellu d'una spergugliera di fatti. Quella duve tutt'ognu nutrisce à sò modu u raportu à u locu. Quellu anticu, fattu da leva in pulleva è quellu novu segondu strutturazioni mentali è riprisentazione simboliche ch'anderebbenu bè in qualsiasi parte di u mondu. Si ne ghjunghje à ciò chì i sociolochi chjamanu a "distrutturazione antropologica", vale à dì -per riassume- l'assenza di cultura pupulare cumuna trà persone d'un listessu territoriu. A quistione chì si pone ùn hè dunque micca quella di l'origine di tutt'ognunu ma quella di sapè ciò ch'elli serebbenu l'arnesi d'una pedagogia suciale à prò d'una andatura spartuta. Eccu à a lestra ciò ch'elli sò i nostri penseri da circa 25 anni in quà.

Chì sò e cunsequenze di sti cambiamenti ?
A cunsequenza a più à gallu hè quella d'una assenza d'usanze. Vale à dì l'assenza di tempi, di lochi è di gesti ch'appianu sensu per tutti è permettinu di fà cresce u sintimu d'unità cumunitaria. Simu in lu registra di a cultura pupulare duve l'idea d'appartenanze à un gruppu passa spessu pè a ritualisazione (religiosa o nò) di u fattu suciale. L'esempii sò numerosi è mi vene in core quellu di a sant'Andria o di a Birba ; denominazione sferente d'una listessa pratica segondu ch'ella sia di fede cristiana o di garbu prufanu. I zitelli mascherati vanu da porta à porta à chere robba ch'elli sparteranu dopu. Aldilà di quellu "donu è contradonu" chì permette di fà sucetà, hè dinò a leia trà leve vechje è nove ch'omu mette in ballu custì. L'effettu più prifondu di a deritualisazione hè appuntu quellu d'un mudellu di vita duve a parolla "paisanu" vede strittisce u so cuntenutu semanticu. Da a spressione d'una forma di "parentia suciale" si ne ghjunghje à parlà di ghjente chì stanu à listessu locu... ma tandu ùn basta da ch'elli sianu inseme è fà populu.

Chì si pò fà tandu ?
Cumu detta nanzu, u nostru impegnu hè quellu di u longu andà è di i raporti di prussimità. In lu 1992, avemu rilanciatu a nostra cunfraternità appuntu per un prugettu di pace. A parolla essendu da capisce in la so accezzione etimologica chì rimanda à u fattu d'unità è d'unione. Chì per sicura, ùn basta à fà piantà a lita da chì a ghjente si cuncogli. A pace cum'è no a dimu, piglia i so puntelli in tutte e scumpartere chjuche è grande chì no riescimu à almanaccà. U cantu, a festa paruchjale è tutte l'altre, e veghje, u tempu ch'omu dà è quellu ch'omu riceve sò u nostru prugettu, a nostra pruposta pè una sucetà più felice. Almenu a ci pruvemu segondu i nostri mezi più chjuchi chè maiò. Hè dinù u sensu di l'associu san Marcellu in Oriente chì a si prova à listessu modu. Sè a cumpagnia li dà una manu, l'associu arricoglie digià in giru à a so presidente dinamica, Mélanie Nigon, ghjente fidate à e cause cumune da fà un paese in Aleria. Addunisce dinò un centu di partenarii (imprese cù associi piaghjinchi è d'altrò) felici di mettesi in ballu è finanza (à 90 % di u bugettu sanu) a so cusì bella andatura ricca di riflessione è pruposte per oghje è per dumane.


U prugramma :

Eccu u riccu prugramma di a dumenicata.

San Marcellu in Aleria : "fà cresce u sintimu d'unità cumunitaria"

Ci serà u filmu "Lascia stare i santi" :



u 26 di Ghjenaghju 2018



1.mandatu da Ghjuvanluca u 29/01/2018 19:29
Grandi insegnamenti in 'stu Articulu!! Bello

2.mandatu da fabrizio albertini u 30/01/2018 18:32
Bello articulu. Viva San Marcellu e viva à Corsica. Un salutu a tuttu u staff di à piazzetta.

Novu cumentu :