Accueil
Envoyer à un ami
Version imprimable
Partager

Marine Le Pen è u bislinguisimu

Chì hè l'avisu di Marine Le Pen nant'à u bislinguisimu ? Eccu a risposta...



Almenu, ùn si puderà micca dì chì e cose ùn sò micca chjare...

u 25 di Ghjenaghju 2012
U Webmaestru



1.mandatu da Massimu u 25/01/2012 01:25
Ma ùn face nunda, u prublema maiò sò l'arabi, a sapemu tutti.

E un parlemu mancu di a so pruposta pè impedisce a ghjente di dà nomi ch'ùn sò micca francesi à i ciucci.. Addiu i Lisandru, Ghjuvanni, Lesia, Petru-Youssef è altri Orsu-Kader...

Di tutte manere cosa vulete fà, una parte maiò di i nostri anu da vutà pè sta closcia è ne seranu fieri. Ah vai puru...

2.mandatu da Jim u 25/01/2012 10:58
Nò ma ùn v'inchietate, hè MArine LE PEN chi hà da salvà a Corsica. vutate per ella

3.mandatu da inspecteur harryghi u 25/01/2012 13:02
l'altra infurmazione impurtante hè chì a Brittania hè in avanzu nant'à a Corsica per u bislinguisimu di i pannelli stradali.

à quandu "toutes directions" è "zone commerciale" nant'à i pannelli corsi ?

4.mandatu da J G u 25/01/2012 15:45
Quessa a Marina
un hé turchina ,
ma nera ,
Quelli chi a vedenu in culore
ch'elli varghinu a vede u so duttore !

5.mandatu da KÜG u 25/01/2012 15:55
bravu, Massimu.

6.mandatu da populistu u 25/01/2012 19:13
È quellu stumacheghju di Mélenchon, chì ne fate ?

7.mandatu da Marazzu u 25/01/2012 21:00
È per quale vuteremu allora ?

8.mandatu da Viva Marina u 25/01/2012 23:10 (da un teleffuninu)
Viva Marine ! Vutate Marine !

9.mandatu da Antonello u 26/01/2012 03:00
a bislinguismu e una richeza un hè mica un peccatu....

10.mandatu da Ghjuvan Lucca M u 26/01/2012 12:29
O quelli di a Piazzetta, cumu hè chè vò ùn mettite nant'à u vostru situ a mio intervista (cliccà annant'à google video "melanchon langues regionales") nant'à e lingue regiunali ????
Aghju u listessu avisu chè Marina !!!!

J.L Melanchon (ammiratore di u bè di Robespierre)

11.mandatu da Naziunalistu Corsu, miccà francese !!! u 26/01/2012 17:47
Cume per quale vutaremu ? Perchè ùn ci sara chì Le Pen et Melenchon candidati ???
Eiu mi riccordu di u discorssu di u babbu Le Pen a prupostu di i prigiuneri pulitichi : "La peine de mort pour tous les terroristes". Certi chì anu da vutà pè sta closcia ùn anu miccà mimoria perchè ùn anu miccà cerbellu ! Lampemu à un muvimentu pè u riaquistu di u cerbellu corsu !

12.mandatu da u miumese u 26/01/2012 18:59
Ch'ella crepi, chì lutemu dà parechji anni pè salvà a nostra identità ! Ch'ella varghi à fassi leghje ! À si vede ch'ella hè bionda ! Di tutte e manere sò tutti listessi, allora state in casa chì ùn serve à nunda d'eleghje ghjenti cusì.

13.mandatu da Talavesu u 26/01/2012 19:45
He una stronza cume u so babbu:le pen a reflechir?A sapemu ch'ella un'he mica "une lumiere"per dilla in lingua soia...

14.mandatu da u miumese u 27/01/2012 18:31
Dopu riflessione, sò d'accunsentu cun ella : u bilinguisimu è una cunneria senza nome. Perchè parlà francese allora chè issu paese di merda face parte di a Corsica dipoi Napuleò ?

15.mandatu da lisandru u 28/01/2012 23:13
u peghju so tutt' i corsi ch' anu da vutà pè ella, ghjè qui chi se vede a sferenza tra u naziunalismu corsu è u naziunalismu francese so due idee pulitiche ch' un s'accordenu micca. Ma mi pare chi certi un lu capiscenu

16.mandatu da Picadura u 03/02/2012 01:16
E "FIAMA CORSA" chi diventó !!!!

17.mandatu da Ghjuca pianella u 04/02/2012 11:38
Vulemu a parlà corsu sta bella lingua è a nostra storia ahhh marine le pen un capiscu nundà a a cultura di i populi bislingue a lingua è una tradizio

18.mandatu da Cum'ella vene... u 20/02/2012 18:10
U solu periculu per à lingua corsa, ghje à nazione frencese, e basta ! I corsi chi si dicenu frencese so belli peghju che marine melanchon et tutti quanti...
Indipendenza o morte , un hé micca una vulunta ma una realita

19.mandatu da loris u 02/04/2012 17:30
da http://it.wikipedia.org/wiki/Storia_della_Corsica

La memoria dell'influenza pisana è perpetuata dalla toponomastica, che si sviluppa a partire da questo periodo, dall'onomastica (sono tuttora diffusi in Corsica molti cognomi d'origine toscana), dalla lingua locale (toscaneggiante soprattutto nella regione di Bastia e del Capo còrso) e da alcuni dei più pregevoli esempi d'architettura romanica rimasti nell'isola, testimonianza dell'impegno anche edilizio (chiese ed edifici pubblici: su tutte le cattedrali di Nebbio, Mariana, S. Michele di Murato, S. Giovanni di Carbini, S. Maria Maggiore di Bonifacio, S. Nicola di Pieve) e infrastrutturale (strade, ponti, fortezze e torri).

Anche dopo l'inizio del dominio genovese, Pisa mantenne sempre stretti rapporti con la Corsica, come testimoniato anche dal ricco corpus documentario relativo alla Corsica presente ancor oggi presso la Curia della città toscana, cui fu a lungo annesso un collegio per seminaristi còrsi.

Poco noto, ma significativo, il fatto che il Nielluccio, uno dei vitigni più diffusi sull'isola (affine al Sangiovese di Toscana) e base del vino còrso Patrimonio, è stato importato in Corsica dai Pisani nel XII secolo.

A partire dal dominio pisano, e nei secoli a seguire, sino al XX secolo, non vengono mai del tutto meno i rapporti culturali dell'isola con Pisa e la Toscana, testimoniati anche dalla penetrazione di elementi schiettamente toscani e, persino, di interi brani della Divina Commedia di Dante nel ricchissimo repertorio di proverbi e canti tradizionali polifonici (paghjelle) dell'isola.

Nel frattempo prende prestigio in Corsica anche il volgare toscano, che ne diviene la lingua ufficiale.

Pisa sarà anche la prima delle sedi universitarie (seguita da Roma e Napoli) frequentate dai còrsi: diverrà così proverbiale anche nell'isola dire parla in crusca di coloro che facevano sfoggio di un perfetto italiano: tale abitudine resterà popolare sino a gran parte del XIX secolo. Hanno studiato a Pisa Carlo e Giuseppe Bonaparte, Francesco Antonmarchi - medico a Sant'Elena di Napoleone -, il poeta Salvatore Viale, l'igienista Pietrasanta, medico di Napoleone III venendo, nel caso degli Angeli, Farinola, Pozzo di Borgo ed altri a far parte del collegio docente e rettorale dell'Università toscana.


20.mandatu da ALTANAGHJA u 05/06/2013 05:13
Avia raghjone Maistrale "he megliu à allivassi un manarinu" che à allardà i puliticanti massimu quand'omu un parla mancu a listessa lingua .
Un semu micca "citoyens" di a republica francese ma piuttostu "sujets" di a listessa republicaccia peghja di genova in quelli tempi di a so dominazione, parchi i "citoyens", contadini, si rispettenu, tandu chi noi, ci manda à cagà Mariona e tutti i so tenistaffi

Novu cumentu :