Accueil
Envoyer à un ami
Version imprimable
Partager

Omagiu à Petru Guelfucci

Un munumentu si n'hè andatu è ùn ci pare mancu vera. Cù a morte di Petru Guelfucci hè partutu un pezzu di a nostra cultura è di a storia cuntempuranea di a Corsica. E canzone ch'ellu hà interpretatu ci accumpagnanu dapoi più di quaranta anni. Eccu u nostru omagiu.



Omagiu à Petru Guelfucci

A storia a cunniscite. Da l'incontru in u 1973 di Petru Guelfucci cun Ghjuvanpaulu Poletti, Saveriu Valentini è Minicale nasce u gruppu Canta u Populu Corsu. Principia cusì una mossa chì scuzzula a Corsica, tandu vergugnosa di a so lingua è di i so canti.

Omagiu à Petru Guelfucci

In u 1975 esce u primu discu di Canta, Eri oghje dumane. In I Corsi impinzutiti, Petru Guelfucci dà a risposta à Ghjuvanpaulu Poletti, nant'à un'aria di currente.

I Corsi impinzutiti


Ci canta dinù Lettera di u mulatteru à u Corsu. E parolle sò di Ghjuvanpaulu Poletti ma l'aria hè tradiziunale, in accordu cù a filusufia di u gruppu chì era di turnà à rende à u populu a so tradizione musicale sminticata.

Lettera di u mulatteru à u Corsu


L'annu dopu esce Libertà, u segondu discu di u gruppu. Petru Guelfucci intona Arritti (parolle Filice Filippi, musica GP. Poletti) chì sona cum'è una chjama à a rivolta. Pè a Corsica hè l'epica di a presa di cuscenza è di e speranze sceme.

Arritti


A strada di l'avvene, terzu discu di Canta, vene in u 78. L'andatura hè sempre quella d'imbulighjà creazione muderne è cultura tradiziunale. Petru Guelfucci face a segonda nant'à i Terzetti di u piuvanu. E parolle di a puesia s'eranu perse. In Sermanu à chì cunniscia una passata, à chì si ramintava duie parolle. Hè cusì ch'elli sò stati ricustituiti i terzetti. Sò stati scritti da u piuvanu (u curatu) di Boziu, Marcu Ghjuvanni Turchini, patriottu paulistu imprigiunatu in Tulò da a ripressione francese dopu à Ponte Novu.

Terzetti di u piuvanu


Nant'à u listessu discu si trova A strage di Bustanicu, chì ramenta l'assassiniu di dui pastori bustanichesi da un legiunariu dui anni nanzu. L'evenimentu avia pruvucatu un'emuzione tremenda in a regione. A voce è l'interpretazione di Petru, e parolle di Bartulumeu Dolovici è a musica di Ghjuvanpaulu Poletti ne anu fattu a canzona corsa a più cummuvente.

A strage di Bustanicu


Un annu dopu sorte u discu Chjamu a puesia. Ci si trova unu di i grandi tubes di Canta, U Vagabondu (parolle è musica GP Poletti).

Canzona vagabonda


Petru Guelfucci ci canta dinù Lettera à mamma, induve un sullatu corsu fattu prigiuneru in Alemagna scrive à a so mamma durante a guerra di 14. Hè cantatu in versu piuvisgianu (pulifunia à duie voce).

Lettera à mamma

Nant'à u discu chjamatu Libertà pè i patriotti esciutu in u 79, si pò sente Ribellu. U tonu hè cambiatu. Dop'à a rivolta, eccu u mumentu pè i militanti naziunalisti di a ripressione, di i prucessi è di l'annate di prigiò. I benefizii di u discu vanu à A Riscossa, chì vene in aiutu à i prigiuneri pulitichi.

Ribellu


In l'81 hè u famosu cuncertu in Parigi induve sò arregistrate duie canzone chì anu fattu u successu di Canta, Ci hè dinù (parolle di Ghjacumu Fusina, musica di GP. Poletti) è Ghjennaghju (parolle di Ghjacumu Thiers, musica di GP. Poletti).

Ci hè dinù


Ghjennaghju


L'annu dopu Ci hè dinù hè u titulu di l'album. Si pò sente a voce di Guelfucci per Vergogna à tè (parolle è musica di GP. Poletti). Più chè mai d'attualità nò ?

Vergogna à tè


Citadella da fà (parolle di Ghjacumu Fusina, musica di Natale Luciani) serà forse una di e più belle canzone corse.

Citadella da fà


Dop'à l'epupea di Canta u Populu Corsu, hè u mumentu di a carriera solu. In u 1987 sorte u primu discu di Petru Guelfucci. Si chjama Isula, è ci sò parechji colpi maestri, cum'è Isula (parolle di Ghjacumu Fusina, musica di Christophe Mac Daniel).

Isula


Tutti quelli chì anu u so paese in un spaziu chì và da u Silvarecciu à Carpinetu anu u so innu cù I Paisoli d'Orezza (parolle di Bonaventura Mariani, musica di Mighele Cacciaguerra).

I paisoli d'Orezza


Ancu i nostri cari è ricchi amichi l'abitanti di l'isula di Cavallu sò à l'onore (parolle è musica di Saveriu Luciani).

Cavallu


Ma l'album sanu hè bellu. Ci si trova Cantu (parolle di Saveriu Luciani, musica di Christophe Mac Daniel) è Paisaghji (Parolle di G. Fusina, musica di GP. Poletti).

Cantu


Paisaghji


L'annata 1991 vede a surtita di ciò chì hè a canzona a più cunnisciuta di Petru Guelfucci, cun u so discu Corsica (parolle di Petru Guelfucci, musica di Christophe Mac Daniel).

Corsica


Hè nant'à stu discu ch'ellu si trova dinù A Tribbiera, adattazione di u cantu tradiziunale, è Canta cun mè (parolle è musica di Petru Guelfucci).

Tribbiera


Canta cù mè


In u 1994 hè l'album Memoria, cù U razu biancu (parolle di Petru Santucci, musica di Christophe Mac Daniel), Cum'ellu hè tristu (parolle di Petru Guelfucci, musica di Mac Daniel).

U razu biancu


Cum'ellu hè tristu


Un'altra cità

In u 99 sorte u discu Vita, cù a ripresa di Pow Qow Una altra cità.

Venerà Sì mea in u 2009, induve si ritrova Trà di noi (parolle P. Santucci, musica B. de Nobili), Reame (parolle è musica O. Ancey) o D'Aiacciu à Bastia (cantata da Carlu Rocchi, parolle è musica D. Marfisi).

Trà di noi


D'Aiacciu à Bastia


Reame


È a tradizione allora ?

Ma Petru Guelfucci era dinù a voce di u cantu tradiziunale, ch'ellu ammaistrava cum'è nimu : ch'ella sia a messa (Messa nustrale in Sermanu, 1977), a paghjella o a munudia, (arregistrati cun Voce di Corsica in u 1994 o nant'à u discu Canti corsi in tradizioni, 1993).

U merlu neru

U merlu neru, lamentu d'un banditu di u Boziu imprigiunatu.

Paghjella : S'è tù sapisse...


Terzetti di Rusiu


A Violetta


Paghjella : Tanti suspiri ch'o mandu


Te Deum


Ma Petru Guelfucci ùn hè micca mortu. E so canzone, a so voce cuntinuveranu à ribumbà per sempre.




u 19 d'Utrovi 2021
PPC


Novu cumentu :


Seguitateci nant'à Facebook



Abbunatevi à a newsletter

Circà nant'à A Piazzetta