Accueil
Envoyer à un ami
Version imprimable
Partager

14 lugliu 1755, stu diavule di Pasquale Paoli...

Ci hè u "14 juillet". Eppo ci hè u nostru 14 lugliu, quellu di u 1755, quellu induve un certu Pasquale Paoli hè elettu capigenerale di a nazione corsa, à 29 anni.



14 lugliu 1755, stu diavule di Pasquale Paoli...
U seculu di e rivuluzioni di Corsica principia in u 1729, in Bustanicu, in a pieve di Boziu, quandu a pupulazione si rivolta contr'à i Genuvesi. Hè una rivolta contr'à a pressione fiscale troppu forte di Genuva, ma pocu à pocu nasce a cuscenza naziunale.

Di ghjennaghju 1735 à u cunventu d'Orezza trè capimachja mettenu in ballu a prima custituzione corsa. Si chjamanu Luigi Giafferri di Talasani, Andria Ceccaldi di U Viscuvatu, è Ghjacintu Paoli di Merusaglia. A custituzione spicca di manera definitiva a Corsica à Genuva. Dice dinù chì l'ottu dicembre, ghjornu di l'Immaculata Cuncezzione hè un ghjornu di festa.

In u 1736 Teodoru hè fattu rè di Corsica, ma l'episodiu ùn durerà tantu.

In u 1751, una cunsulta eleghje u curtinese Ghjuvanpetru Gaffori à u capu di u guvernu di a Corsica indipendente. Sentendu u perìculu, i genuvesi u facenu tumbà in u 1753.

Hè di lugliu 1755, durante trè ghjorni, ch'ella si riunisce una cunsulta à u cunventu Sant'Antone di A Casabianca. I rapresentanti di e pievi di Corsica sceglienu à Pasquale Paoli cum'è capigenerale di a Nazione Corsa.

Pasquale Paoli hà tandu 29 anni. Hè di ritornu da Napuli, induv'ellu avia seguitatu u so babbu in esiliu. Quallà hà studiatu a filosoffia, a storia, ampara parechje lingue è face e so prime prova in l'armata napulitana.

Ma a Corsica hè divisa assai è l'unione ùn hè micca semplice (cum'è sempre). A so prima misura hè di circà di mantene a pace trà i differenti capimachja.

In un paese induve l'interessu individuale hè più impurtante chè l'interessu cummunu, Pasquale Paoli s'impegna à prò di a Corsica. Scrive : "aghju ghjuratu d'impiegammi solu à prò di a Nazione è à a ricerca di a so libertà".

Sin'à Ponte Novu, ferà di a Corsica un paese mudernu, cù una custituzione chì spicca i puteri quandu i grandi paesi d'Auropa sò sott'à l'autorità di i rè tirànnichi. Ferà una muneta, aprerà un'università, metterà in piazza un'armata è una flotta, svilupperà l'ecunumia, è ferà l'ammirazione di l'Auropa di i Lumi. Senza cuntà nant'à a so prova di fà piantà a viulenza di e vindette, "nemichi di a sucetà è di a Patria". U so propiu nipote serà cundannatu à morte per quessa.

Tuttu principiò di lugliu 1755, à u cunventu Sant'Antone di A Casabianca, in a pieve d'Ampugnani...


u 13 di Lugliu 2014



1.mandatu da Ghjuvanluca u 15/07/2014 14:53
Da Cagliari a Bastia.......Gloria a Pasquale Paoli.Ora e Sempre esempiu di demucrazia,progressu e sguardu limpidu versu ù futuru.

Novu cumentu :