Accueil
Envoyer à un ami
Version imprimable
Partager

8 ottobre di u 1768 : i Francesi piglianu a so concia in U Borgu

Nanzu chì U Borgu diventi Borgaux, u paese hè statu u teatru d'una vittoria pè e truppe di Pasquale Paoli contr'à quelle di u Rè di Francia. À tal puntu chì Louis XV vulia abandunà a Corsica. Disgraziatamente ne deciderà altrimenti è metterà u pacchettu pè u macciu ritornu in Ponte Novu, qualchì mese più tardi.



8 ottobre di u 1768 : i Francesi piglianu a so concia in U Borgu
Hè durante l'estate 1768 di pessimu ricordu ch'elli scalanu i Francesi, in Bastia è San Fiurenzu. Sott'à u cummandu di Marbeuf, piglianu prestu u Capicorsu è u Nebbiu.

In piena cunfidenza dop'à ste vittorie (appena cum'è e squadre visitore chì venenu in Furiani in stu mumentu...), marchjanu versu a Casinca è a Marana sott'à l'ordini di Chauvelin chì piglianu a testa di l'operazioni.

I suldati sò scatinati. Scrive un raportu (d'un certu Lenchères) chì i generali di l'armata di u Rè : "étaient en peine de contenir leur ardeur".

Sott'à l'ordini di Pasquale Paoli, ci sò circa quattrumila omi. In faccia, cinquecentu Francesi marchjanu d'un passu decisu versu una concia.

A battaglia si passa in u paese di u Borgu (tandu ùn ci nè rond-point nè supermarché). L'ottu d'ottobre, hè datu l'ordine d'assaltà u paese.

Ma l'assaltu gira in furia à u fiascu. I naziunali tenenu e case è e truppe francese strazianu "sans outil ni aucun autre moyen d'enfoncer les portes, elles furent obligées d'y renoncer après une perte très considérable" scrive Lenchères.

I suldati di u Rè ci la facenu à piglià qualchì casa, ma e perdite sò impurtante. U 9 d'ottobre, i Francesi capituleghjanu.

Bilanciu : 4 uffiziali tombi è 25 feriti, 160 suldati "blessés ou tués" segondu u raportu, 500 sò fatti prigiuneri. Ùn si sà invece ciò chì i 200 Corsi ingagiati in l'armata francese sò diventati.

À tal puntu chì e cellule di a prigiò di Corti sò troppu chjuche è ch'ellu ci vole à neguzià un scambiu di prigiuneri.

I stòrichi ci dicenu ch'elle c'eranu ancu donne in U Borgu. Cun tutti i capimachja corsi (Clemente Paoli, Achille Murati, Nicudemu Pasqualini, Ghjacumupetru Abbatucci), c'era Ghjuliu Francescu Serpentini (di Pastureccia d'Orezza) cù a so moglia Rusanna "habilllée et armée comme un homme".

Ridiculizati, stumacati è surpresi, i Francesi pensanu un tempu à abandunà a cunquista di a Corsica. Si dice chì Louis XV ci hà pensatu. Ma anu ritenutu a lezziò e metteranu u pacchettu, mandendu più tardi circa vintimila suldati. A seguita, a cunniscite. Ponte Novu, a ripressione, Nicolas Alfonsi eccetera...

Infine, sappiate chì tempi fà, a vittoria era festighjata. In u 1968, Tino Rossi hà datu un spetàculu per l'inaugurazione di a placca.

È I Chjami Aghjalesi ne fecenu un tube in u 2010.

Articulu publicatu u 08/10/2014.

u 7 d'Utrovi 2015



1.mandatu da stumacatu u 08/10/2014 20:32
Belle affare, sapendu chi dopu c'hè statu a scunfita di Ponte Novu...!!

2.mandatu da Arg u 08/10/2014 23:18
Ci vuleria scambia u nome di tutti e carrughje Marbeuf pa festighja a vittoria

3.mandatu da circinellu1976 u 09/10/2014 13:38
A l'epica i corsi vidianu ciò ch'ell'era una culunisazioni, oghje postu chì u francesi a ci ficca in sottu, l'ochji di certi sò bè sarrati, è u corsu sparisce.. Sè l'antenati pudianu vultà pà vede u corsu abbandunà tuttu nantu a so terra, si cacciariani l'ochji... Corsica, ò cara mamma fà risorghje u dulori chì ti rogge.. o vergine Maria prega pà tutti 'ss'eroi cascati pà l'onore è a salvezza di u nostru paesi.. Evviva a nostra vittoria in Borgu ! A storia cuntinueghja..

4.mandatu da Vitriolu u 09/10/2014 14:39 (da un teleffuninu)
C''était à une époque où notre peuple n''avait pas encore été atteint de ce défaitisme chronique qui mpersonnellement, me donne envie de cuire ceux qui en sont atteints dans de l''huile bouillante

5.mandatu da Michele u 09/10/2014 16:27
per celebrare la memoria dell'8 ottobre, parlate corso a casa, parlate corso con gli amici, parlare corso a scuola, parlate corso sul lavoro......altrimenti la lingua si perde.
personalmente sono convinto che servirebbe l'italiano a fianco del corso per salvare il corso, pensate solo nell'italia meridionale (soprattutto a Napoli, ma comunque in tutto il sud dalla sicilia a roma) a quanto sono parlati i dialetti anche in luoghi "ufficiali".
salute a tutti

6.mandatu da Ghjuvanluca u 11/10/2014 13:30
Oh Michele non ci provare .La Corsica è dei Corsi.Ne con L'italia ,ne con la Francia.
Bella sicura

7.mandatu da talavesu u 11/10/2014 14:07
marbeuf era un poveru bastardu.I so figliulloni so cum'ellu.Sterpa maladetta.

8.mandatu da sardu u 08/10/2015 14:15 (da un teleffuninu)
Lotta ghjoventu...l avvene si tu...ricurdate...site voi a corsica ora...

9.mandatu da estrimei u 09/10/2015 20:17
b["8 ottobre di u 1768 : i Francesi piglianu a so concia in U Borgu "]b
a ringraziavvi di saluta stu fattu storicu .
a disgrazia hè chi 250 anni dopu , ùn ci hè più che una battaglia chi conta quella di e "territoriales"... per l'interressi di nepochi .
di a lingua si ne parla in frencese e s'adopra cume una bandera chi pò purtà qualchi votu .
a nazione , u Populu , a nostra cultura , sò passati di moda , e i nostri "sachants " ci spiecanu chi oghje u 'nterressu di a Corsica e di parlà di "développement" di "progrès" , di "résidents" di "multiculturalisme " .
cumu si fin'a oghje u corsu era statu una rubaccia chi ùn pudia pate u strangeru, chi scappava e nuvitai , e chi ricusava u sapè ghjuntu d'astrò .

bon , ùn femu tante chjachjare , ancu se no' simu sicuri chi nunda ùn cambierà , qual'hè chi vincerà a e prussime ?

Novu cumentu :