Accueil
Envoyer à un ami
Version imprimable
Partager

Cusì traghjì u Maistrale...

Appena di puesia ùn face micca male. C'interessemu appena à Dumenicantone Versini, dettu Maistrale ?



Cusì traghjì u Maistrale...
Hè riccu assai u pantione di i pueti corsi. Unu di i più famosi sicuramente, ci vense da e cuntrate Marignanese. Ellu hè Dumenicantone Versini più cunnisciutu sottu à u cugnome di Maistrale, ch'ellu ammantò d'altronde dopu à a morte di quellu pueta pruvenzale Frédéric Mistral fundatore di a mossa di u Félibrige.



Riferimentu à stu ventu viulente è seccu chì scorna i boi? Loda à Frédéric Mistral? O cuntrazzione asgiata di a parolla "Magistrale" ?

Dumenicantone Versini n'hà fattu u so cugnome giurnalisticu è fundò u giurnale "A Corsica" in u 1914.

Sottutitulatu "mozzicone di jurnale di i Corsi à u fronte", era distribuitu di rigalu à i suldati corsi à u fronte. Vi và ?


Cusì traghjì u Maistrale...


Dete una manu à u giurnale « A Muvra » è fece parte un tempu di u Partitu corsu d'Azzione di Petru Rocca in u 1922. Maistrale fù dinù prusatore, pueta satiricu è si prisentava cum'è « a lingua a più arrutata di Corsica ». Scrisse lamenti (Lamentu di u Banditu), sirinati (U Sirinatu à i sposi), nanne…

State à sente u Sirinatu à i sposi cantatu da Carlu Rocchi

Cunniscite di siguru "U Mulatteru", cantatu quì da A Filetta :


Adopra dinù a forma litteraria di tandu è a si prova à l'Almanaccu (Almanaccu di Maistrale) duve ellu arricoglierà detti, pruverbii, stalvatoghji, barzulette chì escera da u 1928 sin'à a guerra.

Ritrattu : Corsicathèque

Cusì traghjì u Maistrale...

Firmerà per u sempre a so opera una testimunianza d'un tempu ch'ùn hè più, e so pitture di a Corsica di tandu rispechjanu a rialtà di sta prima medità d'u XXu seculu.

L'estru pueticu di Maistrale hè impressu da temi à a moda di l'epica, l'abandonu di a Corsica, a pulitichella (digià) l'esaltazione di l'eroi corsi (In Paradisu), a natura... ma dinù una critica acuta è guasi prufetica di u (Santissimu) prugressu.

Va bè l'omu era indiatu ma Maistrale era dinù un tercanu di a sàtara è di u scherzu finu, era in u filu d'un Salvatore Viale, d'un Paulu Matteu de la Foata della Foata o ancu Zìu Santu.

Ùn la criderete forse micca, ma hà dinu dinù participatu inde « l'Almanaccu di Maistrale » à a nascita di a riclama in lingua corsa : « U so scarpu soca ùn sai, costa pocu è dura assai » o « Una cucina chì si vo pruvate, turnate centu volte è vi liccate » vale à Robocoppa nè ?

Una publicità in lingua corsa esciuta (ma micca di Maistrale) esciuta in u 1927 in L'Annu Corsu :

Cusì traghjì u Maistrale...

U situ Parlamicorsu ci conta sta sturietta nant'à Maistrale :

Da quand’ellu era sempre in vita, Maistrale fece fà a so tomba in u Cannicciu vechju. Annant’à sta tomba, fece dinò fà u so bustu in bronzu è ogni tantu ci andava à passà una stonda. Un ghjornu ch’ellu ci stava, un’ aghjaccina passò accantu è li disse :

« Bonghjornu o monsieur ! Madonna, s’assumighja à voi sta statula »

Maistrale li rispose : « Ma socu eiu ! »

Pigliata da u tremulu, a donna li dumandò : « Comu seti voi ? È parcosa seti surtitu ? »

Maistrale li sciaccò : «  Facia troppu frescu quì ingrentu, socu surtitu pà assuliammi un pocu »

A donna si signò è si cacciò à fughje. In quattru è trè sette, a burla di Maistrale fece ride tutta a cità è « assuliassi com’à Maistrale » firmò pruverbiale.

S'hè mortu in capu d'annu di u 50. À i so paisani li firmerà forse à mente quellu cappellone neru apparigliatu à un ghjileccu di villutu chì undighjava mandulina à traccolla.

Ma per noi forse u lirisimu di u "Sirinatu à i sposi" a putenza di l' "In Paradisu" induve Maistrale avviatu da Pasquale Paoli và à a scuperta di u pantione corsu, è l'evucazione di a "Divina Comedia" hè certa.

Per compie u so capu d'opera forse a "Canzona di u Cuccu" bellissima oda à a natura nascente è forse di più chè cusì :


Da sente dinù : Voceru à Maistrale di Ghjuvan'Pasquinu Acquaviva cantatu da Olivier Ancey :


Da leghje e pagine dedicate à Maistrale nant'à u bellissimu Isula Foru.

u 16 di Dicembre 2014
Panetta



1.mandatu da Lione u 16/12/2014 10:14 (da un teleffuninu)
Bellissimu articulu !
Cuntinuate cusì !

2.mandatu da estrimei u 17/12/2014 20:35
"Per compie u so capu d'opera forse a "Canzona di u Cuccu" bellissima oda à a natura nascente è forse di più chè cusì "
hè vera chi a Canzona di u Cuccu hè un capi opera, ma mi pare chi , custì , a natura 'ùn hè che scusa e quand 'ellu scrive :
Quand'ellu canta u cuccu
si rallegra a marina

eu capiscu : aiò o corsi , pigliate cuscenza , aprite l'ochji, tutti inseme pudemu fà un veranu di u nostru Paese .
mi pare dinù chi di u "magistrale" francese ùn currisponde micca a l'omu , ma ch'ell'appie ripigliatu a contu soiu u nome di "Mistral" si ghjustificheghja di più chi stu pueta era dinù un militente di u Paese occittanu .

3.mandatu da astrega u 18/12/2014 22:18
Mi dispiace o Estrimei ma Frederi Mistral ùn era micca un militente di u "Paese occittanu" chì ÙN ESISTE MICCA, ma di a PRUVENZA, paese reale e millenariu !!! Per u restu avete a ragiò ☺

4.mandatu da estrimei u 18/12/2014 22:57
a ringraziavvi o Streca,
a palesu , a contu meu , a Pruvenza , l'Occittania mi parianu listessa locu di cultura .

5.mandatu da astrega u 18/12/2014 23:27
A Pruvenza hè un paese d'urigine Ligure. Un veru paese, cù storia e tradizioni specifiche. A cultura ùn hè micca listessa ch'è in "l'occitanie". Bona fine di serata caru Estrimei.

6.mandatu da astrega u 18/12/2014 23:39
Sè v'interessa di capì u puntu di vista di i Pruvenzali pudete leghje sta pagina : http://daudau.blog.fr/2010/10/16/voici-quelques-elements-qui-permettront-peut-etre-aux-indecrottables-excites-de-9635085/#c20065916

7.mandatu da sardu u 18/12/2014 23:53
ligure??? simmai hè u ligure chi ava urigini pruvenzali...

Novu cumentu :