Accueil
Envoyer à un ami
Version imprimable
Partager

Da induve vene u campanile di Pasqua ?

Ùn ci hè merendella di Pasqua senza campanile è caccavellu.



Da induve vene u campanile di Pasqua ?
Caccavelli, canestri è campanili ma dinù, micchette o panette è tanti altri, eranu parechji i biscotti è dolci di Pasqua da un capu di a Corsica à l'altru. I libri è i siti di cucina d'oghje permèttenu à ognunu di ritruvà o simmai ancu di truvà e tradizioni spente o muribonde.

Ma i nomi ?

U caccavellu di Corsica suttana tene u so nome da u càccabu latinu, un paghjolu o una pignatta induve i Rumani facianu coce i so tiani.
U canestru era un cistinu, una cofa, un spurtellu.

U campanile hè parente cù u campanaru calabrese (chì vole dì anch'ellu campanile).

Caccavellu è campanile anu una forma tonda è s'empienu d'ove. Per st'ultimu, l'ove sò state apparagunate à campane innù i so campanili, ragionu logicu postu chì u venneri santu e campane ammutuliscenu è ripiglianu à sunà u ghjornu di Pasqua. Nurmale di ritruvalle nù i cistini pasquali.

L'orìgine  è u sensu ?

U paghjolu è u cistinu sò u sìmbulu di l'abbundanza è di a fecundità, quella di u corpu maternu. Sò e manifestazioni e più antiche di i primi riti campagnoli per dumandà à a Terra Matre d'esse generosa chì hè ghjuntu u veranu è sbuccia a Natura.

Tutti è trè, caccavelli, canestri è campanili anu a forma di una curona, è mancu appena una forma di campana per l'ultimu, cum'elli dicenu unepochi. A trasfurmazione di e forme di sti dolci, passati da stuvigli à curone vene à ammintà a gloria di Ghjesù risuscitatu.

Inquantu à l'ove chì sò inserite tantu in i caccavelli chè in i campanili, ammentanu anch'elle a vita è a risurrezzione. Quì dinù sò ripigliati i vechji riti pagani di parechi millennii nanzu à Cristu, ind'è l'Egizziani è i Grechi, induv'è l'ovu era postu in e tombe in attesa di a risurrezzione.

Eccu avà sapete da induv'elli venenu i nostri caccavelli è campanili di Pasqua. Pudete fà a vostra merendella.

Scrittu u 01/04/2013

u 28 di Marzu 2016



1.mandatu da ghjuva u 01/04/2013 05:32
a ringraziabi per st infurmazione..bonna merendella a tutti

2.mandatu da Calvoise u 01/04/2013 06:33
Grazie è bonu luni di Pasqua !

3.mandatu da Massimu u 01/04/2013 07:10
I campanili sò boni... Ma i più boni dolci di Pasqua sò i chjarchjoli balanini... E pè u salitu, eiu votu pè e casgiulose.

4.mandatu da Ghjacumu Andria u 01/04/2013 15:09 (da un teleffuninu)
Ghje sempre un piace d'ave e nudizie di à piazzetta ... Mi campu... Luntanu di corsica mi pare d'esse in paese in piazza cumuna à sente a unu e a l'altru cunta a soia ...a prestu

5.mandatu da aaa u 01/04/2013 15:19
In Sicilia Campanari

6.mandatu da ghjacumu andria u 01/04/2013 15:22
Ghje sempre un piace d'ave e nudizie di à piazzetta ... Mi campu... Luntanu di corsica mi pare d'esse in paese in piazza a sente a unu e a l'altru cunta a soia ..

7.mandatu da ANTO u 01/04/2013 17:24
E cum'ellu si dice :a corpu techju anima consula !

8.mandatu da ghjuva u 01/04/2013 18:17
induve si giacamu andria?

9.mandatu da rustaghja u 01/04/2013 21:17
Grazie per st'articulu

10.mandatu da ghjacumu Andria u 01/04/2013 22:42
O ghjuva, dapoï quasi vint'anni mi trovu in u loghu chi si chjama à Bretagne .. Corsi simu pochi.. Allora di tantu in tantu mi piace à fami una passighjada nantu à piazzetta.. À prestu

11.mandatu da u corsu u 12/04/2013 06:09 (da un teleffuninu)
Grazie mille.bon à merrendella a tutti

12.mandatu da Ramu u 31/03/2015 13:19

Novu cumentu :


Seguitateci nant'à Facebook


L'articuli

Abbunatevi à a newsletter

Circà nant'à A Piazzetta