Accueil
Envoyer à un ami
Version imprimable
Partager

Ma da induve vene a bandera corsa ?

Ùn hà mai tantu sventulatu ch'è in stu mumentu. Purtantu si cunnosce male a longa storia di a nostra vechja testa di moru...



Ma da induve vene a bandera corsa ?
Cum'ella hè strana a storia di a nostra bandera.

Ùn hè micca nata in Corsica. Ùn sò micca i Corsi chì l'anu scelta.

Prima rapresenta "l'altru", u moru chì hè statu battutu durante a ricunquista spagnola. Diventerà sìmbulu d'una nazione chì s'affirma cinque seculi dopu.

A cunniscite, a storia cumplessa di a vostra bandera ?

1281 : hè a prima prima !

A prima rapresentazione d'una testa di moru ricolla à u 1281. Ùn nasce micca in Corsica, ma in Spagna. In Aragone, più precisamente (a regione di Saragossa).

Ùn ci hè micca una testa mora, ma quattru, in giru à una croce (croce di San Ghjorghju). Stu sìmbulu si chjama "Cruz de Alcoraz" è rammenta una battaglia di a "Reconquista" spagnola di u 1096, a battaglia d'Alcoraz.

Durante sta battaglia quattru capimachja sarracini sarianu stati tombi è San Ghjorghju averia fattu un'apparizione. Cusì dice a legenda.

Hè un sìmbulu d'una vittoria di i rè aragunesi nant'à i sarracini chì occupanu a penisula spagnola. Guasi duie cent'anni dopu, in u 1281, un rè aragunese (Pedro III de Aragòn) l'aghjusta in e so arme. Sò sempre presente nant'à a bandera attuale di a regione di l'Aragone.
Ma da induve vene a bandera corsa ?


1297 : U reame di Corsica è Sardegna

In u Mediterraniu, e grande putenze chì si battenu sò e cità di Pisa, di Genuva, è l'Aragone.

In u 1297 u papa Bunifaziu VIII crea u « reame di Corsica è Sardegna » ch'ellu mette sott'à duminu aragunese.

Sta prutezzione hè sìmbolica, l'Aragunesi ci veneranu pocu è micca in Corsica. Si stabiliscenu in Sardegna è a Corsica ferma genuvese.

In quant'à st'illustrazione ùn ci fate casu, hè di u XVIIu seculu. In Corsica, a testa di moru ùn hè micca cunnisciuta tandu.

1370 : Nasce a prima testa di moru pè rapresentà a Corsica

Sta volta ci vole à andà à circalla in Belgica. U fondu di a bandera ùn hè micca biancu, ma d'oru.

Ci hè un librone in Brusselle chì si chjama « l'armorial de Gelre » (Gelre essendu u nome di l'autore) induve sò rapresentate l'armi è e bandere di e pruvince d'Auropa.

Ci si trova e pruvince aragunese : a Sardegna hà quattru teste di moru, a Corsica n'hà una. Hè nata cusì a nostra bandera, sott'à a piuma d'un dissegnadore belgicu.

Ma i Corsi ùn cunnoscenu sempre micca a testa mora. In l'isula i capimachja di i seculi XIV è XV si chjamanu Arrigo della Rocca è dopu Vincentellu d'Istria. Volenu mette fora i Genuvesi è sò per l'Aragone. Ma ùn si sà s'elli adopranu a testa di moru. Si pensa piuttostu di nò. Listessu affare per Sampieru Corsu à u XVIesimu.
Ma da induve vene a bandera corsa ?

1573 : a testa mora hè ripigliata da i geografi

Pocu impreme sì nimu in Corsica cunnosce sta fiura di u Moru. I cartografi ripiglieranu tutti stu sìmbulu. Hè u casu di u talianu Giacomo Mainoldi Galerati.

Avete rimarcatu chì a testa di moru ùn hà mai l'ochji fasciati. A storia di Pasquale Paoli chì alza u fasciu nant'à u fronte di u moru in segnu di libertà ritruvata hè bella... ma hè falsa.
Ma da induve vene a bandera corsa ?

1596 : Eccu quella d'un altru geografu

L'olandese Matthias Quad ripiglia anch'ellu a testa di moru in e so carte pè rapresentà a Corsica. Ci aghjusta una curona. Si sparghje sta fiura in e carte è i libri d'Auropa à u XVIIesimu... ma in Corsica, sempre nunda !

Ci vulerà à aspettà e rivuluzione di u XVIIIesimu per quessa.

Hè tuttu u paradossu di a nostra bandera. Hè nata in Spagna, ripigliata in Belgica, dopu da i cartografi taliani è olandesi... ma i Corsi ùn a cunnoscenu micca.
Ma da induve vene a bandera corsa ?

1729 : I Corsi in rivolta contr'à Genuva... ùn facenu micca sventulà a chjoma

In u 1729 principianu e rivolte di i Corsi contr'à Genuva. E pievi di Castagniccia entrenu in rebellione, è falanu à mette Bastia à l'abottu. Ma ùn facenu micca "sventulà sta chjoma".

L'utilizazione di a testa di moru da i rivultati ùn hè micca accertata da i storichi. Certi dicenu di sì, ma solu in u 1731, cun Ghjuvanpetru Gaffori.

Invece, a cunsulta di u 1735 chì dichjara a Corsica indipendente è induv'ellu hè sceltu u Diu vi salvi Regina cum'è innu, è l'ottu dicembre cum'è festa naziunale... ùn sceglie micca a testa mora cum'è bandera.

I naziunali decidenu ch'ella hè a Madonna chì deve figurà nant'à a bandera. Disgraziatamente, ùn avemu fiura di questa.

1736 : Ghjunghje u Rè Teodoru

Sbarca in l'isula Theodor von Neuhof, fattu rè di Corsica in u 1736, è l'affare si cumplicheghja.

Nant'à e carte di l'epica si ritrova u moru cù l'arme di u rè. Ma ste carte sò fatte in u nordu di l'Auropa, è ùn hè micca certu ch'ella sia aduprata sta bandera in l'isula. I storichi ùn sò micca tutti d'accunsentu.

Nant'à e munete, si stampa "TR", pè "Theodorus Rex" (o "tuttu ramu" per i magagnoni dispettosi di l'epica, è "tutti ribelli" pè i genuvesi impauriti)...
Ma da induve vene a bandera corsa ?

Invenzione di Teodoru o di i cartografi aurupeani ?
Ma da induve vene a bandera corsa ?

1762 : Pasquale Paoli stabilisce a bandera corsa

Pasquale Paoli hè ghjuntu à u pudere è rimette appena d'ordine. Sà chì i sìmbuli sò impurtanti. Scrive chì i stemmi (in francese « les emblèmes ») sò « necessari come il pane ».

A Corsica tandu hè in avanzu nant'à l'altri paesi d'Auropa è s'affirma cum'è una nazione muderna.

Pasquale Paoli stabilisce infine a bandera naziunale. Ùn vole micca mette a Madonna nantu, u segnu hè troppu religiosu. Ripiglia quella di Teodoru. Caccia a catena, aghjusta l'arme à i giganti marini.

Eccu a bandera chì si truvava in Ponte Novu. A bandera di a marina di Paoli invece hè bianca cù u moru solu, senza giganti.
Ma da induve vene a bandera corsa ?

Eccu quella chì si truvava nant'à a currispundenza di Paoli :
Ma da induve vene a bandera corsa ?

È quella di a cuprèndula di a "Giustificazione della rivoluzione di Corsica", di Don Gregoriu Salvini (1764).
Ma da induve vene a bandera corsa ?

In l'anni 1920

A testa di moru hè ripigliata in l'anni 1920 da u muvimentu autonomistu chì nasce. Hè simplificata, i giganti marini ùn ci sò più.

In u 1943, Jean Nicoli, resistente cummunistu hè tombu da i facisti in Bastia. Scrive à i so figlioli di purtà in segnu di dolu « a testa mora è u fiore rossu ».
Ma da induve vene a bandera corsa ?

L'anni settanta

Dopu essesi adrumintata, rinasce a rivindicazione naziunalista in l'anni settanta. In e manifestazioni pulitiche si vedenu e bandere corse.

Casca bè, in listessu tempu u SECB si face rimarcà in Francia è in Auropa. Ghjoca cù a sola testa mora in pettu. Sta fiura marca generazione è generazione di Corsi.
Ma da induve vene a bandera corsa ?

Affissu di l'associu Scola Corsa, in u 1972 :
Ma da induve vene a bandera corsa ?

L'anni ottanta : a bandera piattata

In u 1981, apre e so porte a prima assemblea di Corsica è... nisuna traccia di testa di moru. Troppu suvversiva ? Troppu pulitizata ?

A so fiura hè assuciata à a rivendicazione naziunalista, ùn piace à tutti. Sopr'à e porte di e merrie, di l'assemblea di Corsica, di i cunsiglii generali sventuleghja sola a... bandera francese.

Ci vulerà à aspettà ch'ella sia aduttata una muzione purtata da i naziunalisti per ch'ella sia ricunnisciuta è messa in fronte à tutti i bastimenti publichi, ma micca tutti.

In quant'à u logò di a CTC, ci vulerà à aspettà... l'annata 2012 per ch'ella fessi u so ritornu nant'à i ducumenti offiziali
Ma da induve vene a bandera corsa ?

Oghje ?

Avà, i gendarmi l'anu appiccicata nant'à e so maglie. Ùn ci hè un turistu chì parte senza una servietta o una maglietta. I magazini di ricordi ne sò pienu.

U mercantilisimu turisticu hà indebulitu a fiura ribella ch'ella avia in l'anni settanta è ottanta. Hè diventata un pruduttu di cunsumazione cum'è un altru.

Cum'è tutti l'altri ? Ùn ci vole micca à crede, e storie di l'interdizzioni di u prefettu di Nizza è di a LFP ci porta à crede chì a bandera corsa deve dirangià torna à certi.

Hè dinù quessa, a longa storia di a nostra vechja testa di moru...
Ma da induve vene a bandera corsa ?

"Sò corsu, aghju l'autocollant"...
Ma da induve vene a bandera corsa ?

A fiura chì u prefettu di Nizza è a LFP ùn vulianu vede...

ritrattu : spiritu-turchinu.com
ritrattu : spiritu-turchinu.com
Da leghje...

Le drapeau à tête de maure, Pierre Antonetti, La Marge, 1980.
L'origine de la tête de maure, Denis Luciani, Anima Corsa, 2014.

Da vede...
U ducumentariu di Jackie Poggioli "Testa Mora" in duie parte, diffusatu in l'emissione Ghjenti nant'à France 3 Corse in u 2009. Prima parte : "A stampa aragunesa". Segonda parte : À populu fattu".

Amparate u corsu è vulete vede a traduzzione in francese ? Hè statu traduttu nant'à u situ Ampargu a lingua corsa.

u 31 d'Utrovi 2014



1.mandatu da sardu u 31/10/2014 15:24
ìè hè nata in aragona e dopu chi avià conquistatu a sardegna decidenu di mette a testa di moru(4)e dopu avesse stati scunfitti in corsica dai i genuvesi e pisani anu inseritu a testa mora ancu in corsica...oppure un ' altra affermazione e chi a sardegna aveva solu 3 teste more e u quaru testa di moru l' avià datu a corsica ma dopu a conquista spagnola da parte di a sardinia i sardi si a soò ripresa, e paoli l' avià scelta cume libarazzione(moru bendatu a l' ochji) e avà decisu di tenella ancu dopu a sconfitta di i francesi a la maddalena e a cagliari,e ancu oghje e istituzioni l' anu lasciata ancu perchè hè u simbolu di a sardinia e raprisenta a libertà di l' isula ancu pè quessu i còrsi,durante u mediu evu,un a cunniscevanu micca.

2.mandatu da sardu u 31/10/2014 15:30
e un hè nata in belgica,l' anu solu ripurtata in vita in què periudu...

3.mandatu da sardu u 31/10/2014 17:09
in realtà a bandera nostra era a bandera di u regnu....e poi un si fece più nunda pè culpa dei spagnoli.

4.mandatu da u turcu u 01/11/2014 07:48
u logo di a prima assemblea vulsuttu da i cummunisti e jp di rocca sera vulia fa sparisce a corsica innegandula inde a francia (hexagone) cume France bleu rcfm fa sparisce a parolla corsica in u so logo.chjamemu France bleu rcfm, fb radio corsica.cusi anche i stranieri cercandu radio corsica ..............

5.mandatu da sardu u 01/11/2014 13:12
cusè france bleu rcfm?

6.mandatu da sardu u 01/11/2014 13:13
in che sensu fa sparisce a corsica...in radio?

7.mandatu da sardu u 01/11/2014 13:13
in che sensu fa sparisce a corsica...in radio?

8.mandatu da u turcu u 01/11/2014 16:37
he cusi che si chjama radio corsica: France bleu rcfm (radio corsica frequenza mora) cusi a parolla corsica sparisce!

9.mandatu da sardu u 01/11/2014 18:16 (da un teleffuninu)
Ok grazie u turcu,chi pezzi di merda!, ma vabe ci site abituati no?!!

10.mandatu da capicursina u 01/11/2014 19:41
per fà sparisce a corsica è u corsu mi pare ch'ùn emu bisognu di nimu: nant'à i giurnali si vede di più in più i nomi di i paesi cù accenti nant'à " e " ( galéria, corté...) o di e persone cù un 'tréma" (nicolaï, taddeï...)
Prima eranu talianizati (si pudia capisce storicamente) ma avà ùn sò più nunda: nè taliani , nè corsi , nè francesi
E quandu si sente a pubblicità nant'à Via stella " site prutesi " invece di 'prutetti" a messa hè detta!!

11.mandatu da marcu u 02/11/2014 10:25
Considerato che nell'articolo si mette in relazione l'origine, dell'attuale "bandiera" di Corsica, con quella dell'origine della "bandiera" di Sardegna, al fine di saperne di più, suggerisco la lettura del libro di Franciscu Sedda: "La vera storia della bandiera dei Sardi" - editto da Condaghes 2007, il quale in seguito a meticolosa ricerca ne ricostruisce la storia. Ad oggi, nonostante le polemiche e le contestazioni, nessuno ha confutato la ricostruzione del Sedda.
Paradossalmente, dopo secoli dalla conquista Aragonese, a causa della perdita della "memoria storica", nell'immaginario collettivo Sardo viene adottata a simbolo nazionale proprio l'emblema dei "conquistadores". Il simbolo della perdita della nostra indipendenza.

12.mandatu da a ciaccera u 02/11/2014 22:56
A ringraziavvi per st'articulu !

13.mandatu da Ghjuvanluca u 03/11/2014 09:45
Tutte e Bandere di ù mundu hannu una storia. A pritesa ch issa storia,sia sempri limpida e pura custi cume a vulerebbe ù nostru immaginariu e solu fola pè zitellucci. Sarebbi cume si omu ,avessi vissutu una vita nant'à a sola delizzia e nimu prublema. A Bandera è un simbulu chi adunisce e quellu chi importa di più in più e ù "significatu" chi li attribuisce ù populu sanu (avà cume in passatu).
E mai..... mai ù solu ghjudiziu storicu,di qualchi intellettuali.
Viva i quattru mori,viva a testa mora.

14.mandatu da marcu u 03/11/2014 20:13
La veritá storica, ricostruita dal Sedda, per quanto riguarda la bandiera dei quattro mori, nella battaglia di Sanluri del 1409, sventolava a simbolo dell'esercito Catalano/Aragonese di Martino il vecchio Re di Aragona.
L'esercito Sardo, guidato dal giovane occitano Guglielmo III di Narbona, nipote del Visconte di Narbona e di Beatrice De Serra, figlia del grande Mariano IV D'Arborea e sorella della tanto stimata Eleonora, attorno ai quali si uní tutta l'isola per difenderne l'indipendenza, ultimo discendente per via matriarcale ad avere diritto al titolo di Giudice "D'Arbaré", mostrava negli stendardi e nelle uniformi, il giovane albero deradicato, verde in campo bianco.

Viva i quattru mori, viva a testa mora, ma onore a S'Alvure.
Viva i quattru mori, viva a testa mora!

15.mandatu da Ghjuvanluca u 03/11/2014 22:20
O Marcu ghje tottu veru..... ma quellu chi ferma è chi avà.... e à ridicu AVA'...conta sulamenti ù "significatu" di u simbulu-Bandera. A storia soja un pò cambiallu micca o esse motivu pè ricusallu.Si poi volemu esse precisi.....in veru Guglielmu III di Narbona un'era nè Sardu,nè talianu ma per metà Francese di occitania come tu la dici bè.E va puru rimarcatu, chi bona parti di la famiglia d'arborea (Marianu IV in testa) so stati educati e istruiti in la corti Catalana in Barcellona,e chi Regnu Catalanu e Regnu D'arborea sò stati alliati insemme in la guerra contru Pisa.
A vedella bè a storia un'è mai pura e lineari ,centu per centu .Per quellu chi cucerne a mia, un'mi piacenu i fundamentalismi. Pace e salute

16.mandatu da sardu u 03/11/2014 23:18
francesi...quandu eranu alliati cu i sardi perdevamu,quandu eravamu contru vincevamu,vedi a battaglia di cagliari e di a maddalena contra napoleone...chi poi arborea era contra i spagnoli,essendu di stirpe (eleonora) catalana. Menumale chi un simu più sotta a u feudalesimu,sopprattutu spagnolu.Ormai mi stumaca "ancu" quellu talianu,comunque...simu sempre qui,corsi e sardi,cù bandere simile ma divise,un' altra volta.

17.mandatu da marcu u 04/11/2014 00:16
Certo, sono d'accordo con te Ghjuvanluca, ció che conta é ció che rappresentano oggi quei simboli, per voi Corsi e per noi Sardi, l'appartenenza per ognuno alla propria isola e al proprio popolo, alla propria lingua, alla propria cultura, alla propria storia, alla propria specificitá. Le differenze, tra persone, tra culture, tra popoli non sono un problema ma ricchezza. L'umanitá nel corso della sua lunga evoluzione si é differenziata in tante sfaccettature e noi siamo ne siamo parte. Purtroppo gli stati nazionalisti hanno visto e, in molti casi, ancora vedono queste differenze come un fastidio e le vogliono cancellare.
É vero, Mariano IV era cresciuto alla corte di Pietro III ed era sposato con Timbor di Roccabertí, nobildonna Catalana, Eleonora era nata a Molins de Rey in Catalunya. C'era un grande legame di amicizia che in realtá aveva e ha origini molto piú antiche. Neolitiche, se non addirittura paleolitiche. Come anche con la Corsica, Baleari, Toscana, liguria, Occitania.
Fatto stá che a un certo punto della storia ci mette lo zampino Bunifaziu VIII e l'amicizia diventa inimicizia, egemonia, scontro, guerra. Tuttavia Mariano sua moglie e i suoi figli non hanno dubbi. Il loro orizzonte era la Sardegna e il suo popolo.

18.mandatu da sardu u 04/11/2014 00:40
O ghjuvanluca ma un si sardu tu ?

19.mandatu da marcu u 04/11/2014 00:56
@sardu
Chissá come sarebbe stata scritta la storia se le truppe di Napoleone non fossero state respinte. Il fatto che in seguito furono cacciati i re sabaudi e chiesto aiuto ai francesi, appare come un ripensamento. Purtroppo prevalse la fazione pro savoiardi e la storia la conosciamo.
Gli spagnoli introdussero il feudalesimo e ci sfruttarono. Introdussero, prima il Catalano e poi il Castigliano. Ma a fianco del Sardo. Rispettarono anche usi e costumi e lasciarono in vigore l'ultima edizione della Carta de Logu di Eleonora. Il vero disastro lo fecero gli inglesi dopo la guerra di successione spagnola, assegnando il regno di Sardegna ai savoiardi. Da quel punto é andata di male in peggio.
Intanto, come dici tu, siamo ancora quí, con le bandiere divise, ma con un grande legame, dico io.
Il tempo che viviamo é difficile, l'obbiettivo é: resistere. In bonora.

20.mandatu da sardu u 04/11/2014 01:28
Marcugli spagnoli erano veri assassini dei sardi,sfruttavano le donne e le vendevano,ci trucidavano,solo i catalani avevano un po' di rispetto, anche se i catalani trucidarono gli algheresi,gli sterminarono e ripopolarono Alghero con catalani,la secessione spagnola e stata una fortuna per noi e' vero i savoiardi erano veri " furbi ",ma gli spagnoli volevano solo conquistarla la Sardegna,con ogni mezzo,pur di sterminarli,anche Savoia avevano "rispetto",quel poco,tento che l'inno era sardo ,persino d'Italia,poi cambiato con quello di Mameli,tornando sui francesi,fu solo g.m.angioj,che per me e' un traditore visto che voleva la Sardegna francese...NO GRAZIE. Pero i Savoia ci coinvolsero,ma hai ragione,porcate ne hanno fatto e come,ma viva millelire che li sconfisse e che tutti dimenticano.La storia non e' fatta di ma e di se,meglio così,almeno gli italiani,non quei pezzi di merda dello stato italiano,rispettano quel poco che ci rimane,che con la loro politica ci stanno dividendo...ma sempre UNITI,almeno tra noi,comunque sono d,accordo con te,non abbiamo mai conosciuto la vera libertà di essere rispettati,SALUDOS E BONA NOTTI

21.mandatu da Ghjuvanluca u 04/11/2014 08:22
(Marcu E Sardu) La vi dicu in'talianu.
La libertà si conquista,non si chiede (perchè é un diritto). La tragedia dei nostri popoli è tutta qui. A volte è mancata la forza,a volte la voglia,a volte abbiamo dimenticato,altre volte siamo stati proprio noi a rifiutare di camminare con le nostre gambe.Conosco la storia di Corsica,ho studiato la storia della mia patria la Sardegna ;ci o visto le stesse cose:Tante occasioni mancate.Credo che ora sia venuto il momento di non chiedere più a nessuno.
In quanto a me sono Sardo (e felice di esserlo) frequento la Corsica da quando ero bambino e non come un "pomatoghjiu (turista),è stato naturale imparare la Lingua (che vorrei parlare e scrivere meglio)sentirmi a casa. Perchè ? Siamo lo stesso popolo diviso da altri popoli e dalla storia....ma siamo lo stesso popolo.Non c'è altro che somigli alla Sardegna come la Corsica.Non c'è altro che somigli alla Corsica come la Sardegna.Per questo ,I Corsi sono e saranno sempre i miei unici fratelli.
Cinqui Mori duie Naziuni
A vedecci sani.

22.mandatu da a ciaccera u 04/11/2014 09:17
Avà l'affari sò in talianu...

23.mandatu da Ghjuvanluca u 04/11/2014 09:45
E' veru ,so d'accunsentu cù te
Ma Aghju fattu solu quessa di eccezzione.
Un' pigliattila à male o Ciaccera.

24.mandatu da marcu u 04/11/2014 10:24
@Ghjuvanluca

"La libertà si conquista,non si chiede (perchè é un diritto). La tragedia dei nostri popoli è tutta qui. A volte è mancata la forza,a volte la voglia,a volte abbiamo dimenticato,altre volte siamo stati proprio noi a rifiutare di camminare con le nostre gambe."

So d'accunsentu.
A vedecci sani.

25.mandatu da a ciaccera u 04/11/2014 10:58
Và bè O Ghjuvanluca, ùn era micca contru à tè !
Era per tutti quelli chì ùn capiscenu micca chì stu spaziu hè u SOLU per ragiunà in lingua CORSA...
Un ghjuellu preziosu per noi !

26.mandatu da Ghjuvanluca u 04/11/2014 11:25
No Bravu "Ciaccera"! à fattu bè à rammintallu puru a mia. A lingua Corsa in pettu a tottu in stu spaziu.
Amicizia

27.mandatu da a ciaccera u 04/11/2014 11:54
Amicizia o Ghjuvanluca !

28.mandatu da sardu u 04/11/2014 14:45
ghjustu ghjuvanluca,saludos frades.

29.mandatu da bandera u 04/11/2014 21:08
"u regnu di corsica sardegna " , "reame" quale hè chi s'ha inventatu sta parolla copiata nant'à u francese ?

30.mandatu da sardu u 05/11/2014 11:34
nissun reame....

31.mandatu da u turcu u 07/11/2014 08:24
Alghero era proibita pa i corsi e i sardi in u 18 siculu
in u cunsigliu cummunale di sassari cinqui posti eravanu riservati a i corsi in u 18 siculu

32.mandatu da sardu u 07/11/2014 14:09
perchè era pruibita alghero,in chi sensu?

33.mandatu da u turcu u 07/11/2014 15:35 (da un teleffuninu)
i catalani un vuliiàni micca i corsi e i sardi chjamavàni i corsi i gadduresi

34.mandatu da sardu u 07/11/2014 17:13
ah iè hè veru,poi in quei tempi i taliani in generale un eranu visti micca bè,vistu a guerra contra a genova e pisa,cumpresu i corsi,ma ancu i sardi chi si ribellavanu ai spagnoli e catalani...infatti l' anu sterminati l' algheresi a ripupulata di catalani di baleari e catalogna, tutti parlavanu spagnolu...e i corsi talianu! chi colmu.

35.mandatu da marcu u 07/11/2014 19:21
In u 18 siculu u regnu di sardegna un era micca di i catalani, era di i savoia (1720 Utrech). A conquista e a pulizzia etnica di "l'Alguer" hè di u 14 siculu ( conquista Catalanu-Aragonesa di u regnu di sardegna 1324).

36.mandatu da marcu u 07/11/2014 19:34
A storia di u "Tercio de Corsega"?

37.mandatu da sardu u 07/11/2014 20:14
no era in generale,un aghju specificatu u siculu, i corsi avianu ghja iniziatu a emigrà in u 14 siculu,ma eranu pochi rispettu a quelli chi veranu in 18 seculu. Cumè a storia di u tercio de corsega marcu? sò curiosu,ajò racconta=)

38.mandatu da marcu u 07/11/2014 20:24
Nu a sò micca, era una dumanda. Ancu eiu sò curiosu.

39.mandatu da marcu u 07/11/2014 20:33
Sò chi un erani micca corsi.

40.mandatu da Ghjuvanluca u 07/11/2014 21:30
Fundati in ù 1564 da Carlu primu di Spagna:"Tercio de Corcega (Corsica)" e "Tercio de Cerdeña
(Sardegna)". Erenu Suldati ,viterani Prufessunali di grandu sperienza stallati in li duie isule ,duminate di à Spagna. In Corsica fecenu guerra contru à a rivolta di Sampieru Corsu in ajutu di i Genuvesi.
Spagnoli micca Corsi o Sardi.

41.mandatu da sardu u 07/11/2014 21:37
facenu a guerra contra i corsi...pè aiutà genuva,chi ci guadagnarunu i spagnoli si l' isula era duminata da genova? pè dominalla veru ?! ajò ghuva racconta ancora,stranu chi mi sia scappatu issu particulare...più sò ,megliu pè me

42.mandatu da Ghjuvanluca u 07/11/2014 22:08
Pè fà più in furia fidighja i link :

http://it.wikipedia.org/wiki/Tercio_de_Cerde%C3%B1a

http://it.wikipedia.org/wiki/Sampiero_Corso

A Storia si mostra cù e soie cuntraddizione.

Salut'à tutti

43.mandatu da sardu u 07/11/2014 23:16
bona grazie

44.mandatu da marcu u 08/11/2014 19:26
À vede ci, Ghjuvanluca è grazie!

45.mandatu da poggioli u 10/11/2014 02:05
A ringraziavi pà a voscia rifarenza à i mè ducumentarii, mà saria pussibuli ramintà l'annu di a so diffusioni, come pà i libri citati? So stati fatti in u 20O9.

46.mandatu da sardu u 10/11/2014 05:20 (da un teleffuninu)
diffusioni di a testa mora e di a só storia?

47.mandatu da rinucciu u 15/11/2014 02:16
In fatti ci voli hà procisà a bandera ùn hè micca stata fatta in Belgia, u "stemmariu di Gledre" unu dii maio ducumentu fattu a l'epica, ùn hà fattu cà rippiddà un simbulu ch'iddu avia dighjà vistiu in aragonu. Un l'hà micca atribuitu di modu spicifficu à a Corsica da a propria iniziativa. In quantu à u parchi di a scelta ci voli a ramintassi chi in Corsica a rincquista asista cù a mitulugia d'Ugo Colonna chi si badava à u XVIIIu cù a Muresca in festi pupulari maio. A testa mora era pà i Corsi u Regnu corsa da tempi di gentili, tempi li Sarracini è tempi cristiani dopu a rincunquista ed a raghjoni di a scelta finali di Paoli. Hè tuttu fora di un azardu.

Novu cumentu :