Accueil
Envoyer à un ami
Version imprimable
Partager

"Faut profiter" : è s'edda era a frasa di quiddi ch'ùn prufittani più di nunda ?

Avemu ricevutu stu picculu testu di riflessione è u publichemu quì. Prufittà, cumprà, cunsumà... È sì u benestà si truvava in d'altri piacè, più semplici ?



"Faut profiter" : è s'edda era a frasa di quiddi ch'ùn prufittani più di nunda ?
À spessu quandu omu faci una spesa, certi volti dinò quandu accadi una disgrazia, si senti st'infrasata "faut profiter". "Tu as raison mon coco, il faut profiter", o "à ton âge il faut profiter" è ancu "ce n'est pas grave il faut profiter".

Ma si senti dinò pà ghjustificà qualcosa ch'ùn hè micca raghjunevuli, comi pà circà à cunvincia si ch'edda era nicissaria. "C'est bon c'est Noël, faut profiter", "heu ! C'est quoi 1000 euros pour un week-end ? Faut profiter un peu !", "lâche toi un peu, profite !". È u must "qu'est-ce que j'allais en faire de ce terrain ? Il valait mieux le vendre pour profiter" (da veru).

Ci mancarà tanti cosi pà vulè sempri cusì prufittà ?
È s'edda era in fin'di contu l'infrasata di quiddi ch'ùn prufittani più di nunda ? Di quiddi chì sò sempri in cerca di piaceri è di gudezza ? Di quiddi chì sò abbunati à tutti i canali di televisiò, ch'ani sempri bisognu di nuvità, chì partini à Eurodisney tutti l'anni, è chì à spessu pensani "qu'il n'y a rien à faire ici".

Techju di cunsumerisimu, di i brutti nutizii chì sfilani nantu à BFM TV è i reti suciali, di pulemica pirmanenti, l'omu ùn truvaria più u so piaceri in u so cutidianu. Viaghjendu di più in più capu calatu o arechji brancati è microfunu abbuccatu comi i parighjini chì facini u corri corri appressu à i metro, u corsu ughjincu ùn misura mancu più a furtuna di u so campà. Ùn piglia più piaceri postu nantu à una panca fighjulendu u mari o i muntagni, aspittendu a calata di i soli, fighjulendu una banda di sgiotti, mittendu dui pezzi di legnu à u focu, biendu si un caffè à u soli o ancu puru capu à capu incù u patroni, à u calma una stundetta, in a fratiddenza è a spartera. Oghji si codda in paesi a dumenica è s'adopra u modu di campà di a cità, chjosu in casa cù a tilivisiò è u tilifuninu, pigliendu l'apperitivu in casa senza fà si veda mai.

È quandu, à rombu di campà di modu virtuali, risenti una mancanza, tandu fraza i so soldi à l'infuria truvendu cusì un pocu di dopamine, cridendu di ritruvà un spiritu libaru, un statu di suddesfu sminticatu. Ma dura poca a midicina cumpraticcia. Chjama à piglià prestu un'antra midicina. Hè l'iniziu di a ricerca frinetica di gudezza. Di u bisognu ch'ùn stancia, di a ricerca di u bè in spesi ch'ùn ani più chè una funzioni : truvà una cuntintezza scappaticcia, fendu crescia u bisognu è un statu d'insuddisfera pirmanenti.

À pocu à pocu, omu ùn trova più u so piaceri ind'è l'altri è u so ambienti, trova u piaceri in u superficiali, in ciò chì hè à gallu è micca in fondu. È faci ancu cusì in a so busca di l'anima suredda, chì diventa una anima suredda anch'edda scappaticcia, prestu rimpiazzata. Tandu omu diventa individualistu, è tralascia a sulidarità, quissa chì era u cimentu di a nostra sucità, ´ssu campà insemi à l'usu corsu, 'ssa manera naturali d'essa bè ind'è a rilazioni à l'altru, aiutendu à l'uni, manghjendu cù l'altri, prufittendu di a simplicità, suddesfu d'avè cuntribuitu à qualcosa, in a fratiddenza, in un mondu induva u soldu è a cunsumazioni ùn erani micca à u puteri.

Chì fà tandu ? Cuntinuiscia u ritimu di u compra è venda o ricircà u piacè in a vita d'ogni ghjornu ?
Hè sicura chì ci voli à prufittà di a vita, ma sarà sempri pussibili di campà in a simplicità firmendu suddesfu cù pocu ?

Articulu azezu scrittu da un' omu forsa mezu depressivu ma beatu cùn pocu.

u 21 di Nuvembre 2018
U Pettirossu


Novu cumentu :