Accueil
Envoyer à un ami
Version imprimable
Partager

"A Passione di e castagne" (Petru Mari)

Un testu di Petru Mari è di Paulu Felice Nasica, esciutu in u giurnale A Fiaccula di A Castagniccia (numeru 1, 1979).



Pigliate un grataghju
cù una grate chì hè invechjata bè
Rendite a so ghjuventù à u fucone è tandu
pigliate furlanetta è rustaghja
tagliate
polle, arbitru, filetta è lecce
nettate u castagnetu cum'è a palma di a manu
è aspettate
aspettate chì e castagne caschinu
in istu mentre
pudete cantà
pudete sunnià
pudete perseguità e streghe à l'aghja di u Zuccarellu
o allora
vi calcate à u chjassu
è aspettate
aspettate chì e castagne caschinu
à a prima lampata di tighjulana
fate subitu un filare è cuglite a manesca
chì à a prima lampata di tighjulana
a tighjulana hè libera
pè a ghjentile
fatela puru dopu
ma ùn vi scurdate di a ruspatoghja
senza, e dite v'anu da frighje
è pò ingratate
ingratate à lampera
cù tagliola è balla à corpu pienu
ingratate à lampera
chì l'invigliosi cù a faccia gialla
ne feremu malati di u stomacu
sti techji di pensione
d'articuli dece
di centu per centu
è di terza persona
quandu a grate hè pronta à rende l'anima
o chì e vostre dite dumandanu perdonu,
incendite u focu
ma micca qualunque focu
ma micca qualunque fiaccula :
à a castagna li si dà
u cusì dettu "amore di u focu"
cù poca fiaccula
bellu fume
è pacenza,
pacenza d'ùn spinghjelu mai
pacenza d'ùn mette una fiara di u diavule
chì e vostre castagne serebbenu abburate
è bone per i porci
è turnate à aspettà per iste loche o per isti caffè
duie o trè volte pigliate a vanga
è girate e vostre castagne
chì a cima pigli fondu
chì lu fondu pigli cima
è u cantu pigli centru
cù u rastellu apparinate u sopra
sè v'avete lasciatu passà u tempu
s'ella ùn v'hè ancu pigliata a brama di a cità
o di u maladettu cuntinente
lasciate u tempu passà
chì prestu ghjunghje l'ora di a pistera
appruntate u troppu
cù u so saccu crosciu nantu
falate da u granaghju
a saccula chì babbu hà allibratu dece anni fà
legateli un fondu
è dateli di manu
a saccula legera
à manu diritta
chì a saccula s'infitta
à manu manca
chì a saccula si stanca
ùn lasciate aspettà
e donne cù u cernigliu
empiitelilu
ch'elle stinzinu e bracce
a pula si ne cascherà
è resterà a castagna cù u so pocu di lesina
viutate cusì a grate
è dumandate aiutu à l'invigliosi
chì ne seranu imbumbati
ùn vi n'andate ancu
a lesinaccia chì face a farina amara hè sempre quì
santa castagna dumanda sempre faccenda
mettitevi in dui
tenite forte u saccu pienu pè e so quattru arechje
è minate
ma minate forte nantu à un troppu
chì a lesina ùn resiste
è tandu
ma tandu solu
averete castagne è pisticciuli bianchi
sbuchjati di a so lesina
duri cum'è a petra ferrigna
avà
sè vo site palatinu
è postu ch'ellu hè quistione d'amore
date à iste castagne bianche l'amore di u fornu
u fornu chì v'avete scallatu è nettatu dinanzu
un amore prufondu è lente di vintiquattru ore
eccu
eccu a vostra passione finita
è cumencia quella di a macinera
quella ch`ùn arriguarda chè à u mulinaiu
fate puru scuppà pè i paesi
e bombe di a pulenda
è s'ellu ùn hè ancu a rivuluzione pè certi
serà digià a indigestione
ah... chì eo ùn mi ne scordi
i mulloni rigalateli à u merre.

u 22 d'Utrovi 2018


Novu cumentu :