Accueil
Envoyer à un ami
Version imprimable
Partager

Attenti, scuperta maiò in Omessa !

Un artistu di u Rinascimentu talianu, autore di pitture à l'affrescu in un paese di u centru di a Corsica ! Hè a scuperta chì hè stata fatta in Omessa è hè un picculu terramotu. Si tratta di Giovanni da Piamonte, discipulu di u grande maestru Piero della Francesca.



Ma ripigliemu tuttu à principiu. In u 2014 sò stati scuperti l'affreschi in a chjesa Sant'Andria, in u paese d'Omessa (pieve di Tàlcini). Ne aviamu digià parlatu tandu.

Duvimu sta scuperta à Nicolas Poli, chì s'occupava di a risturazione di l'edifiziu.


Tandu sò sbarcati in Omessa spezialisti di storia di l'arte, sapientoni è circadori. È chì anu trovu ? Chì ste belle pitture sarianu l'opera d'un pittore tuscanu di u XVu seculu, Giovanni da Piamonte.

Stu nome ùn vi dice forse nunda. Ma Giovanni da Piamonte hè cunnisciutu per esse statu l'elevu di u grandissimu pittore di u quattrucentu, Piero della Francesca.

Hè cunsideratu cum'è unu di i tercani di u Rinascimentu talianu. A so opera a più cunnisciuta hè u doppiu ritrattu di i duchi d'Urbinu, spostu à l'Offizi in Fiurenza.

Attenti, scuperta maiò in Omessa !

Tandu a tecnica di a perspettiva era nova. Cum'è in st'affrescu di a Risurezzione di Cristu.
Attenti, scuperta maiò in Omessa !

Giovanni da Piamonte averia dunque assistitu à Piero della Francesca in u so travagliu. Cumu pè l'affreschi di a chjesa San Francesco d'Arezzo, in Tuscana.
Attenti, scuperta maiò in Omessa !

Cumu un maestru di a pittura hè pussutu passà da a Rinascita tuscana à un paisolu muntagnolu di Corsica ? Per avà ùn si sà è l'affreschi di Corsica ùn anu ancu palisatu tutti i so misteri. Ma hè a prova chì a Corsica ùn era « fora di u mondu è di u tempu ». Ci vulerà forse à turnà à cunsiderà u « grande tunnellu bughju » di u Medievu corsu...


L'infurmazione hè stata palisata da u cunservatore di i munumenti storichi ellu stessu, Vincent Simonet. Era in u guatru di u cullochiu internaziunale nant'à l'affreschi, l'8 nuvembre scorsu.


Eh iè, ci hè appena di a grande pittura tuscana di u Quattrocento in u centru di a Corsica. Ùn vi pare nunda ?

L'architettu chì s'hè occupatu di a risturazione di a chjesa hè Sébastien Celeri. Spiega chì Sant'Andria d'Omessa « ci parla di sei seculi d'arte è d'architettura di Corsica. Hè stata custruita da u vescu Ambroggio d’Omessa è trasfurmata à u XVIIu seculu. Dopu hè stata ornata da Giovanni Raffalli, terza generazione di i famosi stuccatori è pittori barocchi di Pedicroce. Eppo risturata da l’architettu curtinese Aureliu Guglielmi in u 1891. »

Ma cose da scopre ci n'hè sempre. Ci spiega l'architettu : « L’ultimu cantiere di l'anni 2015-2016 ci hà apertu una finestra versu l’origine di stu munimentu incù sta scuperta, trà e più maiò di a storia di l’arte in Corsica. Ci mostra chì a Corsica hè bè stata tocca da u Rinascimentu talianu è l’arte di i maestri di u Quattrocento. »

L'affreschi rapresentanu in a parte bassa u martire di San Petru, nant'à a croce. Hè unica in Corsica.

È in a parte alta si vede à San Martinu chì strappa a so cappa per dalla à un poveru. Quessa hè unica in Auropa : u poveru hè rapresentatu cum'è un zitellu.

Eccu un ritrattu di l'inseme dop'à a risturazione (fatta da Ewa è Nicolas Poli).

L'altra insignamentu maiò hè chì ci porta à turnà à pensà a storia di l'arte in Corsica. Spiega Sébastien Celeri : « Si dice sempre chì in Corsica simu passati da u Medievu à l'epica barocca senza ch'ellu ci sia statu l'epica di u Rinascimentu. L’affrescu d’Omessa pare esse un "anellu chì manca" trà u Medievu è l’epica barocca. »

Avà sapemu chì un pezzucciu di ciò chì i più grandi artisti taliani di u Rinascimentu talianu sò capaci di fà si trova in Corsica.

È pudemu fà a scumessa ch'elli fermanu tanti tesori à truvà, ch'elli sianu piattati in e chjese o sottu terra...

Attenti, scuperta maiò in Omessa !

u 9 di Nuvembre 2018


Novu cumentu :