Accueil
Envoyer à un ami
Version imprimable
Partager

Perchè chì ci vole à stà à sente u Corsican Trio ?

Esce avà u dischettu di u Corsican Trio, duv’ellu hè solu scrittu in chjucu ch’ellu prupone jazz manouche è canti corsi. Eccu un mischju bellu cunnisciutu in Corsica, soprattuttu per ssi cabarets aiaccini simbulizati da dui miti: Paulo Quilici è Antone Bonelli. Eppuru l’interessu è a cuerenza musicale firmerianu à dimustrà. A sapemu bè ch’ùn basta à avè una voce tremenda o à esse un gran virtuosu pè fà a musica bella...



Siamu chjari: quì ùn si parla mancu appena d’una razza d’animazione d’istatina. Ùn si parla nemmenu di ripiglià i più grandi successi di un altru mitu, Django, sunendu i Minor Swing è Nuages talmente cunnisciuti ind’è u mondu sanu chì l’interessu d’arrigistralli hè più pocu.

Nant’à i 12 tituli, ci si trova trè successi tamanti, ma sò successi di a musica corsa: Valse ajaccienne, Ultima strinta è Solenzara. Si pò sempre criticà a scelta ma l’essenziale ùn hè quì. Di sicuru, cusì u gruppu pò allargà a diffusione di a so opera trà i Corsi -chì l’amatori di jazz ùn sò cusi numarosi-, ma rende ancu un bellu umagiu à a nostra tradizione musicale.


Avemu dinò drittu à duie altre canzone: un Sirinatu cumpostu da u stessu Bonelli, è u cusì bellu (è tristu) Tango del Mare chì ci ramenta quant’ella hè stata prezzata a canzona napulitana in Corsica. Infine si staranu à sente pezzi di jazz ch’ùn appartenenu à a categuria di i standards i più famosi (soprattuttu e trè creazione uriginale), ma chì sò di prima trinca.


Certi diceranu chì u Corsican Trio nasce soprattuttu da un talentu individuale. Hè vera: Fanou Torracinta hà un talentu eccezziunale (ascultemulu à 14 anni !), una tecnica da stupisce, è soprattuttu una maturità musicale incredibule quandu omu sà ch’ellu hà fistighjatu i so 20 anni pocu fà. Puru quand’ellu impruviseghja un solo di trè minuti nant’à una scena, ghjè rara ch’ellu vi dia fastidiu. Si rimarca dinò quantu u so sonu hè dolce da ramintà Paulo Quilici, è attempu bellu più prufondu (st’aspettu hè ancu favurizatu da a tecnica d’oghje).


Ma quandu u scopu hè di fassi cunnosce for’ di Corsica, si sà chì a cuncurrenza hè tremenda. Dapoi l’anni 90 s’hè sviluppatu un risicu d’overdose in quellu stilu di jazz, chì ci si trovanu virtuosi à palettate. Tandu, per u nostru tarcanu, u più difficiule sarà avà di precisà a so identità musicale, attraversu a so manera di sunà quant’à a scelta di i pezzi. L’ultimu titulu dimostra ch’ellu hè avvezzu à a cumpusizione è agalapatu, ma ferma tantu da fà.

Eppuru Corsican Trio hè dinò un veru gruppu. U valore di u sulista ùn nasconde micca a qualità di i so cumpagni. U viulunistu invitatu hè un talentu digià ricunnisciutu in Francia, è u contrabassistu prupone belle intervenzione solo è marca soprattuttu una ritimica di qualità (peccatu chì u sonu -accade à spessu pè stu strumentu quì- sia certe volte un pocu imprecisu).


Infine, ci vole à dì qualcosa di particulare nant’à Arnaud Giacomoni, forse u cumpagnu u più fidu di Torracinta. Quellu dimostra a qualità è a maturità di a so voce, bella piena è cù un vibrato abbastanza lentu, cù un estru tipicu di i cantadori di u Pumonti. Forse chì u mischju mette quella voce un pocu troppu in avanti rispettu à i strumenti, ciò chì danna appena e duie parte. Si pò ancu sperà chì prestu Giacomoni si cappiarà di più, è ch’ellu si sinterà di più ind’è i rigistri intimisti è dramatichi. Ma puru sò cunvintu chì e so interpretazione saranu prezzate. Si canta bè, di modu bellu sfarente rispettu à l’uriginali, è l’accumpagnamentu hè pinsatu benissimu, riccu ma mai pisivu, à u serviziu di a voce.


Dunque, ùn siate dubbitosi. Quellu stilu ùn piace à tutti, ma ghjè digià una prova chì giovani artisti corsi sianu capaci d’ammaistrallu cusì è di mischjallu bè à a musica nustrale. Andate puru à ascultà u Corsican Trio, sia u so discu, sia nant’à una scena, sianu i dui. A mo scumessa hè ch’ùn vi ne pinterete micca.

Si pò vede u Corsican Trio nant’à una scena:
17 di ghjennaghju, Aiacciu, Spaziu diamant
21 di ghjennaghju, Corti, Spaziu Natale Luciani
24 di ghjennaghju, Campu, u Carabonu
30 di ghjennaghju, Parigi, Atelier Charone
31 di ghjennaghju, Parigi, Espace Cyrnea

A so pagina Facebook
Situ internet

u 12 di Ghjenaghju 2015
Andria



1.mandatu da ziu u 12/01/2015 21:33
eppuru un articulu chi in più d'esse interessante hè ben scrittu e cu una lingua ghjusta ... o li miraculi !!! o indrì cuntinueghja à scrive per piacè ..

2.mandatu da coltrane u 12/01/2015 22:03
so troppu forti sti tippi...si sente subitu a passione, BRAVI

3.mandatu da Luca u 13/01/2015 08:35
Chi piacé di legge un articulu scrittu cusi be senza vede una parola in francese infrugnassi bravu a quellu chi l ha scrittu

4.mandatu da acquaviva u 13/01/2015 13:10 (da un teleffuninu)
Dece e lode per st''articulu ben scritu senza esse invasu da u corsu fotocopia di u francese in somma una lingua italo rumanza

5.mandatu da ziu u 14/01/2015 21:12
u prublemu certe volte un he micca ch'ellu ci sia duie o tre parollaccie francesi (nu a lingua "orale" si sente à spessu ancu e sopra tuttu da a parte di ghjente ch'hanu u corsu per lingua materna) , ghje piuttostu chi u corsu chi si sente (e si leghje) sente troppu a lingua amparata e artificiale .. per parechji giovani un he piu che un mischiu d'infrasate intese à u postu spessu false e stereottippate (per esempiu avà mettenu tuttu "in ballu " ..)

Novu cumentu :